Lunedì , 27 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Il coraggio delle bambine siriane: “Non potrete ucciderci con l’ignoranza”
21 Dicembre 2015
 

Douma, 12 dicembre 2015. Sulla città a nord est della capitale Damasco piovono bombe dell’aviazione russa. L’attacco è massiccio e dura da diversi giorni e gli obiettivi colpiti, contrariamente a quanto dichiara certa propaganda, sono tutti civili. Gli abitanti del posto sono ormai meno della metà di quanti erano prima del 2011: migliaia sono caduti, altrettanti sono fuggiti. Eppure, nonostante l’immensa distesa di macerie faccia pensare a un luogo ormai morto, a Douma continuano a vivere bambini, donne, giovani, anziani che cercano di lottare disarmati per la propria sopravvivenza.

Nelle aule della locale scuola media femminile, una delle poche risparmiate dalle bombe, e non ancora occupata dagli sfollati, alcuni insegnanti e i loro studenti tengono viva l’istruzione. Si va a scuola attraversando strade ormai disseminate di macerie, spesso affrontando la minaccia dei sequestri e dei cecchini appostati sui tetti e, come è avvenuto la mattina del 12 dicembre, con il rombo degli aerei militari che riempie il cielo. Non c’è corrente elettrica, non ci sono riscaldamenti; molte bimbe non hanno più quaderni e matite colorate, ma la voglia, il bisogno e il sogno di completare il proprio percorso formativo le spinge a studiare affrontando ogni difficoltà e minaccia. Lottano per la propria dignità e per poter scrivere la parola futuro sul diario della loro vita. Ma la vita in Siria, tra le bombe del regime, le esecuzioni sommarie, gli atti di terrorismo e ora le incursioni aeree russe e di altre nazioni, è appesa ad un filo.

Sulla scuola di Douma piovono ordigni dell’aviazione russa: si contano oltre quaranta vittime nel quartiere. Molte sono proprio le bambine della scuola media femminile. Morte davanti alle proprie compagne di studio, davanti ai propri insegnanti. Morte con matite colorate in mano e parole da scrivere sui quaderni bianchi. Morte rincorrendo quello che in Siria, per molti bambini, è ormai solo un sogno: studiare.

Le immagini sono drammatiche: sui banchi, nel cortile di ingresso, nei corridoi, ovunque c’è sangue e ci sono i corpi martoriati delle piccole studentesse. Piccole martiri che hanno lottato fino all’ultimo per la propria istruzione, per la propria dignità e per la propria vita. Bambine indifese colpite senza pietà, mentre la propaganda continua a raccontare di colpire i terroristi. Ma i mandanti del terrorismo non colpiscono mai se stessi. La macchina della guerra in Siria mira deliberatamente a compiere massacri di civili.

Poche ore dopo la strage gli insegnanti e le bambine sopravvissute hanno dato vita ad un sit in sulle macerie della loro stessa scuola. Cartelli in arabo e in inglese dove rivendicano il proprio diritto allo studio, il proprio diritto alla vita e denunciano le atrocità di quello che hanno subito. È commuovente la loro dignità, è impressionante il loro coraggio. Sui loro volti è dipinto il dolore, ma si coglie anche la ferma volontà di non piegarsi alla violenza. Uno dei cartelli, infatti, recita: “Non potrete uccidermi con l’ignoranza, io imparerò”; su un altro è scritto: “Voglio tornare a scuola”. Queste sono le piccole Malala di Siria. Queste sono le piccole donne siriane.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 19 dicembre 2015)


Articoli correlati

  Siria, tra macerie e speranza: incontro a Recanati
  Ordine Giornalisti Marche. Il premio "A passo di notizia" ad Asmae Dachan
  Asmae Dachan. Diritti umani violati in Siria
  Roberto Fantini. Bombardamenti russi sulla Siria: le denunce di Amnesty International
  Asmae Dachan. Aylan e quella volta che il mondo ha urlato “Mai più”
  Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
  Asmae Dachan. Douma, neonato estratto vivo dalle macerie. Decine di bimbi feriti
  Maria Lanciotti. Non in mio nome
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Asmae Dachan. “Ma io non so disegnare…”
  Un’informazione malata è un pericolo per la democrazia
  Siria-Italia. Greta e Vanessa, il coraggio contro l’indifferenza
  Asmae Dachan. “Perdere la propria libertà per la libertà degli altri”
  Mauro Raimondi. “Siriani in transito” nei Civici Corsi di Idoneità
  Asmae Dachan. L’ottobre rosso in Siria: 40 massacri denunciati dal SNHR
  La Siria e la crisi dei rifugiati in Europa spiegate in un video
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy