Mercoledì , 24 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Emmanuela Bertucci. Canone Rai in bolletta: Una rivoluzione? Non proprio
27 Dicembre 2015
 

Firenze – Il canone Rai in bolletta: se ne parla da quasi dieci anni e con l’ultima legge di stabilità è diventato realtà.

La riscossione dell’imposta RAI – perché sia chiaro, è un’imposta, non un “canone” – in bolletta è stata presentata dal Governo e dai media con tre slogan, così riassumibili: “Canone più basso”, “Canone in bolletta” e “Lotta all’evasione”.

Il primo slogan è indiscutibilmente vero, la tassa per la detenzione di una tv è diminuita per effetto della legge di stabilità 2016, passando da euro 113,50 a euro 100,00. Eppure – come vedremo più avanti – se il Governo avesse “esteso” la riscossione del canone in bolletta non solo alle famiglie ma anche al canone speciale delle attività a fini di lucro, la riduzione del canone dovuto dalle famiglie avrebbe potuto essere ben più sostanziosa.

Il secondo merita approfondimenti e puntualizzazioni: sembrerebbe infatti che dal 2016 tutti pagheranno il canone in bolletta, mentre come vedremo non sempre sarà cosi.

Il terzo slogan è quello che ci lascia più perplessi. È davvero una misura efficace di contrasto all’evasione? Chiariamo subito che le novità che andremo ad esaminare riguardano solo le famiglie, cioè il canone ordinario. Per il canone speciale tutto resta invariato.

Andiamo ad analizzare le (poche) novità.

 

Il canone RAI sarà pagato da tutti con la bolletta della luce?

No. Il canone verrà addebitato in fattura solo se l’intestatario della bolletta ha residenza anagrafica nel luogo in cui viene fornita la luce. Esemplificando, se ho residenza in un immobile e sono intestatario di un contratto di fornitura elettrica per quell’immobile, il canone mi verrà addebitato in bolletta.

Solo in questo caso il canone verrà effettivamente addebitato in bolletta. Tutti coloro i quali non ricadono in questa condizione dovranno continuare a pagare come prima, tramite bollettino: ad esempio, per conviventi more uxorio o semplici coinquilini, e in tutti i casi in cui soggetti non appartenenti allo stesso nucleo familiare coabitano, ci sarà un’unica bolletta dell’energia elettrica. Nonostante ciò il canone sarà separatamente dovuto da tutti i soggetti che utilizzano (detengono) la tv.

 

Canone RAI e nuove utenze elettriche

Per le nuove utenze, la compagnia che eroga la fornitura di corrente elettrica dovrà – al momento della stipula del contratto – raccogliere la dichiarazione del cliente in ordine alla residenza anagrafica nel luogo di fornitura, e il cliente sarà tenuto a comunicare ogni successiva variazione.

 

Canone RAI e utenze elettriche già attive. Cosa fare se non si ha una tv

Per le utenze già attive, la legge prevede una presunzione di detenzione di una tv. Se così non è, la persona – che ribadiamo è residente in quell’immobile e al contempo intestataria di una contratto di fornitura di energia elettrica - dovrà presentare all’Agenzia delle entrate (Direzione provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino I – Sportello S.A.T.) una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che avrà validità annuale.

Le modalità con cui rendere tale dichiarazione saranno stabilite successivamente da un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate. ATTENZIONE: la legge di stabilità non specifica entro quando tale dichiarazione deve essere resa, immaginiamo che anche la tempistica sarà oggetto del provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate.

 

Quando andrà pagato il canone 2016?

Per chi è residente in un immobile e ha intestata la bolletta della luce, nella prima fattura successiva al 1º luglio 2016 verranno cumulativamente addebitate tutte le rate scadute del canone RAI (cioè le prime sei, per un importo di euro 60,00). Le ulteriori quattro verranno addebitate nelle bollette della luce delle mensilità successive. Per questi soggetti l’importo è rateizzato in bolletta, in dieci rate. L’addebito bancario (RID) già autorizzato per la luce si intende autorizzato anche per il canone.

Prima di procedere, un breve inciso. Le rate non sono dieci, ma al più cinque e dal 2017. Perché dividere per dieci rate un importo che viene riscosso con bollette bimestrali, in realtà vuol dire dividere in cinque rate, che però “suona” peggio, meno magnanimo.

Nel 2016 poi le rate non saranno nemmeno cinque, ma tre, cioè la prima di 60,00 euro nella prima bolletta fattura successiva al 1º luglio 2016 e le altre due di 20,00 euro ciascuna nelle due bollette successive.

Chiusa parentesi.

Per tutti gli altri soggetti tenuti al pagamento del canone Rai la legge di stabilità non specifica nulla, né abroga la normativa precedente. Ciò ci fa presumere, dunque, che chi non è al contempo intestatario di una utenza elettrica e residente nel luogo in cui l’energia viene erogata, dovrà pagare il canone, come sempre, entro il 31 gennaio 2016. La questione non è stata esplicitamente affrontata nella legge di stabilità e merita un chiarimento urgente, visto l’approssimarsi della scadenza.

 

Posso ancora chiedere il suggellamento della tv?

No. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di stabilità non sarà più esercitabile la facoltà di presentare la denunzia di cessazione dell’abbonamento radiotelevisivo per suggellamento.

Si tratta di una disposizione che, benché in vigore, non veniva applicata già da molti anni. Le tv non venivano più chiuse in un sacco di iuta e sigillate (in questo consisteva il suggellamento) ma ci si limitava ad inviare una dichiarazione, alla quale potevano seguire eventuali controlli.

Dunque, essendo stata eliminata la possibilità di richiedere il suggellamento, non sarà più possibile avere una tv vecchia chiusa in soffitta e non usata, ma occorrerà disfarsene fisicamente.

 

***

 

Queste le novità, non altro. Non è certo possibile in questa fase avere un’idea di quanti sono gli italiani evasori del canone che hanno residenza e utenza intestata, e che in questo modo verranno “stanati”, ma immaginiamo non si tratti di grandi numeri.

E soprattutto non si tratta di grandi numeri se paragonati ai dati dell’evasione del canone speciale. Perché sia chiaro, la “manovra” riguarda solo i canoni ordinari dovuti per la detenzione di tv ad uso privato. L’evasione totale di questi canoni è stimata fra il 25 e il 30%, secondo un sillogismo decisamente approssimativo: le famiglie italiane sono 23 milioni, e siccome in Rai e ai ministeri partono dal presupposto che ogni famiglia abbia un apparecchio tv, essendo i contribuenti paganti “solo” 17 milioni, gli evasori presunti sarebbero 6 milioni.

Ben più sostanziosa è invece l’evasione del canone speciale, dovuto da chi detiene una tv a fini di lucro “diretto o indiretto”. Parliamo di strutture ricettive di ogni genere (dal campeggio all’hotel di lusso, dal B&B alla casa di riposo), negozi, botteghe, scuole, banche, esercizi pubblici, ospedali, uffici, poste, studi professionali, istituti religiosi, sedi di partiti politici, circoli, associazioni, ecc. ecc.

Per il canone speciale nulla cambia. Il che vuol dire che il canone verrà riscosso in bolletta solo per le famiglie e non anche per gli esercizi commerciali, che pure una utenza elettrica ce l’hanno.

Perché? Perché cioè contrastare solo l’evasione delle famiglie e non anche quella, molto più estesa, dei canoni speciali?

 

L’indagine Aduc sull’evasione del canone speciale nel 2007

Nel 2007, Aduc condusse una indagine sull’evasione del canone speciale (era il periodo in cui la RAI pretendeva ancora il pagamento del canone per chi aveva anche solo un computer), incrociando i dati dell'Istituto demoscopico del Governo – secondo cui in Italia risultavano 4.371.087 imprese; il 91,7% delle quali aveva Internet e, di conseguenza, almeno un computer; considerando solo queste ultime imprese, i canoni dovuti sarebbero stati 4.008.286 – con i dati RAI relativi ai canoni speciali riscossi nel 2006, in numero di 171.554. Anche limitandosi alle sole imprese, l'evasione del canone speciale si attestava intorno al 95,8%. Calcolando per ogni impresa il canone speciale base (all’epoca 185,29 Euro), l'evasione plausibile era di 742.695.000 Euro.

L’indagine del 2007 teneva conto del fatto che il canone era all’epoca richiesto anche per i pc, richiesta sulla quale nel 2012 la Rai ha fatto marcia indietro.

 

L’evasione del canone speciale nel 2013

A quanto ammonta oggi l’evasione del canone speciale? Quanti non pagano? Per quali importi?

Una risposta parziale e decisamente prudenziale la fornisce la Corte dei Conti, nella sua relazione del 3 marzo 2015 sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria della RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA Spa per l’esercizio 2013 (Determinazione n. 20 del 2015 del 3 marzo 2015, p. 163):

«Per quanto concerne la raccolta del canone speciale, nel 2013 le relative utenze speciali sono state pari a n. 330.000 (273.000 TV + 57.000 radio), con un ricavo annuo di circa 74 milioni di euro. L’evasione dal pagamento del canone speciale, considerata la tipologia di potenziale utenza, appare difficilmente quantificabile. Le valutazioni dell’azienda militano nel senso che il tasso di evasione sia significativamente superiore a quello relativo all’utenza privata. Il mercato potenziale complessivo di riferimento viene stimato intorno a n. 1.000.000 “esercizi”. Il mancato introito potenziale, nel caso teorico che tutti gli “esercizi” non paganti, siano accessoriati con un apparecchio radiotelevisivo e, quindi, siano tutti assoggettati al pagamento del canone, si posiziona intorno alla somma di 170 milioni di euro annui. Il volume del ricavo potenziale si attesterebbe, quindi, in circa 230 milioni di euro. La valutazione dell’Azienda, al riguardo, è che l'evasione dal pagamento dei canoni speciali sia valutabile nella misura del 65-70% dei citati 1.000.000 “esercizi”, corrispondente circa a 100 milioni di euro all'anno. La situazione del canone speciale aggiornata al 31 dicembre 2013, viene esposta nella tabella seguente».

La Corte dei Conti riporta i dati forniti dalla RAI: la stima prudenziale è di una evasione fra il 65% e il 70% dei soggetti tenuti al pagamento. Delle tabelle inserite nelle 218 pagine che compongono la relazione, una ha colpito particolarmente la nostra attenzione; si tratta della tabella che espone la situazione del canone speciale aggiornata al 31 dicembre 2013 (per consultare la tabella si veda l'articolo sul sito web dell'Aduc, ndr).

Solo 20 uffici postali in tutta Italia pagano il canone Rai su oltre 13.000 uffici complessivi. Rispetto all’indagine Aduc del 2007 nulla è cambiato.

Ma torniamo al nostro tema. Secondo il Governo quindi, mettere il canone in bolletta alle famiglie contrasta l’evasione, fare altrettanto alle aziende, che evadono fra il 65 e il 70% del canone, evidentemente no. Eppure se questa “strenua” lotta all’evasione serve a pareggiare il disastrato bilancio RAI (442 milioni di euro di debiti finanziari verso le banche), lottare anche contro l’evasione del canone speciale consentirebbe in pochi anni di pareggiare il bilancio, portarlo in attivo, diminuire l’importo del canone delle famiglie e magari abolirlo – come chiediamo da anni – o privatizzare la Rai, come hanno chiesto gli italiani con un referendum ignorato, anziché destinarlo ai cachet di presentatori e starlet varie, che poco c’entrano con il servizio pubblico.

 

Emmanuela Bertucci, legale Aduc


Articoli correlati

  Vincenzo Donvito. Rai col nuovo CDA. E ora? Come prima....
  Rai/Corte dei Conti. Omissioni sul controllo della gestione finanziaria della Rai? Interrogazione
  Canone/Imposta Rai. Chi sta fregando la concorrenza sulle forme di pagamento? Denuncia all'Antitrust
  RAI. Quando l'imposta (il canone) non garantisce informazione
  Canone RAI. L'inutile sirena di parte non cessa mai di dilaniare la nostra tranquillità di contribuenti obbligati
  Riforma Rai. Aggiungi un posto a tavola... E io pago per il soviet!
  Michele Governatori. Il canone in bolletta, edizione 2015
  Regime televisivo. Accordo Rai/Mediaset contro evasione canone? Il cemento della Tv Unica di Stato?
  Canone/imposta Rai in bolletta. Ok del Consiglio di Stato al decreto... ma a denti stretti
  Canone/imposta Rai. Richiesta illegittima di quello speciale anche per un pc?
  Tassa/canone Rai. Pagarlo anche per un videocitofono?
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai: Verso l’abolizione... elettorale?
  Canone/Imposta Rai. Vogliono aumentarlo, ma sono i primi che fanno evadere il Fisco alle aziende
  Emmanuela Bertucci. Imposta/canone Rai: Dovrebbero pagare anche i morti
  Canone/imposta Rai. Aduc: Per chi ha pagato per il pc, ecco come richiedere il rimborso
  Pietro Yates Moretti. Rai. La proposta di pubblicare i compensi è una presa in giro
  Vincenzo Donvito. Canone Rai. La farsa della Leganord è in sintonia col guazzabuglio dell'odiata imposta
  Imposta/canone Rai. Le omissioni sulle nuove norme di pagamento stanno per provocare le prime vittime...
  Vincenzo Donvito. Canone/imposta Rai in bolletta elettrica
  Imposta/canone Rai in bolletta elettrica. “Costituzione violata”
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai: ora comincia il bello
  Rai: violazione di legge sui compensi e i contratti di consulenza, multa miliardaria?
  L’irriverente: Imposta/ canone Rai. Piatto ricco mi ci ficco!
  Vincenzo Donvito. Commissione vigilanza Rai. Lo sfascio delle istituzioni
  Emmanuela Bertucci. Canone/imposta Rai: Autocertificazione di non possesso
  Vincenzo Donvito. La Rai? Uno Stato (di illegalità) nello Stato (dell'illegalità)
  Le contraddizioni del canone Rai: stasera sulla tv Antenna3 si parla della tassa più odiata dagli italiani
  Canone/imposta Rai. Garimberti disperato si appella a chi non vuole e non può sentire
  Rai in rosso. Tutto a posto, lunga vita agli amministratori! E io pago...
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  I bilanci in rosso della Rai. Evasione dei contribuenti?
  Primo Mastrantoni. Manovra economica. Restituire agli italiani 1 miliardo e 685 milioni di euro
  Maria G. Di Rienzo. Signor Ministro... Sarei seccata dal dovermi trasferire in montagna
  Vincenzo Donvito. Sondaggi di Berlusconi: 50% non pagherà il canone Rai! Lo statista provveda
  Canone/imposta Rai. La legge non è uguale per tutti? Interrogazione
  Canone/imposta Rai. Recuperare l'evasione? Basta che la legge sia applicata a tutti
  Imposta/canone Rai e bolletta luce. A grandi passi verso lo sfascio. Aspettiamoci di tutto
  Canone/imposta Rai. Garimberti scopre la piaga dell'evasione
  Settimo Laurentini. Canone RAI, perché non lo aboliamo una volta per tutte?
  Rai e commissione parlamentare di vigilanza. Una beffa in cui controllori e controllati sono gli stessi
  Canone/tassa Rai. Il ministero non risponde su chi deve pagare. Pagano anche i turisti?
  Emmanuela Bertucci. Canone/imposta Rai: Lottare per abolirlo, non per evaderlo
  Michele Governatori. Il canone in bolletta, edizione pronta per l'uso
  Vincenzo Donvito. Le imposte più odiate... il solito canone Rai. Paese reale e Paese legale
  Vincenzo Donvito. Festival Sanremo. Pagare per cosa? Dall'assurdo al ridicolo
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai? Ne vedremo delle belle…
  Imposta/Canone Rai. Attenzione!!! Errori e incongruenze
  Rai. Commissione Vigilanza. Basta con la tv di Stato!
  La Tv pubblica di Sarkozy e quella di Gentiloni
  Canone/imposta Rai per il computer. In attesa di precise disposizioni, ora si paga o no?
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai. La saga continua...
  Vincenzo Donvito. Rai privatizzata? Bene, ma senza canone, partiti e capitali pubblici
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai. Esigerlo con disinformazione e metodi arroganti?
  Canone/Imposta Rai. Basta con la latitanza del diritto e dello Stato. Fare chiarezza. Appello a tutti i parlamentari
  Canone/tassa Rai. Associazione Produttori Televisivi plaude ad aumento ed inganna italiani?
  Parte del canone/tassa Rai alle regioni? No grazie
  La Rai censura il film Brokeback Mountain? Aderisci subito alla campagna “Disdici il canone Rai”
  Vincenzo Donvito. Canone/imposta Rai. Verso l'abolizione anche in Polonia...
  L'irriverente e la 'Nuova Rai'
  Canone/imposta Rai in bolletta: “Mancano chiarezza e informazione”
  Canone/imposta Rai. Che fine hanno fatto le agevolazioni già stabilite per legge per gli ultra 75enni. Interrogazione
  Vincenzo Donvito. Imposta/Canone Rai: Peggio di come si pensava
  Pagare il canone/tassa della Rai con la bolletta della luce? Inutile e sfascista!
  Canone-tassa tv anche per un computer? La Rai scarica la domanda bollente sull'Agenzia delle entrate
  L'imposta/canone Rai. Specchio di un'Italia che sembra impossibile da cambiare…
  Imposta/canone Rai. Finalmente Rai si accorge degli uffici
  Canone/tassa Rai. Cassazione: si contesta al giudice tributario e non alla giustizia civile
  Per il Garante del Contribuente è abuso d'ufficio
  Vincenzo Donvito. L'arroganza e le bugie della Rai
  Canone Rai: la propaganda della disdetta e la necessità di privatizzare la Rai
  Commissione vigilanza Rai. I partiti come il dio Kronos: si sono mangiati il proprio figlio
  Privatizzazione Rai. Fli presenta proposta di legge Della Vedova
  Vincenzo Donvito. Imposta/canone Rai nella bolletta elettrica?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy