Mercoledì , 21 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. A Peppino Impastato. Un ricordo
12 Settembre 2009
 

Fresco era il mattino

E odoroso di crisantemi.

Ricordo soltanto il suo viso

Violaceo e fisso nel vuoto,

il singhiozzo della campana

e una voce amica:

è andato in paradiso

a giocare con gli angeli,

tornerò presto

e giocherò con te”


(Peppino Impastato)

 

 

 

UN RICORDO PER PEPPINO IMPASTATO

   

Poche parole per esprimere solidarietà ai familiari di Peppino Impastato (Cinisi, 5 gennaio 1948 – Cinisi, 9 maggio 1978), e a quanti lo hanno amato e lo amano, per dire loro di perdonarli perché non sanno quello che fanno. Solo se non sanno si può capire un tale gesto. E se non sanno dimostrano tutta la propria ignoranza. Non sanno che Peppino Impastato è stato vittima della mafia, simbolo di coloro che lottano contro ogni forma di corruzione, che difendono gli ideali in cui credono e che pagano con la vita il credo nelle proprie idee. Terribile fu la morte di Peppino Impastato, esempio di coerenza, di rettitudine e di moralità. Sentire che il nuovo sindaco leghista di Ponteranica ha cambiato la denominazione della biblioteca intitolata a Peppino Impastato per intitolarla a un personaggio del luogo è stata l’ennesima doccia fredda da parte di chi si sta adoprando in tutti i modi e in tutti i settori per dividere il paese.

Forse! E il dubbio assale chi ha a cuore l’unità del nostro paese! Toglieranno dai libri Pirandello, Verga, Quasimodo, Di Giacomo, Serao, Deledda? Ma solo per citarne alcuni perché sono tanti e tanti coloro che da altre regioni hanno dato lustro al nostro paese in tutti i campi. Il dubbio assale e stringe la mente come in una morsa il pensiero che in Italia ci sia gente così poco acculturata e priva di sensibilità ad ogni livello. Si prova per loro compassione e vergogna, per essere arrivati a un livello d’istruzione così basso. Quasi quasi rifiuteranno Federico II di Svevia e che importa se Dante lo definisce “Sole dell’Occidente” tanto stava in Sicilia e mica sanno che alla sua corte nacque la letteratura.

Purtroppo l’ignoranza paga un caro prezzo e la tracotanza va oltre.


Ma da quale pianeta sono arrivati i leghisti? Che non siano extraterrestri! Si ha quasi timore ad incontrarli. Il loro punto fisso è la separazione: rifiutano insegnanti..., presidi…, clandestini e mettono in atto cose turpi che inquinano il nostro paese, che ci offendono e che ledono la dignità di ognuno di noi.

Sarà molto difficile spiegare perché è stata sostituita la targa col nome di Peppino Impastato perché penso che la cosa abbia colpito e commosso tutti. Un eroe appartiene a tutta la Nazione, è un grande esempio per tutti. Nulla e nessuno potrà giustificarlo se non in nome di un’ignoranza ormai imperante.

Dante avrebbe avuto molta difficoltà a collocare questi tristi figuri, anche Lucifero li avrebbe prima appestati e poi rifiutati e ce li avrebbe rimandati indietro dicendo: li avete voluti; ma forse Totò gli avrebbe potuto dare una lezione di vita; a ben pensarci la sua “livella” si può riferire non solo ai morti ma anche ai vivi e gli avrebbe detto molto pacatamente: non è colpa nostra se siamo vicini, se abitiamo sullo stesso “sacro” suolo; abbiamo lottato e siamo morti per essere vicini di casa e voi ci rifiutate ma lo sapete che la morte ci livellerà tutti e se vi capiterà dopo questa vostra “illustre” vita di essere seppelliti accanto a un clandestino o a un povero meridionale? La cosa non vi alletta? Non ridete più? Ma Questa è la vita: Oggi a me domani a te.

   

             A Livella


Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

 

St'anno m'é capitato 'navventura...

dopo di aver compiuto il triste omaggio.

Madonna! si ce penzo,e che paura!,

ma po' facette un'anema e curaggio.

    

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

 

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31”

 

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

 

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

 

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro - netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

 

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

 

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

 

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

 

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

 

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello... 'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

 

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

 

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

 

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

 

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

 

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

 

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa”.

 

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

 

“Famme vedé... -piglia sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

 

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capì, ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale”.

 

“Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”

 

“Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora è fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e? ...è una livella.

 

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

 

Perciò, stamme a ssenti... nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo à morte!”

 

Antonio De Curtis, in arte Totò


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 16 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.7%
NO
 26.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy