Giovedì , 23 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
Parole nel fiume verso il simbolo
Parole nel fiume verso il simbolo 
31 Dicembre 2008
 

-Che il fiume della lingua scorra un altro anno!-.

Tutte qua le tue speranze per il 2009? Con i casi di guerra, di morti per fame ed addirittura con prospettive di acqua solo per chi può pagare, tu auguri un anno solo di parole? Non ti par poco?

  

Sì, e non è poco! Mi rallegro, intanto, che il fiume sia scorso per tutto il 2008.

La valigetta atomica è stata nelle mani di Bush, noto amico dell’alcol  quasi come Gascoigne, che ora sembra dire ‘lasciatemi morire’. Cespuglio poteva premere l’ultimo bottone, io non sarei qui a scrivere, e nessuno avrebbe tempo per leggere perché la vita umana avrebbe già registrato il ‘chiusura per fine esercizio’.

E non l’ha premuto, grazie a Dio.

 

Qualcuno mi ha dato dell’esagerato nell’anno. Allora io sono calato di 20 chili. Ho scritto a ‘sorella demenza’, il giorno di san Francesco. I medici specialisti mi hanno misurato cervello e cuore e li hanno trovati normali, in un sessantenne. Mi hanno preso sul serio come caso scientifico di amiloidosi ed in due mesi mi diranno se devo cominciare a lamentarmi o posso finire di preoccuparmi.

-Che il fiume della lingua scorra un altro anno!- comincia ad essere un buon augurio anche per me in questa prospettiva, no?

   

Ieri, Elisabetta mi ha telefonato entusiasta, perché aveva ascoltato alla radio il racconto di Ghilgamesh in cerca dell’immortalità- che’ sa che io l’ho studiato bene-. Io non ho sentito quella trasmissione. So che sono stati trovati storicamente i resti di Ghilgamesh che finì con la sua gente attraverso un suicidio collettivo determinato dalla rottura volontaria di una diga. Fu un’azione religiosa per andare Aldilà.

Io sono convintissimo che Cristo sia Dio, fatto carne come noi ed immolatosi perché diamo valore alla vita. Non si è suicidato. Ha accettato la morte da noi per provarci che il fiume della vita deve scorrere.

-E’ assurdo credere questo davvero!-.

A sì? La vita è bella tanto, ma in modo assurdo, mentre noi strisciamo nell’abitudine piatta che sembra invocare uno Tzunami l’anno, per poi dire –bellissimo- solo perché si è sopravvissuti.

  

                                                                            Carlo Forin

 

 


Articoli correlati

 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy