Mercoledì , 22 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Dijana Pavlovic. Salvini scendi dal fico, anzi dalla ruspa
05 Giugno 2015
   

Salvini vuole querelami perché i suoi fan mi mandano la sua foto insieme a quella di Mussolini e di Hitler.

Se la prenda con le conseguenze della sua campagna di odio.

Scenda dalla sua ruspa e si misuri con le comunità rom e sinte se davvero vuole risolvere i problemi”

 

 

Leggo sui giornali che l’eurodeputato Matteo Salvini, segretario della Lega Nord e protagonista della campagna “Ruspe per i campi rom", annuncia una querela nei miei confronti per averlo assimilato a Hitler e rifiuta l’etichetta di razzista e nazista.

Prima di tutto questo accostamento non è mio ma dei suoi sostenitori che con le minacce di stupro, di morte per me e per tutti i rom e i sinti mi inviano tramite facebook i loro riferimenti ideali che sono Salvini, Mussolini e Hitler, dimostrando l’imbarbarimento provocato dalla politica della paura e dell’intolleranza per raccattare voti.

In secondo luogo che Salvini sia razzista o nazista non sta a me dirlo, ma forse lui dovrebbe riflettere su cosa significa organizzare iniziative, manifestazioni per esempio con Casa Pound i cui riferimenti “culturali” non sembrano prestarsi a equivoci. E per questo basta guardare le immagini, i volti e le parole delle dimostrazioni dopo i tragici fatti di Roma, dove due rom hanno ucciso una donna filippina e ferito otto passanti.

In terzo luogo una riflessione, ma che non riguarda solo Salvini, andrebbe fatta sul fatto che l’omicidio di due ragazzi indiani, Aman e San di 19 e 20 anni, avvenuto ad Aprilia il 9 maggio a opera di un pirata della strada italiano non è diventata una notizia di prima pagina, non le sono stati dedicati talk-show, non ha scatenato manifestazioni d’odio, né pretese di farsi giustizia con le proprie mani. Perché questo crimine è meno odioso, solo perché l’assassino è italiano? Perché la colpa è solo di un disgraziato e non di tutta la collettività italiana, mentre la colpa di un rom è la colpa di tutta la comunità?

Salvini davvero vuole un Paese in cui è possibile che tre fascisti inseguano un rumeno che non ha fatto nulla cercando di ucciderlo tagliandogli due dita, come è avvenuto a Roma?, in cui i bambini rom non vanno più a scuola per paura di ritorsioni e aggressioni?, in cui qualunque rom o sinto deve avere paura per quello che è non per quello che fa?

Infine io non ho mai invitato a pranzo Salvini, ma in una lettera aperta lo invitavo a un confronto, senza il solito corteo di polizia e giornalisti, con le comunità rom e sinte di Milano che, come tutte le comunità rom e sinte italiane, hanno proposte concrete per uscire dalla discriminazione, dall’isolamento, dal degrado nei quali li ha costretti la politica dei campi e dell’assistenzialismo.

Invece di minacciare querele improbabili, alle quali dovrò rispondere con una querela per diffamazione, vorrei sapere perché ha rifiutato questa proposta di buon senso e costruttiva. Forse non gli conveniva durante la campagna elettorale, ma ora che questa è finita provi a scendere dalla ruspa e ad affrontare i problemi veri.

 

Dijana Pavlovic


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Non è giornalismo
  Mellana. Calcio sovrano
  Mellana. Lenzuola alle finestre
  Primo Mastrantoni. Il Def e il governo del "Cambiamento": arretrare dal 2018 al 1980
  Salvini e il diritto alla difesa di ogni cittadino
  Lidia Menapace. Identità
  Mellana. Baüscia
  Primo Mastrantoni. Padania e referendum
  Giulia Crivellini. Salvini e i 49 milioni
  Lidia Menapace. Leaderismi
  Janù. Salvini cedrone
  Primo Mastrantoni. Elezioni 2018: La trappola della “responsabilità”
  Incontro Orbàn – Salvini a Milano
  “Welcoming Europe!”
  Mellana. A proposito di idee balorde
  Mellana. Legittima offesa
  Mellana. Violenza cieca
  Aziz Sawadogo. “Caro Ministro Salvini...”
  Governo. Lega e i 49 milioni
  Mellana. Legittima difesa
  Mellana. Il Ministro delle interiora
  Mellana. ...arca miseria!
  Mellana. Spezzeremo le reni all'UE
  Il popolo Rom in Italia attraverso l'obiettivo di Steed Gamero
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy