Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Prosciolto Beppino Englaro 
C’è un giudice in Italia, non solo a Berlino. Per non dimenticare
12 Gennaio 2010
     

Ieri è accaduta una cosa importante, una di quelle cose che fa dire che anche in Italia, nonostante tutto, ancora esiste un giudice sul quale si può confidare, come confidò il proverbiale mugnaio, fiducioso che ce ne fosse uno degno di questo nome a Berlino, capace di riconoscere e tutelare i suoi diritti, calpestati e pregiudicati dall’imperatore. È accaduto che è stato archiviata l’indagine per omicidio nei confronti del padre di Eluana Englaro, e nei confronti di altre tredici persone. Una decisione che arriva dopo un anno di indagine, e questo la dice lunga sui tempi della giustizia in Italia, anche quando si tratta di prendere decisioni che il normale buon senso avrebbe richiesto pochi minuti.

 

Opportunamente commentando favorevolmente la chiusura delle indagini, Maria Antonietta Farina Concioni ha ricordato i tanti che si erano scagliati con inaudita e incredibile violenza contro Bepino Englaro, i medici e quanti si sono battuti perché la volontà di Eluana fosse rispettata. Ha fatto bene, perché di quelle dichiarazioni, di quelle parole non si deve smarrire la memoria. Sono un vero e proprio libro della vergogna. Facendo ricorso ad argomentazioni pseudo scientifiche prive di alcun fondamento, si è stati capaci di sostenere che Eluana capiva, che deglutiva, fino all’incredibile affermazione del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che poteva anche partorire!

Non so se si può parlare di un processo di impazzimento, ognuno giudichi da sé.

 

Secondo padre Livio Fanzaga, direttore e patron di Radio Maria, dietro vicende come quella di Eluana c’è «il demonio vuol convincere l’uomo che può essere signore della vita».

 

Sintetico e brutale il cardinale Javier Lozano Barragan, presidente del pontificio consiglio per gli operatori sanitari: «Fermate quella mano assassina. Interrompere alimentazione e idratazione equivarrebbe ad un abominevole assassinio».

 

E naturalmente i politici. Alfredo Mantovano, sottosegretario all’Interno: «È la prima condanna a morte dopo il 1948; la condanna di una innocente cui, attraverso una lunga agonia, viene negato il fondamentale diritto all’alimentazione e all’idratazione».

 

Isabella Bartolini, deputata PdL: «Il boia si è messo il cappuccio: la morte per fame e per sete, comminata alla cittadina italiana Eluana Englaro. Questo delirio nichilista deve essere fermato».

 

Maurizio Gasparri, presidente dei senatori del PdL: «È iniziato l’omicidio di Eluana che rischia di avvenire impunemente e senza turbare convenzioni e erogazioni di pubblico denaro. Si protesta per salvare un albero. Si è invece ignorato l’appello delle suore di Lecco, che si erano offerte per proseguire la loro opera di assistenza; la protervia di alcuni magistrati ha scandito i tempi di una tragedia».

 

Paola Binetti, deputata PD: «C’è un disegno volto a imporre un modello culturale per cui la pietas consiste nell’eliminare il malato anziché curarlo».

 

Gabriella Carlucci, deputata PdL: «Bisogna a tutti i costi fermare il boia pronto ad eseguire la condanna a morte di Eluana Englaro».

 

Enrico La Loggia, vice-presidente del gruppo PdL alla Camera: «Si compie un vero e proprio omicidio. Nessuno ha il diritto di interrompere una vita privandola dell’alimentazione e dell’idratazione».

 

Il cardinale Ersilio Tonini: «Eluana è stata usata per affermare una cultura diversa, in cui i deboli valgono meno dei forti. È il tentativo dello scardinamento dell’umano… C’è l’allargarsi di una cultura nichilista, un gusto della potenza fisica, dell’efficienza; in sostanza un superomismo. Non è peraltro la prima volta che queste idee compaiono nella storia: l’eliminazione degli handicappati e dei malati di mente precede, nel nazismo, la persecuzioni degli ebrei…».

 

Ancora il cardinale Lozano Barragan, alla televisione di stato: «Nel caso di Eluana Englaro è stato violato il quinto comandamento, quello che dice ‘non uccidere’… In Italia ci sono 9.500 persone che vivono in stato vegetativo, come Eluana, speriamo che non si pensi di voler violare anche per loro il quinto comandamento».

 

Luigi Negri, vescovo di San Marino-Montefeltro: «È stato compiuto un gesto di violenta eliminazione della vita su una persona debole ed indifesa». Fino all’impagabile grido: «L’avete assassinata!», scandito nell’aula del Senato dal vice-presidente dei senatori della PdL Gaetano Quagliariello.

 

Pochi, pochissimi, hanno potuto conoscere la testimonianza del senatore forzista Ferruccio Saro: «Sono andato a visitare Eluana. Non sono riuscito a dormire per due notti. Diciassette anni in un letto lasciano segni incancellabili. Ho spiegato a Berlusconi: ti hanno informato male».

 

Pochi, pochissimi, hanno potuto conoscere quanto ha detto monsignor Giuseppe Casale, vescovo emerito di Foggia: «Non si è voluto dare la morte ad Eluana, si è soltanto posto fine al suo calvario e questo è un atto di misericordia, non un assassinio…parlare di omicidio è un’accusa gratuita, volgare e ingiusta. Non si è voluto dare la morte a questa giovane, L’alimentazione e l’idratazione artificiali sono assimilabili a trattamenti medici. E se una cura non porta a nessun beneficio, può essere legittimamente interrotta, questo non è omicidio».

 

Pochi, pochissimi, hanno potuto conoscere quanto ha detto l’arcivescovo Giancarlo Maria Bragantini, quel vescovo che era impegnatissimo nella denuncia della 'ndrangheta quand’era a Locri, e che è stato spedito, contro la sua volontà, a guidare l’arcidiocesi di Campobasso: «Sono vicino a Peppino Englaro, che invece di ricorrere a sotterfugi è sempre stato corretto e ha creduto nella giustizia. Bisogna apprezzare la sua rettitudine… È stato grande nell’aver voluto una soluzione legale senza mai cercare scorciatoie sotto banco… Avremmo dovuto camminare più insieme alla famiglia Englaro, accompagnarla di più in questi anni…».

 

Tutto questo ci riporta ai giorni nostri, alla necessità di una lotta per conquistare il diritto a conoscere e a essere informati. Il Satyagraha per la libertà, il diritto, la verità.

Questa la situazione, questi i fatti.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 12 gennaio 2010)


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  “Noi Siamo Chiesa”. Un documento sul Sinodo e uno sul caso Englaro
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Valter Vecellio. Hanno paura. Ma continuano a fare del male
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Benedetto Della Vedova. Assurdo parlare di omicidio
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Vittorio Giorgini: Vaticano e corpo di Eluana Eglaro
  Gianni Somigli. «Ma la Chiesa è un’altra cosa»
  Beppino Englaro presenta a Morbegno “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Caso Englaro
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Anticipazioni: Lucia Genga. La ballata di Corinna
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Arco di Trento. Laikoday 2017
  Maria Lanciotti: I lupi-agnello papisti sul corpo di Eluana Englaro
  Patrizia Garofalo. La vicenda della famiglia Englaro nei libri di Beppino
  Marco Bellocchio: “In Italia la dittatura è interna alla democrazia”
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 6
  Roberto Biscardini. Englaro. Dove è finito lo stato di diritto
  Englaro. Con la mozione, è il Senato che cerca di sostituirsi alla magistratura
  Gabriella Vesce. Lettera aperta ad Eluana
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  M. Antonietta Farina Coscioni. “Non siamo in una Repubblica pontificia”
  Sentenza Englaro. Le atroci menzogne di gerarchie vaticane senza misericordia
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Tre anni fa ci ha lasciato Luca Coscioni
  M. Antonietta Farina Coscioni. Vieni via con me: pretestuosa la richiesta di parcondicio dell'Udc
  Gallo e Cappato. Il Parlamento realizzi una riforma di civiltà
  Lecco. 17 rose: il Partito Socialista in piazza per Eluana Englaro
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Caso Englaro. Cassazione conferma libertà di scelta
  “Tra scienza, etica e diritto”
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Patrizia Garofalo. Del malinteso pluralismo
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  Pietro Yates Moretti. La verità su Eluana Englaro: mediaticamente inesistente
  Valter Vecellio. Capita di sognare!
  Renato Pierri. L'omicidio è altra cosa
  Verità e menzogne su “eutanasia”, Coscioni, Welby, Englaro...
  Caso Englaro: Viale smaschera il prof. Dolce e i firmatari dell’appello contro Eluana
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Patrizia Garofalo. “La ballata di Corinna” di Lucia Genga
  Diritti negati. La Lombardia deve risarcire Englaro
  Englaro. Dopo le denunce di Aduc e Radicali, indagato il ministro Sacconi
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 3
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  “Scuola e Diritti”. Una giornata speciale… a scuola di laicità…?
  Silvio Viale: “Faccia un passo indietro e vada a trovare Eluana”
  Sondrio. Riprende l'attività, con maggio, il Centro di Documentazione Rigoberta Menchù
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  La mia vita senza me
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Milano. Sospesi tra Terra e Cielo
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Caso Englaro. ADUC e Radicali denunciano il Ministro Sacconi per violenza privata e turbativa di servizio pubblico
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy