Martedì , 16 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
6ª Mostra del Matüsc di Barilocc
I primi tre classificati, Matüsc e Capra
I primi tre classificati, Matüsc e Capra 
22 Novembre 2005
 

Sabato 19 novembre si è svolta in Albaredo per San Marco la 6a Mostra del Matüsc di Barilocc, organizzata dalla Pro Loco Valle del Bitto di Albaredo, dove una commissione di Assaggiatori e Maestri Onaf, casari e associati De Gustibus hanno valutato, dalle 15:00 alle 18:00, 19 forme di Matüsc con i seguenti risultati:

1° RAVELLI ALDINO con 85 punti

2° MAZZONI MARIA con 81 punti

3° MAZZONI VALENTINO con 79 punti.

Per quanto riguarda invece i formaggi di sola capra:

1° TARABINI ORLANDA con 85 punti

2° MAZZONI RINALDO con 78 punti

3° DEL NERO PIETRO con 76,5 punti.

Per raggiungere i punteggi suddetti è stata utilizzata la scheda dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi (ONAF) che prende in considerazione: 1) l’aspetto esteriore della forma; 2) l’aspetto della pasta (colore, occhiatura, struttura); 3) le percezioni olfattive e gustative, gusto-olfattive e tattili (odore/aroma, sapore, struttura, consistenza).

Il Matüsc non ha ancora un disciplinare, ma la Pro Loco ha elencato delle linee guida per la produzione di questo formaggio.

Ad esempio: 1) il latte utilizzato deve essere vaccino crudo, parzialmente scremato proveniente da due o più mungiture con aggiunta del latte intero dell’ultima mungitura e proveniente da vacche in lattazione di razza bruna alpina; 2) la pasta deve avere una struttura compatta con presenza di occhiatura fine, scarsa e rada; 3) il colore può variare dal bianco al giallo paglierino a seconda della stagionatura; 4) l’altezza dello scalzo, che deve essere dritto, è variabile a seconda dell’utilizzo del carott e/o della fascera (8-10 cm). Il peso è variabile fino ad un massimo di 5 kg; 5) la forma cilindrica, regolare con diametro delle facce di circa 20-35 cm; 6) la salatura deve esser fatta con sale marino con la tecnica “a secco”; 7) la maturazione deve essere protratta almeno 60 giorni.

Alle 19:00 è stata servita una squisita cena alla quale hanno partecipato i Casari del Matüsc e alle 21:00 è stata proposta un’interessante degustazione guidata di Matüsc, Casera e Bitto in abbinamento a vini di Valtellina (Grumello 2004 di Massimo Paini, Costiera dei Cèch 2004 di Piccapietra Giorgio e Rosso di Valtellina 2003 di “Le Strie”) a cura dell’Onaf e De Gustibus.

Oltre agli interessanti discorsi della Pro Loco, vi è stato un intervento del dott. Paolo Canale, agronomo e curatore per conto del Comune di Albaredo della ricerca intitolata “Il Matüsc arte delle Alpi” in cui ha sottolineato che l’agricoltura è tradizione, cultura e legame con il territorio. I contadini lavorano come 100 anni fa, facendo gli stessi sacrifici, e c’è un legame profondo tra la nostra terra (Italia) e il formaggio. Il Matüsc è simbolo della cultura materiale di questa valle e richiama le fatiche della gente che lo produce, essendo sempre stato un formaggio magro e un prodotto povero, che fa scoprire tutta la cultura della terra e della gente.

Domenica 20 è proseguita la festa con la S. Messa, il pranzo e la premiazione dei Matüsc e dei casari.



Emanuela Nussio

La Commissione di valutazione del Matüsc
(assaggiatori Onaf):

Aminta Bonomi, presidente

Giancarlo Speziale

Luigi Scaramuzzi

Gianni Balsarri

Dario Pisati

Emanuela Nussio

Fabio Bertocci

Giuseppe Del Nero


Foto allegate

Albaredo per San Marco, 19 novembre 2005
Articoli correlati

  “I Colori del Bitto”. 13ª Mostra del Matüsc di Barilocc e 10° Trofeo Casari del Matüsc
  Dal Bitto al Matusc
  Ettore Del Nero. Quel formaggio contadino che, nonostante tutto, caparbiamente ogni anno c'è ancora...
  “I colori del Bitto”. Sabato e domenica in Albaredo per San Marco
  Ettore Del Nero. Ancora sul Matüsc di Barilocc. Una contro-proposta: “zone franche” per le “terre alte”!
  Albaredo e i suoi formaggi
  Alfredo Mazzoni. Quattro grandi assenti alla “Festa del Matüsc di Barilocc”
  Bitto storico. A Cheese 2013 sempre da protagonista
  Su CASESUS il Matusc di Barilocc
  Sarà ‘l matüsc a salvare i maggenghi di Albaredo?
  Alfredo Mazzoni. Matüsc di Barilocc: dieci anni in crescendo
  Michele Corti. Sulla proposta di ampliamento della produzione del Matüsc
  Alfredo Mazzoni / Renato Ciaponi. Per ‘l Matüsc di Barilocc... Copiamo il “Bitto”!?
  Alfredo Mazzoni. Un Convegno e un interrogativo
  Renato Ciaponi. Non solo Bitto
  Antonella Furlini. A proposito di Matüsc e di agricoltura ancora praticata in montagna
  Radioattività va ad Albaredo con tanti ospiti e curiosità
  È in edicola con Paperino l'ultimo GAZETIN
  Museo del Bitto e dei formaggi orobici di Albaredo per San Marco
  Albaredo. I sapori del Bitto
  Alfredo Mazzoni. Un paese di artisti. “The garden of my dream”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy