Lunedì , 27 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
20 Gennaio 2009
 

Il titolo ‘Vittorio Veneto e coriandoli’ non esce dunque da una moda pubblicitaria, ma riassume bene l’identità di questa cittadina, che alle bombe e alla festa lega tutta se stessa.

 

fabbricacoriandoli@libero.it vi può rispondere dalla tana dell’inventore dei coriandoli, Fenderl, che morì a Vittorio Veneto come potete leggere subito www.parcofenderl.it

 

Le bombe della I guerra mondiale, finita proprio 90 anni prima di questo 2008 che si chiude, la resero famosa in tutta Italia grazie al Fascio che amò propagandare l’editto che il generale vincitore Diaz levò a Vittorio:

«I resti di quelli che fu uno dei più grandi eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza».

Vittorio, che prese la qualifica di Veneto nel 1922 per far sapere agli altri Italiani dove mai fosse accaduta questa cosa così festosa: -la cosa è successa nel Veneto-, non in Piemonte dove viveva il re Vittorio Emanuele II, che venne chiamato nel 1866 a battezzare la città che nasceva in seguito alla cacciata degli Austriaci dal Veneto nella III guerra d’Indipendenza.

Il viale della Conciliazione, al centro della città che univa la parte nord, Serravalle, alla parte sud, Ceneda, diventò viale della Vittoria negli anni ’30 appunto per celebrare con Mussolini l’evento vittorioso; e furono coriandoli di gioia.

 

Ma la Grande Guerra non fu l’ultima. Il Fascio razzista volle farne un’altra, senza i mezzi per vincerla, tanto bastava esser a fianco dei Vincitori un attimo prima che la Francia stremasse vinta. Ma non fu una guerra lampo e su il vicino Cansiglio, il bosco della Serenissima, ebbe così tanti vittoriesi alla macchia che l’Italia decorò una seconda volta la Città con la medaglia d’oro al valor militare.

È bene scagliar coriandoli perché finì due volte la guerra da queste parti; qui abbiamo imparato a celebrare tutte le armi come indispensabili per spegnere gli incendi di guerra.

Città dei coriandoli della pace?

   

Carlo Forin


Articoli correlati

 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy