Sabato , 16 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucio Bertè. "Amnistia, amnistia, amnistia" 
Il "Detenuto ignoto" davanti a S.Vittore per indicare alla Repubblica un buon motivo per (poter) festeggiare
03 Giugno 2011
 

I radicali di Milano annunciano una fiaccolata davanti al carcere di S.Vittore per ringraziare gli oltre 7.500 digiunatori - oltre 6.000 i detenuti e i loro famigliari, ma numerosi anche gli operatori penitenziari - che in tutta Italia stanno partecipando alla lunga azione nonviolenta di Marco Pannella per l'obbiettivo indicato dallo slogan «AMNISTIA, AMNISTIA, AMNISTIA!».

Ieri davanti alle carceri di molte città italiane, dove imperversa la tortura del sovraffollamento, nel giorno della festa della Repubblica i radicali hanno aperto striscioni con la scritta «AMNISTIA PER LA REPUBBLICA», perchè lo Stato interrompa immediatamente il reato contro l'umanità che sta commettendo nei confronti delle persone detenute, contro la Costituzione e le leggi italiane e contro le Convenzioni internazionali, per avviare la riforma della Giustizia e per dare una minima credibilità alla democrazia italiana.

La stessa scritta è stata esposta ieri dalle 11 alle 13:30 davanti al portone di S.Vittore, per il Detenuto Ignoto e per Nessuno Tocchi Caino, dal radicale Lucio Bertè, che infine ha rilasciato la seguente dichiarazione:

 

«Alla destra del portone di S.Vittore, che per i Milanesi è da sempre il N. 2 di Piazza Filangieri, una grande lapide ricorda le migliaia di cittadini italiani che tra l'8 settembre del 1943 e la Liberazione furono qui imprigionati e torturati, molti fino alla morte, sotto la dittatura fascista. Dopo 66 anni, è lo "Stato democratico" il torturatore di quasi 70 mila persone detenute al limite della incompenetrabilità dei corpi, istigatore di suicidi anche tra gli agenti. Nel giorno in cui la Repubblica festeggia ancora se stessa senza riconoscere con un sussulto di dignità, di onestà, di amore della verità, che è colpevole di reato continuato, occorre rammentare a chi la presiede che una amnistia è la misura iniziale minima e necessaria per interrompere questa flagranza di reato.

Perché non seguire l'esempio di Germania e California? Perché non riconoscere la priorità di garantire il diritto delle persone detenute alle minime condizioni di detenzione stabilite dalla legge, e, in attesa di una revisione del sistema delle pene, applicare il criterio del numero chiuso, cioè non accettare in carcere nessuno oltre la capienza di progetto, abolendo l'arbitrario concetto di "capienza tollerabile", cioè di "limite tollerabile di tortura" definito dal torturatore stesso? Perchè non applicare lo stesso criterio normale per qualsiasi edificio adibito a funzioni residenziali collettive, come alberghi, caserme, collegi, ecc. ecc.? Ieri ho chiesto di parlare con la Direttrice - però al momento assente - per esprimere la nostra vicinanza anche con gli operatori penitenziari.

Gli agenti mi hanno identificato e hanno preso nota del cartello. Diverse le reazioni sulla richiesta di "Amnistia per la Repubblica". Degli agenti incontrati, uno in borghese ha detto: "Ci vorrebbe proprio", uno in divisa ha fatto un gesto come dire "perfetto!", altri invece hanno polemizzato pesantemente, uno pretendendo di vietare ad un cittadino che solidarizzava, di fotografarmi con lo sfondo del portone del carcere. Però il consenso più appassionato alla richiesta di amnistia dei radicali è venuto ieri da una suora che, uscendo da S.Vittore, prima si è fatta carico di informare i detenuti e poi ha aggiunto "Bravi, andate avanti, non ci abbandonate, nessuno si occupa di noi..."». (Lucio Bertè)

 

Associazione Il detenuto ignoto, Milano



Articoli correlati

  Valter Vecellio. Se a suicidarsi ora sono anche i “secondini”
  Valentina Ascione. Svuota-carceri e amnistia, gli annunci non bastano
  Carceri più civili
  Lettera del Presidente della Repubblica Napolitano a Marco Pannella
  Adriano Sofri. Caro Marco, sarebbe bello se tu, alle cinque della sera…
  RadicaliPerugia. Emergenza carceri: qualcosa si muove?
  Alberto Di Majo intervista Marco Pannella: «Il Pd non pensi ai radicali ma alle carceri italiane»
  Maurizio Benazzi. L'editto di Milano, sponsor Swarovski
  Adriano Sofri. L’amnistia, unica proposta che affronta ragionevolmente il problema
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Valter Vecellio. 14 agosto. Solo un fioretto? Immagina...
  Alessandro Barchiesi. Partecipazione
  Napolitano: “Non solo amnistia…”. Pannella: “Esiste un cammino più rapido e sicuro?”
  Valter Vecellio. “Abisso tra la realtà carceraria e la legge”, denuncia il papa
  Emma Bonino al Senato. Carceri e Giustizia: “interrompere la flagranza di reato”
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Marco Pannella. Ragioni e obiettivi dell'amnistia
  Valter Vecellio. Sui (timidi) provvedimenti “svuotacarceri”
  Marco Pannella. A Napolitano dico: Amnistia unico traino possibile degli altri provvedimenti importantissimi, da anni in attesa
  Giustizia e carcere: “Giustamente”
  “In nome della legge, cacciamoli via tutti!”
  Enrico Sbriglia. Mercoledì 6 luglio manifestazione dei Direttori Penitenziari
  Riforma giustizia: 146 senatori aderiscono alla seduta straordinaria del Senato
  Enea Sansi. Anch'io, da oggi, in sciopero della fame
  Donatella Poretti: Qui 'processo lungo', là 'processo corto': “Schizofrenia del bicameralismo perfetto”
  Il Manifesto: in prima pagina "Le loro prigioni" sull'iniziativa nonviolenta di Pannella
  Marco Pannella riprende lo sciopero della sete
  Amnistia per la Repubblica! Manifestazioni del 14 luglio
  “Italia fuorilegge; subito l'amnistia”
  Francesco Pullia. Pannella, uno spiraglio oltre la cecità
  Giorgio Napolitano. Il diritto dei cittadini a una “giustizia giusta”
  Alessandro Barchiesi. Toc... toc... L'amnistia!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy