Mercoledì , 27 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucio De Angelis. “L’illusione di Dio” di Adriana Martino 
Uno spettacolo che poteva migliorare il confronto con la cultura laica
28 Aprile 2009
 

L’illusione di Dio, scritto e diretto da Adriana Martino, è uno spettacolo che ha l’ambizione di occuparsi di un tema che oggi è al centro di un interesse crescente: il tema della fede e della religione, delle motivazioni degli atei e dei credenti e quindi del rapporto con la cultura laica.

Il tema è talmente vasto e complesso che si è dovuto inevitabilmente fare una scelta di campo e cioè focalizzare l’attenzione su quegli esponenti, filosofi e scrittori, che si richiamano a quella linea di pensiero che fa capo alla cultura illuministica. Lo spettacolo della Martino tratta il tema focalizzando l'attenzione su quegli esponenti, filosofi e scrittori, che si richiamano a quella linea di pensiero che fa capo alla cultura illuministica.

La regista, autrice anche del testo, si addentra nelle sfaccettature di un argomento decisamente vasto e complesso. Si parte da quel pilastro che è Baruch Spinoza che con il suo Trattato teologico-politico ha scosso profondamente l’ortodossia teologica giudaica-cristiana.

 

Molte volte ci si chiede dove sia finito Dio, soprattutto nelle tragedie, quando non si ha più la percezione di un Dio che ama e protegge. Naturalmente l’ombra di Dostojevski incombe quando si trattano argomenti del genere: nel romanzo I Karamazov l’autore si arrovella sul tema dell’esistenza di Dio con l’angoscia che prelude al nichilismo nietszchiano del “Dio è morto”.

Sono Stati messi poi a confronto filosofi come Paolo Flores D’Arcais con Gianni Vattimo e Michel Onfray che, pur provenendo da formazioni diverse si chiedono, in un appassionato dibattito, le ragioni di questo prepotente ritorno al bisogno di sacro, che spesso sfocia in fondamentalismi religiosi inquietanti. Viene immaginato anche un incontro in una biblioteca fra il filosofo Spinoza e Piergiorgio Odifreddi, che si affrontano in un dialogo serrato e provocatorio. Nel finale il tema della “gratuità del male” dopo Auschwitz, in un appassionato monologo di Scalfari che si interroga con toni lucidi e tormentati sulle ragioni della sue convinzioni profondamente laiche.

 

Lo spettacolo vede in scena Pietro Bontempo, Nicola D'Eramo, Bruno Viola, Fabrizio Raggi e Maurizio Repetto. I brani scelti dalla Martino trattano, come suaccennato, il tema dell’esistenza di Dio e vengono messi in scena, affidandosi solo ai testi originali: ne vien fuori una mise en espace per filosofi, sacerdoti, addetti ai lavori, comunque, che non riesce a suscitare neanche l’attenzione del giovane più ben disposto, abituato com’è dai media alla massificazione del linguaggio e dello scibile.

 

L’illusione di Dio

drammaturgia di Adriana Martino

su testi di

Baruch Spinoza, Friedrich Nietzsche, Fedor Dostojevski, Paolo Flores D’Arcais, Gianni Vattimo, Michel Onfray, Piergiorgio Odifreddi ed Eugenio Scalfari

con

Pietro Bontempo, Nicola D’Eramo, Bruno Viola, Fabrizio Raggi, Maurizio Repetto

Scene e Costumi di Anna Aglietto

Musiche a cura di Benedetto Ghiglia

Regia di Adriana Martino

 

Lucio De Angelis

(da Notizie radicali, 27 aprile 2009)


Articoli correlati

  Anterem. Per ricordare Tiziano Salari
  Enrico Marco Cipollini. B. Spinoza
  Gianfranco Cordì. Debole, fragile, limitato
  Gianfranco Cordì. Dal sogno al pessimismo: i “Millennials” alla luce del sole
  Gianfranco Cordì. Se non la realtà. Gianni Vattimo contro il «nuovo realismo».
  Gianfranco Cordì. «La fine della modernità» e l’inizio del pensiero «dell’erranza»
  È morto Franco Volpi
  Il sofisma della contro-violenza e Michel Onfray
  Paolo Diodati: Odi caldi… odi freddi… lucida follia. Un IgNobel per la pace
  Gianfranco Cordì. L’incontenibile stupidità altrui
  Carlo Forin. Insieme: etetimo
  Assegnato a Piergiorgio Odifreddi l'«Asino d'oro 2009»
  Ecco un’opinione pubblica: Asino d’Oro alla carriera per Umberto Bossi
  Paolo Diodati: Teoria dei numeri, numerologia e materia oscura
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy