Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Parto cesareo e analgesia 
Una lotta senza fine col ministero che vuole solo far partorire nel dolore
12 Febbraio 2010
 

 

Ieri l'Istituto Superiore della Sanità ha presentato le proprie linee guida per cercare di contenere i parti cesarei. Un fenomeno che vede il nostro Paese al primo posto in Europa e con un trend di crescita (38% nel 2008).

Linee guida che si esplicano in due opuscoli, uno per le gestanti e l'altro per i sanitari. Opuscoli in cui si dà per scontato che l'unica alternativa al parto cesareo sia quello vaginale del “partorirai nel dolore”: sono sostanzialmente assenti le spiegazioni di come quest'ultimo possa essere affrontato con meno dolore; assenza che è grave in considerazione del fatto che la maggior parte delle gestanti sceglie il cesareo proprio per paura del dolore.

Le spiegazioni e la presentazione dell'analgesia epidurale è assente nell'opuscolo per le gestanti. Altrettanto in quello per i sanitari, salvo poi leggervi: «qualora il motivo della richiesta di taglio cesareo da parte della donna sia riconducibile primariamente alla paura del parto, si raccomanda di offrire, già durante la gravidanza, interventi informativi e di supporto standardizzati e validati (come l’assistenza one-to-one e l’offerta di parto-analgesia anche non farmacologica), in grado di rassicurare la gestante e sostenerla nel processo decisionale». “Parto-analgesia anche non farmacologica”? Dando per scontato che chi legga sappia già che c'è quella farmacologica e comunque “rassicurandola” -farmaci cattivi?- che potrebbe anche non soffrire senza l'uso dei farmaci... se questo non è un tabù, cos'altro potrebbe essere?

Nella passata legislatura (ministro Livia Turco) l'analgesia epidurale fu inserita tra i Lea (livelli essenziali di assistenza), ma si trattava di un decreto poi bloccato dalla tesoreria di Stato. Poi promesse, date preannunciate e una legge sul dolore che avrebbe potuto benissimo includerla. Ma niente. Addirittura un emendamento della Lega Nord (quindi di maggioranza, sen. Fabio Rizzi), sostenuto anche da diversi parlamentari dell'opposizione, su pressione del Governo, fu ritirato.

Ora questi opuscoli dell'Iss che la dicono lunga: c'è un'opposizione ideologica all'uso dell'analgesia epidurale. Credo, essenzialmente, per due motivi, entrambi di potere sanitario:

- nel parto cesareo è sempre il medico che decide se procedere o meno (e, giustamente, non potrebbe essere altrimenti);

- il parto vaginale è visto solo come momento di forte dolore e, di conseguenza, altrettanta sudditanza della gestante verso chi può in qualche modo (molto a parole) renderglielo meno doloroso.

L'analgesia epidurale darebbe invece la scelta e il controllo della situazione solo alla gestante, con i sanitari solo a supporto delle scelte di quest'ultima... non credo di sembrare prevenuta se ritengo che certe scelte di privilegiare il potere medico alla libera decisione della gestante siano fatte nell'ambito di un servizio sanitario più che altro attento ai propri operatori piuttosto che alle utenti; servizio sanitario, inoltre, che subisce tutti i condizionamenti del potere maschilista (istituzionale o meno che sia) sul corpo e sulle scelte della donna.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Parto senza dolore. Epidurale o Oppio, l'importante è che la donna possa scegliere!
  Manovra economica. Diffondere e promuovere il diritto al parto naturale e senza dolore
  Oppio per partorire all'ospedale Careggi di Firenze
  Quante violenze sulle donne. I numeri della sconfitta e il da fare
  Parto con anestesia epidurale a carico del Servizio sanitario. Era ora!
  Parto: primato del cesareo. L'assenza dell'anestesista in sala parto rende impossibile l'analgesia epidurale
  Vincenzo Donvito. “Abortirai nel dolore”
  Contro la libertà della donna di scegliere come partorire! Osteriche in piazza per la difesa della corporazione
  Parto indolore a pagamento? Incivile, pericoloso e stupidamente costoso per lo Stato
  Partorirai con dolore o col cesareo!
  Oppio all'ospedale Careggi di Firenze
  Analgesia per il parto? Sempre un miraggio in Italia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy