Mercoledì , 12 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. “Brutto” - Milano, Teatro Filodrammatici
19 Novembre 2013
 

Brutto è bello, marcondirondello! Se si potesse passare dalla bruttezza alla bellezza in un batter d'occhi, soltanto con qualche azzeccato colpo di bisturi? O se tutti potessero vantare, abitare e condurre a spasso la stessa faccia da bellone? Bruttobello o della crisi d'identità. Facezie a parte, gran lavoro drammaturgico si rivela Brutto, in scena sino all'1 dicembre al Teatro Filodrammatici di Milano. La scrittura di Marius von Mayenburg, 41 anni talentuosissimi, è brillante e caustica, incide come un'affilata lama e ferisce aspramente col riso che sa suscitare. Un riso, amaro, contro ipocrisia e convenzioni e conformismi assortiti. Semicommedia, a tratti, degli equivoci dagli effetti esilaranti ma, soprattutto, fucina di dubbi sull'io e l'apparenza. «Una satira feroce sullo straniamento che si vive oggi, in rapporto al proprio aspetto e al proprio corpo». Soluzioni mai scontate e semine di dubbi, con attori bravissimi a mutare ruoli e volti con la semplicità del gesto e la forza della parola.

La trama: il Signor Lette è un ricercatore/inventore che lavora per il cinico Scheffler. Certo di dover presentare in un congresso un suo brevetto viene a sapere che sarà sostituito dal suo assistente Karlmann, meno dotato ma belloccio. Lette, difatti, è così brutto, ma così brutto, da non potere salire sul palco... Il fatto è che lui ignorava pure d'esser tanto orrendo. Persino la moglie Fanny glielo confesserà. L'operazione per opera di un chirurgo plastico lo renderà impossibilmente bello. Lette diverrà un puttaniere e un'icona aziendale, finché...

«Marius von Mayenburg, spingendosi fino al grottesco, mette la società davanti a uno specchio che ne mostra vanità e superficialità delle relazioni. Il tutto amplificato teatralmente dal fatto che quattro attori recitano otto ruoli diversi, senza sostanziali cambiamenti nei loro volti».

«Il punto non è chiedersi se sia giusto o no rifarsi completamente i connotati» a parlare è il regista Bruno Fornasari «ma se sia ancora vero che nella nostra bella società tutto ruoti sempre e soltanto attorno a due perni inamovibili: sesso e denaro. E che noi, uomini e donne, ci si debba adeguare, a qualunque costo. La risposta è sì, ovviamente […] Il testo di Marius offre un’opportunità unica, irrealizzabile su altri media se non in teatro, di affrontare il tema dell’identità e sfidare l’apparenza attraverso un gioco di persuasione, semplice e radicale. Quello che abbiamo cercato di fare è stato sfruttare la semantica teatrale riducendo al minimo indispensabile le guide allo spettatore, fatte di cambi di costume, cambi di luce e atmosfere sonore, per raccontare la storia di otto personaggi interpretati da soli quattro attori. Nella sequenza rapidissima di scene brevi e sempre topiche, abbiamo accettato la sfida che nessun cambiamento dovesse avvenire sulla faccia degli attori. Una sospensione dell’incredulità ottenibile grazie alla bravura degli interpreti e al patto con lo spettatore la cui fantasia completa la storia».

Si introducono i termini di un relativismo oltremodo spiazzante... «Per gli attori/personaggi e per il pubblico sarà bello ciò che viene chiamato tale e brutto sarà tutto il suo contrario. Nessuna sfumatura quindi, nessuna scala di grigi, proprio come nella vita, quando il desiderio, la disperazione o il guadagno forsennato spingono all’azione più che alla comprensione [...] Niente messaggi quindi, solo domande. Se qualcuno scoprisse la tossicità di una bevanda squisita, smetterebbe di produrla per non danneggiare i consumatori?»

Come vedete e come potrà constatare ogni spettatore, si va ben oltre nelle implicazioni. Un'opera davvero perfetta nella descrizione degli sbandamenti esistenziali che ci portano altrove sotto la spinta del consorzio produttivo contemporaneo, così scevro di etica e senso del Bene.

 

Alberto Figliolia

 

 

Brutto di Marius von Mayenburg. Traduzione: Umberto Gandini. Regia: Bruno Fornasari. Con Tommaso Amadio, Mirko Ciotta, Michele Radice, Cinzia Spanò. Scene e costumi: Erika Carretta. Produzione Teatro Filodrammatici.

Info e prenotazioni: tel. 02 36727550, biglietteria@teatrofilodrammatici.eu, www.teatrofilodrammatici.eu. Orari e spettacoli: martedì, giovedì, sabato ore 21; mercoledì e venerdì ore 19:30; domenica ore 16.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy