Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini” 
Mancano le carceri, dicono, e decine sono pronte e non sono usate
22 Dicembre 2011
 

Dopo la “prepotente urgenza” del presidente Giorgio Napolitano, ora abbiamo “l’abisso tra la realtà carceraria e la legge” di papa Benedetto XVI. E che si tratti di una prepotente urgenza, e che vi sia un abisso tra quello che prescrive la legge e quello che accade, lo documenta ogni giorno la cronaca. L’ultima vittima è Antonio Caputo, assistente Capo della polizia penitenziaria in servizio al carcere di Pordenone; si è suicidato nell’abitacolo della propria automobile, sparandosi un colpo con la sua di pistola di ordinanza. Non solo detenuti, dunque, come Pannella ci ricorda ogni volta che può farlo. E significherà pur qualcosa che l’unico uomo politico, l’unica forza politica che hanno ricordato Caputo siano stati Pannella, i radicali, con quel lunghissimo, assordante minuto di silenzio a Radio Radicale nel corso della trasmissione di “Radio Carcere”.

Nel solo 2011 è il quinto suicidio tra gli agenti della polizia penitenziaria: ormai è una tragica “Spoon River”, quella che si consuma: Avellino, Mamone Lodè, Caltagirone, Viterbo, Torino, Roma… In dieci anni, ci ricordano le organizzazioni sindacali, si sono tolti la vita un’ottantina di poliziotti penitenziari, un direttore di istituto, Armida Miserere, a Sulmona; e un dirigente regionale, Paolino Quattrone a Cosenza. Non è possibile collegare direttamente le volontà suicide a motivi di lavoro, ma non si può neppure escludere che l’ambito lavorativo, con il suo carico di disagio, sia estraneo a queste morti. Al pari dei detenuti, la comunità penitenziaria, di cui gli agenti di polizia sono parte integrante, vivono e patiscono infamanti condizioni di lavoro.

Venerdì prossimo i rappresentanti sindacali incontreranno il Ministro della Giustizia Severino, vedremo se e come questa questione sarà affrontata.

«Chiediamo al Ministro Severino», dicono i rappresentanti della polizia penitenziaria, «di farsi carico in prima persona di questo importante problema. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo: l’istituzione di appositi centri specializzati di psicologi del lavoro in grado di fornire un supporto agli operatori di polizia può essere un’occasione per aumentare l’autostima e la consapevolezza di possedere risorse e capacità spendibili in una professione davvero dura e difficile». E sembra una richiesta ragionevole e di buon senso, un primo passo verso quell’obiettivo che appare ancora lontano.

Ci sono poi i paradossi scandalosi. L’associazione Antigone fornisce dati che fanno riflettere. Riguardano carceri nuove e mai aperte, strutture che non hanno mai ospitato un detenuto; sono le “carceri fantasma”, 38 in tutto, costruite, spesso ultimate, a volte anche arredate e vigilate; e nonostante questo inutilizzate, in totale stato d’abbandono o nel migliore dei casi sotto-utilizzate.

L’elenco è lungo. Ad Arghillà vicino Reggio Calabria mancano solo la strada d’accesso, le fogne e l’allacciamento idrico che non è poca cosa evidentemente, ma per il resto è ultimato e dotato di accorgimenti tecnici d’avanguardia. Ma ancora più stravagante la situazione di Bovino, vicino Foggia: una struttura da 120 posti, già pronta, chiusa da sempre.

Ad Accadia, sempre vicino Foggia, il penitenziario consegnato nel 1993, è di proprietà del Comune, mai utilizzato. Ad Agrigento, sei sole detenute occupano i 100 posti della sezione femminile. Ad Altamura, vicino Bari si aspetta ancora l’inaugurazione di una delle tre sezioni dell’istituto. Anche a Gela, provincia di Caltanissetta, esiste un penitenziario enorme, nuovissimo e mai aperto. Il carcere di Irsina, provincia di Matera, è costato 3 miliardi e mezzo di lire negli anni ‘80, ha funzionato soltanto un anno, oggi è un deposito del Comune.

Il carcere di Castelnuovo, ancora provincia di Foggia, è arredato da 15 anni e mai aperto. Il penitenziario di Codigoro, vicino Ferrara nel 2001, dopo lunghi lavori, sembrava pronto all’uso, ma a oggi è ancora chiuso. La casa di reclusione di Propani, vicino Catanzaro, è occupata da solo un custode comunale; a Frigento, provincia di Avellino, l’istituto è stato inaugurato e chiuso a causa di una frana. Il carcere di Galatina, vicino Lecce, è totalmente inutilizzato. A Casamassima, provincia di Bari, il carcere mandamentale è stato «condannato all’oblio da un decreto del Dipartimento».

C’è poi il carcere di Licata, completato, e in attesa di collaudo. Quello di Mileto è stato ristrutturato e chiuso. Quello di Minervino Murge non è mai entrata in funzione. A Monopoli nell’ex carcere mai inaugurato, non ci sono detenuti ma sfrattati che hanno occupato abusivamente le celle abbandonate da 30 anni. Il carcere di Morcone è stato costruito, abbandonato, ristrutturato, arredato e nuovamente abbandonato dopo un periodo di costante vigilanza armata. Carcere fantasma anche quello di Orsara, dove è presente una struttura mai aperta. L’istituto di Pinerolo è chiuso da oltre dieci anni senza che sia stata individuata l’area ove costruirne uno nuovo. A Revere dopo vent’anni dall’inizio dei lavori di costruzione, è ancora incompleto, i lavori sono fermi dal 2000 e i locali, costati più di 2,5 milioni di euro, sono già stati saccheggiati. Il carcere di San Valentino vicino Pescara, costruito da quasi 20 anni, non ha ospitato mai alcun detenuto e ora è in totale stato di abbandono. A Villalba provincia di Caltanissetta, 20 anni fa è stato inaugurato un istituto per 140 detenuti, costato all’epoca 8 miliardi di lire, e che dal 1990 è stato chiuso e recentemente tramutato in centro polifunzionale.

Nel frattempo oltre 68mila detenuti sono stipati in carceri che ne possono ospitare non più di 44mila. E si parla di costruire nuove carceri. Questa la situazione. Questi i fatti.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 21 dicembre 2011)


Articoli correlati

  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  Carceri più civili
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia"
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy