Venerdì , 14 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sarà ‘l matüsc a salvare i maggenghi di Albaredo?
I casari Alfredo Mazzoni e Aminta Bonomi
I casari Alfredo Mazzoni e Aminta Bonomi 
07 Dicembre 2005
 

«Una nuova latteria per un “vecchio” formaggio. Facciamo sistema: Bitto, Valtellina Casera, Matüsc». Questo affermavo, alcune lune fa e (lasciatemela tirare un po’) avevo visto giusto. La Valle del Bitto di Albaredo (quella di Gerola vive di agricoltura oramai solo quattro/sei mesi all’anno) è l’unica valle in provincia che produce un formaggio con i fieni dei maggenghi. Anche altre vallate laterali alla Valtellina e alla Valchiavenna falciano ancora le erbe dei prati di mezza costa, ma li portano a valle. Si incominciano a vedere pecore, cavalli, asini, che pascolano o brucano i prati che non si lavorano più. Chissà se la valorizzazione del Matüsc di Barilocc (e questo dovrà essere il suo nome se, e quando verrà prodotto nella nuova latteria), portata avanti dalla Pro loco del paese ed ora, finalmente, riconosciuta anche dall’Amministrazione comunale – meglio tardi che mai – ha contribuito a queste importantissime scelte agronomiche. Se si è mossa la Latteria di Delebio, qualche motivo ci sarà: il direttore Deghi, non per niente associato nella Compagnia delle Opere, è uno che si muove quando ci vede qualcosa…

Importanti scelte agronome ed economiche, perché accanto al mantenimento di una tradizione che viene da lontano e vitale per la cultura del Barilocc, valorizza l’aspetto paesaggistico ed ambientale della Vallata, incrementa il turismo, con l’insediamento di Agriturismi, Rifugi e Fattorie didattiche. Prossimamente vedrà la luce un'altra stalla di medie dimensioni (15/20 capi?). E auspico che i miei paesani riescano a falciare ancora i prati, e non li abbandonino come hanno fatto quelli della limitrofa Val Tartano, con tutti i problemi conseguenti. Albaredo a differenza di Tartano e Gerola, ha… uno sbocco al mare; da non sottovalutare! La nuova latteria si affaccia proprio sulla nuova Priula, accanto ad un Bar, ad un panificio e ad un Call-Center: il tutto nella quasi pesante struttura del polo agro-artigianale (mi pare si chiami così).

Albaredo si troverebbe così a produrre le tre D.O.P. di cui la provincia si vanta. Il Bitto, il Valtellina Casera ed il locale Scimudin ovvero il Matüsc (in questo caso, impropria dop). In estate, se un giorno non si potrà più lavorare il latte nei calecc, lo si potrà portare nella nuova struttura. In primavera ed in autunno, se un giorno nessuno più sarà capace di lavorare il Matüsc, il latte lo si potrà portare nella nuova struttura. In inverno, la latteria e il latte sono vicini.

Futuribili scenari? Per ora c’è la nuova latteria, un casaro, gli allevatori, i prati, i pascoli, le vacche e le capre (ben vengano anche le pecore da latte).

Auguri a tutti i Barilocc e, se d’estate vi mancasse un casaro, io ci potrei essere… (a buon intenditore, poche parole!)


Alfredo Mazzoni


Foto allegate

Proposta di disciplinare - pag. 1
Proposta di disciplinare - pag. 2
Articoli correlati

  Alfredo Mazzoni. Un Convegno e un interrogativo
  6ª Mostra del Matüsc di Barilocc
  Alfredo Mazzoni / Renato Ciaponi. Per ‘l Matüsc di Barilocc... Copiamo il “Bitto”!?
  “I colori del Bitto”. Sabato e domenica in Albaredo per San Marco
  Alfredo Mazzoni. Quattro grandi assenti alla “Festa del Matüsc di Barilocc”
  Albaredo e i suoi formaggi
  Alfredo Mazzoni. Matüsc di Barilocc: dieci anni in crescendo
  Ettore Del Nero. Quel formaggio contadino che, nonostante tutto, caparbiamente ogni anno c'è ancora...
  “I Colori del Bitto”. 13ª Mostra del Matüsc di Barilocc e 10° Trofeo Casari del Matüsc
  Dal Bitto al Matusc
  Renato Ciaponi. Non solo Bitto
  Michele Corti. Sulla proposta di ampliamento della produzione del Matüsc
  Ettore Del Nero. Ancora sul Matüsc di Barilocc. Una contro-proposta: “zone franche” per le “terre alte”!
  Antonella Furlini. A proposito di Matüsc e di agricoltura ancora praticata in montagna
  Su CASESUS il Matusc di Barilocc
  Bitto storico. A Cheese 2013 sempre da protagonista
  Alfredo Mazzoni. Un paese di artisti. “The garden of my dream”
  Museo del Bitto e dei formaggi orobici di Albaredo per San Marco
  Radioattività va ad Albaredo con tanti ospiti e curiosità
  Albaredo. I sapori del Bitto
  È in edicola con Paperino l'ultimo GAZETIN
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy