Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > The corner
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
UNA PASSIONE INESTINGUIBILE: LA STORIA DI PEPPINO IMPASTATO
Peppino Impastato (
Peppino Impastato ('48-'78) 
13 Dicembre 2005
 
Nubi di fiato rappreso
s'addensano sugli occhi
in uno strano scorrere
di ombre e di ricordi:
una festa,
un frusciare di gonne,
uno sguardo,
due occhi di rugiada,
un sorriso,
un nome di donna:
Amore
Non
Ne
Avremo.

             (P. Impastato)

 

Nel mio navigare su Internet sono incappata, ieri, nel sito dedicato a Peppino Impastato. Questo nome è stato riportato alla memoria soprattutto dopo il bel film di Marco Tullio Giordana I cento passi in cui si traccia la biografia di una vita sacrificata alla causa della lotta contro la mafia.

Peppino venne, infatti, ucciso nella notte tra l'8 e il 9 maggio 1978. Solo dopo quasi venticinque anni di montature si è giunti alla condanna all'ergastolo del mandante dell'omicidio, quel Tano Badalamenti, capomafia di Cinisi, che abitava appunto a cento passi dalla casa di Peppino e da quest'ultimo, per anni, apertamente accusato di delitti e affari criminali che imperversavano nel territorio di Cinisi e Terrasini. La storia di Peppino, giovane uomo di trent'anni, messa in ombra in quei giorni da un'altra tragedia italiana, il ritrovamento del cadavere di Moro, e successivamente da illazioni che lo volevano suicida durante una rivendicazione terroristica (lui, dilaniato da una carica di tritolo posta sotto il suo corpo adagiato sui binari della ferrovia), è vicenda di grande impatto emotivo che deve assolutamente essere ricordata. Peppino, nel portare avanti la sua lotta, si fece il vuoto intorno; il primo ad abbandonarlo fu il padre, egli stesso appartenente alle fila della mafia locale, che lo cacciò di casa, poi buona parte dei suoi compaesani. Una passione civile come quella di Peppino Impastato è difficile da fermare perché disposta a tutto. Per non poter essere ricattabile egli decise di rinunciare ad affetti troppo profondi, all'amore di una ragazza, di interrompere i contatti con l'amatissima madre e col fratello, gli amici più cari quando questi legami si potevano fare più stretti fino ad indicare ai suoi nemici la via attraverso la quale obbligarlo alla resa.

È, la sua, una storia d'amore per la giustizia, per la sua gente, per la sua Sicilia, per i giovani del futuro. Grazie a lui l'anno dopo, in occasione del primo anniversario della sua uccisione, ci fu la prima manifestazione popolare d'Italia contro la mafia, cui parteciparono duemila persone.

Il nostro Paese, in cui continuamente si rischia la dimenticanza opportunistica se non il revisionismo (assecondando, in questo, una tendenza di buona parte del mondo), deve doverosamente ricordare una persona come Peppino Impastato, accanto a Falcone, Borsellino, Livatino, Dalla Chiesa, solo per citarne alcuni e ai molti altri che hanno scientemente messo in pegno se stessi nella lotta contro la mafia. (il sito www.girodivite.it propone un interessante articolo sul 21 marzo, giornata della memoria delle vittime innocenti di mafia)

Frasi come quella di Lunardi, nelle vesti di Ministro della Repubblica, che afferma «la mafia c'è sempre stata e sempre ci sarà: dobbiamo conviverci» devono offendere ciascuno di noi.

La madre di Peppino, Felicia, è morta nel dicembre dello scorso anno; dal '78, dal giorno in cui «mi fecero a pezzetti me figghiu» ha portato il lutto stretto, ma non ha smesso di portare anche il suo corpo asciutto e fragile in giro per piazze e procure, a testimoniare, insieme all'altro figlio Giovanni e ai compagni di militanza e del centro di documentazione di Peppino, lo stesso amore che lo animava. Davvero certe persone sono dotate di un coraggio che impressiona, davvero questa è la passione dell'amore!


Annagloria Del Piano


Articoli correlati

  Passata la finanziaria, ci aspetta un lavoro di approfondimento e innovazione. Praticamente in tutti i campi
  Vetrina/ Maurizio Benazzi. La mamma di Peppino
  Cristiano Aldegani e Littorio Feltri: Scemo + scemo. E il saggio Giuseppe Bettoni.
  Anna Lanzetta. A Peppino Impastato. Un ricordo
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 3
  Primo Mastrantoni. Corruzione. Quando si legifera sull'emergenza
  Narcomafie: Inchiesta sulla mafia-massoneria. Perquisita la Cassazione
  I.T.C.G. “P. Saraceno”, Morbegno. “A cento passi... da casa nostra”
  Mafia anche in Lombardia?
  Rita Bernardini. Tre o quattro finanziarie ogni anno per la criminalità organizzata
  Livio Pepino: La mafia che si trasforma in potere
  21 MARZO: GIORNATA IN RICORDO DELLE VITTIME DELLE MAFIE
  Milano dice NO. Mobilitazione Generale Contro le Mafie
  Fa tappa a Morbegno la Carovana antimafie 2009
  Marco Lombardi. A Roma nessun Robin Hood
  Giovanna Corradini. Intorno alla mafia, prima e dopo l'unità
  Gianmario Lucini. Un libro contro la mafia scritto dagli studenti italiani
  Punto Pace / Arci. Con Libera, alla giornata della memoria. Milano 20 marzo 2010
  Milano dice NO. 13-14-15 novembre
  Gordiano Lupi. I “Giudici di frontiera” di Roberto Mistretta
  Attilio Doni. “È inguaribile la mia malattia, oppure è incapace il medico?”
  Gianmario Lucini. A Napoli contro tutte le mafie
  Grazia Musumeci. Vent’anni. Ricordando Falcone nel ricordo di Norman
  Roberto Malini. La mafia è un mostro dalle cinque teste
  Carovana antimafie 2009. La tappa di Morbegno di domenica 15 e altro ancora...
  Roberto Malini. Come reagiremo allo scan­da­lo Roma Capitale?
  Giuliano Luzzi. MAFIA?! Da noi no!
  Che fine hanno fatto i beni confiscati alle mafie?
  Mostra fumetti antimafia a Lacchiarella (MI)
  Scuola Antonio Caponnetto. A Firenze, con “LIBERA”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy