Mercoledì , 22 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gugulandia in Italia presentato da Yoani Sánchez 
Cagliostro Press propone un mito del fumetto cubano
15 Dicembre 2010
 

Hernán Hernandez

Gugulandia

a cura di Gordiano Lupi

Cagliostro ePress, pagg. 100, € 11,90

 

Come in ogni cosmogonia che si rispetti, Gugulandia è uno specchio di tutti gli universi possibili. La sillaba “gu” rappresenta il primo tentativo umano di comunicare con i propri simili.

Arriva finalmente in Italia il capolavoro del fumetto satirico cubano che prende di mira il regime e il sistema castristra. Hernán H. è un noto caricaturista cubano che ha creato il popolare fumetto comico Gugulandia nel 1964. La striscia è uscita in diversi periodici avaneri dal 1964 al 1979. Arrivato negli Stati Uniti, Hernán H. ha continuato a pubblicare Gugulandia per molto tempo in diverse riviste del sud della Florida.

Cagliostro E-Press ha l'onore e il piacere di presentare la prima edizione italiana di Gugulandia in un volume curato da Gordiano Lupi. Introduzione della famosa blogger Yoani Sánchez una delle giovani voci più autorevoli tra quelle dell'ultima generazione ad esprimere il proprio dissenso al regime castristra.

 

 

INTRODUZIONE

Dalla sottigliezza all’evidenza

 

di Yoani Sánchez

 

Come in ogni cosmogonia che si rispetti, Gugulandia è uno specchio di tutti gli universi possibili. La sillaba gu rappresenta il primo tentativo umano di comunicare con i propri simili, quindi questo è il paese di chi dialoga, pone domande e tenta di dare risposte, dove non mancano innocenza, ambizione, paura, superbia e gli infiniti problemi che provoca in ogni tempo la convivenza tra le persone.

Hernán Henríquez (L’Avana, 1941) ha avuto bisogno soltanto di sette personaggi per creare questo mitico e remoto luogo della storia umana: il re, lo stregone, l’artista, il cacciatore, la donna e un bambino, soprannominato “il piranha” per il suo appetito vorace. Non dimentichiamo “i placatanes”, enormi animali che in certi casi perseguitano e in altri alimentano la tribù. Tutto questo è stato raccontato nelle pagine della stampa ufficiale cubana dal 1964 al 1980, gli anni di maggior intolleranza del processo rivoluzionario.

Una persona doveva essere parecchio maliziosa, avere la vocazione di Torquemada, per trovare in questi fumetti qualcosa che contraddicesse l’ideologia del Partito, ma doveva essere anche parecchio sciocca per non rendersi conto delle seconde e terze letture che si nascondevano dietro quei disegni, mentre un sorriso, una smorfia, uno sguardo sospettoso sottolineavano o evidenziavano le parole. “Troppo sottile”, dicevano i critici di allora, ma tra ovazioni e applausi prolungati, mentre conviveva con l’apologia permanente che inondava le altre pagine, Gugulandia si faceva portatrice di un messaggio così fresco e stimolante che finiva per essere contestatore.

Nel 1966 il fumetto venne portato sul grande schermo, tra le altre cose perché il suo autore aveva cominciato a lavorare nel 1959 come disegnatore di cartoni animati preso l’Istituto del Cinema. Nei primi mesi del 1977, gli eroi di questa fiction ante litteram comparvero in venticinque fumetti, alti undici metri l’uno, in una spettacolare esposizione intitolata “Il lavoro creò l’uomo”, organizzata per salutare il diciottesimo anniversario del trionfo della rivoluzione, e visitata in tre mesi da oltre centocinquantamila persone all’interno del Padiglione Cuba, il più importante centro espositivo del paese.

Come molte altre cose i gugus abbandonarono il paese nel 1980. Per la mia generazione che è riuscita a vedere quei fumetti soltanto nella fanciullezza, Gugulandia era un argomento di conversazione delle persone più anziane, che affrontavano il tema con aria di superiorità, come se a noi giovani mancasse qualcosa di fondamentale per aver perso le vignette di quando la furia dei placatanes regnava sulla faccia della terra.

In compenso Gugulandia risorse a nuova vita. Prima non lo avevamo mai visto con colori così nitidi e con la libertà che permette di esporre le idee alla luce del sole. Visto che non era più necessario essere sottili, il fumetto corse il rischio di diventare, secondo i critici attuali “troppo evidente”. Ma non ha mai potuto perdere la sua arguzia, dovuta all’idea originale di presentare un mondo in cui si racconta come sono state inventate le cose che oggi conosciamo, senza far mancare gli anacronismi umoristici, le false interpretazioni e la sorpresa inalterabile davanti alle scoperte. Un mondo dove gli uomini primitivi scoprono le loro verità grazie all’errore e alla critica, dove la comunicazione, nata dal primitivo gu, è la cosa più importante.

Questo libro che ho l’onore di presentare, potrà circolare a Cuba soltanto in modo clandestino. Un’altra generazione di lettori si compiacerà nel passarlo di mano in mano, forse nascosto da una finta e più innocente copertina. Avrà senza dubbio un’altra schiera di ammiratori.

 

L’Avana 10 aprile 2010

Traduzione di Gordiano Lupi


Foto allegate

Articoli correlati

 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy