Giovedì , 21 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Emmanuela Bertucci. Ma quale class action mondiale...  
Volkswagen, risarcimento danni e informazione
02 Ottobre 2015
 

Firenze – Più che all'azione collettiva viene da pensare ad una isteria collettiva. Si fa un gran parlare in questi giorni della scandalo Volkswagen e delle class action nazionali, continentali e addirittura planetarie, pronte ai blocchi di partenza se non già iniziate (circa 80 class action già partite... class action in 22 Paesi... ecc. ecc., class action europea... sia chiaro, la class action europea NON esiste). E la class action diventa specchietto per le allodole per le associazioni di consumatori che, gridando allo scandalo, puntano –immaginiamo– a fare più associati...

Cerchiamo di fare un po' d'ordine e capire se e quali azioni potrebbero effettivamente partire.

 

DOMANDA. Che tipo di danni (risarcibili) ha cagionato la condotta della Volkswagen, a chi li ha cagionati e, se ci sono, quali i margini per una azione?

RISPOSTE

- Un primo danno sarebbe quello agli investitori Volkswagen, che hanno comprato azioni della società. È risarcibile il danno da crollo azionario? Sicuramente ha più chance di essere accolta una azione (di classe o meno) che chieda il risarcimento del danno all'investitore che al momento dell'acquisto delle azioni ha comprato a un prezzo X, prezzo fraudolentemente falsato dal fatto che le valutazioni della società erano gonfiate, e che quest'ultima in realtà aveva raggiunto quella quotazione di borsa (anche) tramite il trucchetto del software. Ipotesi. E quand'anche un danno ci sia veramente stato e sia provabile, quantificarlo non sarebbe semplice.

- Quanto allo sforamento delle emissioni (ossidi di azoto e polveri sottili nascoste dal software incriminato) occorrerebbe provare il danno alla salute subìto dai singoli, per il quale l'accertamento del nesso di causalità –cioè la diretta riferibilità del danno alla condotta che lo avrebbe cagionato– è difficilmente provabile.

 

In merito alle class action che vengono sbandierate in Italia per gli acquirenti di auto Volkswagen, la vicenda è tutta da vedere e la situazione deve ancora svilupparsi. E ciò perché:

- Bisogna innanzitutto capire quali auto vendute in Italia siano coinvolte. Occorrerà aspettare la campagna di richiamo, e far operare i meccanici. Operazione che avverrà senza costi per l'acquirente. Quale può essere allora il danno subito dall'acquirente (oltre al danno “morale” di esser stati convinti di aver acquistato un'auto con emissioni X e trovarsene invece fra la mani una che ha emissioni X più N)? Quale il concreto danno economico?

- Quell'auto avrebbe avuto un costo diverso se non ci fosse stato il trucchetto del software? È tutto da dimostrare...

- L'unico danno risarcibile potrebbe essere –ipotesi da non meccanici quali siamo– se le modifiche in seguito alla campagna di richiamo Volkswagen portino ad una diminuzione delle prestazioni dell'auto, o ad altri problemi che possano cagionare danni. Tutto da vedere. Anche grazie a perizie che possano convincere un giudice della concretezza del danno sofferto.

- Altro danno tutto da provare potrebbe verificarsi nel caso in cui l'intervento meccanico, a seguito della campagna di richiamo, abbia comportato un aumento dei consumi di carburante. Dal punto di vista probatorio quindi occorrerebbe un monitoraggio dei consumi pre e post intervento per evidenziare le eventuali discrepanze.

- Sulla conformità del veicolo alle caratteristiche dichiarate al momento della vendita... È sempre valida la garanzia del venditore –due anni– sui vizi di conformità? Si può provare che quella caratteristica era stata fondamentale nel determinare l'acquirente all'acquisto, magari anche grazie alla pubblicizzazione della stessa?

 

Situazione, quindi, non semplice. Che abbisogna ancora di tempo, anche per valutare appieno le iniziative della Volkswagen per cercare di porvi rimedio. Tempo che serve per meglio focalizzare e indirizzare l'eventuale class action che, nel nostro Paese, allo stato dei fatti è praticamente inutilizzabile.

 

Emmanuela Bertucci, legale Aduc


Articoli correlati

  Class action. Presentato disegno di legge per una profonda modifica
  Class action. Da bandiera di ricatto politico a strumento concreto?
  Class Action. Dovunque vai, privato o pubblico, cenci in faccia ai cittadini
  Bertucci e Donvito: Class action. Nuovo testo va meglio, ma preoccupa l'ostracismo di Confindustria
  Class action: continueremo a vederla nei film americani
  Class action. No all'emendamento Manzione in finanziaria
  Vincenzo Donvito. Class Action: non ci sarà mai in Italia!
  Class Action. A che gioco sta giocando il Governo?
  Class action. Verso il ritiro dell'emendamento?
  Class action. Confindustria allo sbaraglio
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Class action. Cosa teme la razza padrona
  Vincenzo Donvito. Class action, class action delle mie brame.... Così comincia il 2009
  Class Action. Non ha torto il ministro Claudio Scajola...
  Class Action. Ancora rinvio? Il terrore della giustizia nel mercato
  Class Action. Bene l'emendamento del Governo
  Class action. Verso il regime autoritario e sfascista con l'appoggio dei media?
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Class action. I diritti fondamentali che la legge voluta dal Governo non tutelerà mai
  Vincenzo Donvito. Pompieri al Senato per leggi già annacquate
  Transazione 'class action' Parmalat: un piccolo risultato è meglio di niente
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  Emmanuela Bertucci. La nuova procedura di negoziazione assistita obbligatoria
  Emmanuela Bertucci. Vaccini e avvocati. I deboli pagano per il potere della lobby
  Emmanuela Bertucci. Decreto vaccini fra pro vax, no vax e free vax
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m…
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy