Mercoledì , 23 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Laura Boella. Una politica e un'arte della nonviolenza?
24 Settembre 2010
 

La globalizzazione ha modificato le nozioni di guerra e di nemico, ha cambiato il modo in cui le vittime sono uccise e prodotte figurativamente e simbolicamente. In altri termini, il nostro rapporto sia attivo sia passivo con la violenza è molto cambiato, soprattutto nel suo rapporto con la politica. A questi mutamenti non corrisponde una capacita' di pensiero che porti a non accettare più la violenza come un destino ineluttabile per gli esseri umani. Mancano persino le parole per definire e concettualizzare la nonviolenza: solo Gandhi propose la parola satyagraha, che peraltro non appartiene a un contesto occidentale.

È necessaria una nuova immaginazione politica e filosofica per pensare la politica dal punto di vista della nonviolenza e non più da quello del conflitto o dell'ethos del guerriero.

Possiamo già contare sul lavoro di una pensatrice femminista, Judith Butler (foto), che ha tematizzato la violenza come il contesto entro il quale l'umano deve essere ri-pensato e re-immaginato, un contesto che non è più violento, ma in cui l'umano è definito dalla sua vulnerabilità, dalla possibilità di essere offeso.

Si può anche guardare agli esempi di attivismo nonviolento che hanno esercitato ed esercitano una funzione politica: il “potere dei senza potere” (Vaclav Havel). In particolare, credo che l'arte oggi offra esempi di “attivismo sociale” molto utili a intensificare la percezione del nostro corpo e di quello degli altri nell'ottica della vulnerabilità ed eserciti una funzione molto importante nell'insegnarci che cosa sia e quanto rilievo abbia il dolore dei corpi negli eventi bellici del passato e del presente, nelle pratiche di tortura, nell'abbandono di intere popolazioni alle catastrofi naturali.

 

Laura Boella

 

 

[Ringraziamo Laura Boella (per contatti: laura.boella@unimi.it) per questo intervento.

Laura Boella, docente di storia della filosofia morale all'Università di Milano, è tra le massime studiose di Gyorgy Lukacs, Agnes Heller, Ernst Bloch, Hannah Arendt; è impegnata nella ricostruzione del pensiero femminile nel Novecento; fa parte della redazione della rivista filosofica aut aut. Opere di Laura Boella: Il giovane Lukacs, De Donato, Bari 1977; Intellettuali e coscienza di classe, Feltrinelli, Milano 1977; Ernst Bloch. Trame della speranza, Jaca Book, Milano 1987; Dietro il paesaggio. Saggio su Simmel, Unicopli, Milano 1987; (a cura di), Letture e discussioni intorno a Levinas, Jankelevitch, Ricoeur, Unicopli, Milano 1988; Parole chiave della politica, Mantova 1995; Hannah Arendt. Agire politicamente, pensare politicamente, Feltrinelli, Milano 1995; Morale in atto, Cuem, 1997; Cuori pensanti. Hannah Arendt, Simone Weil, Edith Stein, Maria Zambrano, Tre Lune, Mantova 1998; con Annarosa Buttarelli, Per amore di altro. L'empatia a partire da Edith Stein, Cortina, Milano 2000; Le imperdonabili. Etty Hillesum, Cristina Campo, Ingeborg Bachmann, Marina Cvetaeva, Tre Lune, Mantova 2000; Grammatica del sentire. Compassione, simpatia, empatia, Cuem, Milano 2004; Sentire l’altro. Conoscere e praticare l’empatia, Cortina, Milano 2006; Neuroetica. La morale prima della morale, Cortina, Milano 2008]

 

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 24 settembre 2010)


Articoli correlati

  Filosofia al femminile. Laura Boella a Sondrio il 6 giugno
  GandhiDay a Torino il 2 ottobre
  Nanni Salio. Persuasi, dubbiosi, scettici e oppositori della nonviolenza
  Gianni Sofri. Gandhi
  Mao Valpiana. 2 ottobre, il natale della nonviolenza
  Marco Pannella inizia oggi 2 ottobre lo sciopero della fame
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Yoani Sánchez. Nonviolenza arma della ragione
  Antonio Parisella. Un maggiore impegno educativo in direzione della nonviolenza
  Invitiamo comuni e scuole a celebrare la giornata internazionale della nonviolenza istituita dall'Onu
  Incontro su Capitini e nonviolenza. A Perugia il 1° ottobre
  Domenico Gallo. Il canone fondamentale della nonviolenza
  Annamaria Rivera. Dialogo fra un anarchico e una gattara
  Maria G. Di Rienzo. Innamorarsi del mondo
  Giancarla Codrignani. Per la salvezza del futuro
  Maria G. Di Rienzo. Per la giornata internazionale della nonviolenza
  Giorgio Nebbia. Ecologia come nonviolenza nei confronti della natura
  Lorenzo Porta. Da un ambito locale con lo sguardo al mondo
  Andrea Maori. Da Capitini a Sharp: Noncollaborazione, liberalismo e democrazia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy