Venerdì , 21 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Per la giornata internazionale della nonviolenza
28 Settembre 2008
 

«Se puoi chiudere la mano a pugno, significa che la mano è vuota». (La tigre e il dragone, film di Ang Lee, 2000)

*

A volte, i miei seminari cominciano così: chiedo alle persone di mettersi in coppia, preferibilmente con qualcuno che non conoscono, e di chiudere una mano a pugno. L'altra persona ha il compito di tentare di aprire quella mano. Ci crediate o no, fino ad ora tutti quelli che ignoravano l'esercizio (chi lo conosce ha l'incarico di chiudere il pugno e di non svelare il segreto per i venti secondi di durata), comprese le persone con alle spalle training ed approfondimenti vari, hanno tentato di aprire la mano dell'altra persona con la forza. Che ci riescano o meno, questa è la domanda che faccio al termine della prova: come vi siete sentiti, cosa provavate? Rabbia, angoscia, disagio sono le risposte più comuni sia che si stesse resistendo con il pugno chiuso, sia che si stesse forzando la sua apertura. A questo punto, invito qualcuno a rifare la cosa con me, ovvero a tendermi il suo pugno, e gli chiedo gentilmente di tenermi le chiavi, oppure gli offro una caramella, o ancora domando con un sorriso: potresti aprire la mano, per favore? E la mano, invariabilmente, si apre.

Questa minuscola faccenda mi conferma di continuo che riceviamo un intenso addestramento alla violenza, e che esso è talmente profondo e radicato da indurci a ritenerla il primo e il più efficace mezzo per ottenere ciò che vogliamo; mi conferma anche, naturalmente, che è possibile ottenere ciò che vogliamo con metodi creativi, senza ferire altri e senza ferire noi stessi.

*

Il prossimo 2 ottobre è la “Giornata internazionale della nonviolenza”. Spesso le ricorrenze ufficiali sembrano non dire nulla: per esempio, ho perso il conto delle donne che in occasione dell'8 marzo mi chiedono sconsolate “C'e' forse qualcosa da celebrare?”. A questo punto, prima di imbarcarmi nella lista (composta da fatti per cui gioire, e da circostanze ove vi è da lottare per un cambiamento), replico: “Sì, personalmente comincio dal celebrare te, una donna intelligente e sensibile che può studiare, votare e amare se stessa grazie al lavoro e all'impegno di centinaia e centinaia di altre donne venute prima di lei”. Se quindi volete sapere cosa c'è da celebrare il 2 ottobre, eccovi un suggerimento: un terzo del nostro pianeta è composto da paesi in cui movimenti sociali hanno apportato grandi cambiamenti tramite azioni nonviolente. Questi movimenti hanno avuto successo in situazioni assai difficili, sfidando alcuni dei peggiori regimi del XX secolo: Marcos nelle Filippine, Ceausescu in Romania, l'apartheid in Sudafrica, il dominio sovietico in Latvia, Lituania ed Estonia. Se nel conto mettiamo, saltando indietro di cinquant'anni, la liberazione dell'India, la resistenza al nazismo in Danimarca e Norvegia, e il movimento per i diritti civili negli Usa, le persone che hanno sperimentato la forza della nonviolenza salgono a due terzi nel mondo. Se consideriamo che i movimenti femministi hanno alle spalle, globalmente, circa due secoli di vittorie ottenute con mezzi nonviolenti, lo spettro è ancora più ampio. Direi che di storie da raccontare, per cui festeggiare e da cui imparare ne abbiamo parecchie.

Nonostante ciò, la percezione comune è che la nonviolenza sia inefficace: continuiamo a presumere, con Mao, che “il potere nasce dalla canna del fucile”, e ciò non è sorprendente se si pensa alla tradizionale associazione degli uomini con il possesso e l'uso delle armi. Che uccidere sia l'essenza del “vero” uomo è un costrutto di propaganda che conta qualche migliaio di anni ed il sostegno di parecchie argomentazioni pseudo-scientifiche: su tutte, quella che la violenza sia il principale motore delle civiltà umane. Naturalmente è un falso, come le ricerche storiche, antropologiche ed archeologiche degli ultimi quarant'anni hanno ormai dimostrato: l'umanità è sopravvissuta ed ha prosperato perché i suoi membri hanno saputo condividere le risorse, essere solidali, cooperare, trattarsi l'un l'altro con considerazione per un lunghissimo periodo di tempo.

Le ricorrenze servono anche a questo, a non perdere la memoria: guardare indietro ci dà le radici necessarie affinché lo slancio in avanti non sia un salto nel vuoto. E non ha importanza da che parte si arrivi alla nonviolenza, se a suggerirla è una fede religiosa, una disamina laica della storia, o semplicemente un empito umano. È davvero importante, invece, capire bene cosa la nonviolenza è, come può trasformare la nostra vita e la sorte di questo pianeta in pericolo; è davvero importante sapere che non si tratta del “karaté dei quaccheri” o di una semplice tecnica che possiamo prendere e lasciare a nostro piacimento alternandola con la “violenza purtroppo necessaria”: in questo caso anche se la userete non funzionerà, perché ci avrete messo il cervello e non il cuore. Allo stesso modo non funzionerà se pensate sia solo un percorso individuale dello spirito, qualcosa che vi serve a meditare in mezzo ai fiori e a sentirvi in pace con voi stessi: perché ci avrete messo il cuore e non il cervello.

Ogni volta in cui pensiamo di poter separare con un taglio d'accetta la razionalità dalle emozioni dimentichiamo che esse sono strettamente connesse, che le nostre vite sono connesse, e che tutto ciò che è vivo sulla Terra è in relazione. La relazione ci permette non solo di sopravvivere, ma di vivere bene, di esercitare i nostri talenti, di amare. E ci permette di condurre lotte nonviolente sopportandone fatiche e sofferenze e godendone tutti i momenti di gioia.

*

Questo direi, se dovessi parlare a qualcuno per celebrare la Giornata internazionale il 2 ottobre: non mi sono mai pentita di aver scelto la nonviolenza, e nei momenti bui è stata la mia ancora di salvezza, perciò mi auguro, e vi auguro, di avervi presto con me sulla medesima via.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Voci e volti della nonviolenza, 27 settembre 2008)


Articoli correlati

  Mao Valpiana. 2 ottobre, il natale della nonviolenza
  Incontro su Capitini e nonviolenza. A Perugia il 1° ottobre
  Giorgio Nebbia. Ecologia come nonviolenza nei confronti della natura
  Domenico Gallo. Il canone fondamentale della nonviolenza
  Yoani Sánchez. Nonviolenza arma della ragione
  Gianni Sofri. Gandhi
  Antonio Parisella. Un maggiore impegno educativo in direzione della nonviolenza
  Annamaria Rivera. Dialogo fra un anarchico e una gattara
  Nanni Salio. Persuasi, dubbiosi, scettici e oppositori della nonviolenza
  Invitiamo comuni e scuole a celebrare la giornata internazionale della nonviolenza istituita dall'Onu
  Giancarla Codrignani. Per la salvezza del futuro
  Lorenzo Porta. Da un ambito locale con lo sguardo al mondo
  Maria G. Di Rienzo. Innamorarsi del mondo
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Laura Boella. Una politica e un'arte della nonviolenza?
  GandhiDay a Torino il 2 ottobre
  Marco Pannella inizia oggi 2 ottobre lo sciopero della fame
  Andrea Maori. Da Capitini a Sharp: Noncollaborazione, liberalismo e democrazia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy