Mercoledì , 12 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Il Suggeritore di Bruno Fornasari
27 Febbraio 2011
 

È l'era degli Spin Doctor, i suggeritori delle politiche comunicative, raffinati consiglieri, talora consigliori, del potente in politica. Potrebbero essere cattivi maestri nell'ombra e sovente, più di quanto accettabile (ma è mai accettabile?), lavorano per una speciale mirata strumentale verosimiglianza, alias indottrinamento, più che per la verità. Non è stato detto (un sanguinario cinico gerarca e ministro lo affermò) che una menzogna raccontata mille volte diviene vera?

Il Suggeritore, presentato al Teatro Filodrammatici (piccolo stupendo gioiello, con una deliziosa scala elicoidale a condurre ai suoi vari ordini di posto, accanto alla Scala di Milano), è un'opera satirica assolutamente frizzante e coinvolgente, di attualità travolgente e spiazzante, perché ci racconta quel che già sappiamo e che pure si verifica anche quando la coscienza parrebbe voler ribellarsi.

La verità nella sua essenza non è manipolabile. Eppure... La nostra era che sa, soprattutto, di comunicazione ci dice il contrario. La comunicazione difatti non è la verità. In particolare quando l'etica pubblica è un frutto marcito o un “prodotto” in disuso.

Di fronte a un pubblico giovane Il suggeritore fa ridere e fa pensare alla disgrazia del tempo che ci è stato dato in sorte: bombardati di notizie e immagini, avremmo ogni strumento per distinguere e invece siamo intrappolati nelle ragnatele del falso e del ricostruito, del dato in pasto all'opinione acritica e acrilica.

Tom, il suggeritore, il protagonista della pièce, già laureato in Economia e Commercio e curatore di una rubrica sulle pagine di un fumetto pornografico di culto, amante della bottiglia assurto al rango di magister della distrazione di massa, è lo spin doctor del Presidente, l'uomo più potente del Paese. Uno spin doctor in crisi d'identità che avrebbe deciso di affrancarsi dalla ben remunerata servitù. Ma la storia oggi è fatta di tanti condizionali e condizionamenti. Riuscirà il nostro eroino a emendarsi? Intanto si aprono squarci sui sentieri della verità distorta, fra il far west dei salotti televisivi dai convenzionali e pilotati litigi e risse, surreali conversazioni a bordo piscina, belle figliole con il cervello volutamente in pappa e altre aliene banalità o banali alienità.

«La manipolazione consapevole e intelligente delle masse è un elemento importante in una società democratica. Coloro che manipolano questo meccanismo nascosto della società costituiscono un governo invisibile che ha il vero potere di governare nel nostro paese. Veniamo governati, le nostre menti vengono modellate, i nostri gusti influenzati, le nostre idee suggerite per la maggior parte da uomini di cui non abbiamo mai sentito parlare. Questa è la conseguenza logica del modo in cui è organizzata la nostra società democratica», citazione di Edward Bernays, pubblicitario, americano statunitense di origine austriaca morto a 103 anni, un esperto della materia (vedi i concetti di mente collettiva e fabbrica del consenso), nonché nipote di tale Sigmund Freud.

«Il cinismo disincantato di questa semplice analisi» dichiara Bruno Fornasari, autore e regista del testo «ha ispirato il mio lavoro in fase di scrittura e il lavoro della compagnia nella fase dell'allestimento». Proseguendo... «Ogni campagna mediatica, quindi, deve necessariamente fare i conti con usi, costumi e contraddizioni proprie del cittadino/consumatore bersaglio dell'operazione di spin. Il confine tra lecito e illecito come quello tra vero e falso viene quindi tracciato sulla base di oscillazioni morali e istanze culturali che sono specifiche di ogni paese».

Ci tiene comunque il regista a sottolineare che... «Quello rappresentato nello spettacolo è, come risulta evidente all'uscita dalla sala, un paese immaginario, che nulla ha a che fare con l'Italia di oggi. Le situazioni paradossali che vi si vedono rappresentate sono il risultato di un faticoso lavoro d'immaginazione che non può ritenersi, in alcun modo, attinente ad un qualche tipo di circostanza contemporanea». Sarà, ma le analogie con quel che accade in Italia sono tante. Tuttavia... «la totale astrazione che ne consegue ha la finalità di affrontare non tanto la teoria della comunicazione di massa ma una sua possibile pratica deviata, una sua iperbolica mistificazione».

Vero è che la lettura, al di là delle contingenze nostrane, può ben legarsi all'universalità delle situazioni planetarie. Tuttavia, ammette il regista... «Accidentalmente però, tra un paradosso e l'altro, la realtà di oggi sembra volersi insinuare, rivendicando la propria sostanza, in conflitto con l'irriverente allegoria che noi tutti abbiamo architettato». E chiude... «Mi scuso con la compagnia ma, sfortunatamente, va detto un'ultima volta e con chiarezza che: ogni riferimento a fatti e persone reali risulta purtroppo incompleto per sopraggiunti limiti di fantasia dell'autore».

Invero ci si può divertire ad attribuire nomi e cognomi agli “gnomi del potere” raffigurati. Anche se le riflessioni innescate vanno oltre. Al senso stesso della democrazia, dell'agorà.

Eccellente il lavoro del cast: dallo spin Tommaso Amadio, co-direttore del Teatro Filodrammatici, al President Michele Maccagno, teatrante di lungo e prestigioso corso che nel cinema ha lavorato anche per Peter Greenaway, da Clio Cipolletta, ventiseienne di bellissimo talento, a Stefano Cordella, una laurea in Psicologia nel cassetto, e Marta Lucini, altra brillantissima giovane attrice.

 

Alberto Figliolia

 

 

Il Suggeritore, Teatro Filodrammatici, via Filodrammatici 1, Milano. Sino al 13 marzo.

Info tel. 02 36595671, e-mail info@teatrofilodrammatici.con, sito Internet www.teatrofilodrammatici.com.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy