Lunedì , 26 Febbraio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Pasquale Amati, partigiano “Moro” di Chiavenna
Chiavenna, 25 aprile 2019 (foto ‘Il Giorno’)
Chiavenna, 25 aprile 2019 (foto ‘Il Giorno’) 
12 Novembre 2023
 

Pasquale Amati è ancora molto giovane quando la sua classe di leva viene richiamata per il servizio militare. Ma ci troviamo in un momento del tutto particolare. Il 13 ottobre 1943, infatti, il nuovo Governo succeduto a quello di Mussolini e presieduto dal generale Pietro Badoglio, ha appena dichiarato guerra alla Germania nazista. Pasquale, uomo tutto d’un pezzo, non ha alcun dubbio. Vuole schierarsi subito coi partigiani.

Cerca a lungo contatti utili per conseguire il suo fine. Dopo qualche tempo, ha la fortuna di venire a conoscere un partigiano d’una certa importanza, Siro Losi che lo indirizza verso un gruppo che si sta formando in Valgerola sotto la guida del comandante Federico Giordano. Pasquale entra così a far parte della 55ª Brigata “Rosselli”, aderente alla Divisione “Garibaldi”. È spericolato nelle azioni di guerriglia, non ha alcun timore ad esporsi.

Nel corso di uno scontro con i fascisti viene ferito, catturato ed imprigionato. Dal carcere ove è stato tradotto, riesce miracolosamente ad evadere. Ancora dolorante non demorde ma, con assoluta determinazione, riprende la lotta per la conquista della libertà. Nuovamente catturato, riesce ancora a fuggire, questa volta in mutande e canottiera. Trovandosi nella zona di Sondrio, cerca e trova un’altra formazione partigiana, questa aderente alla Prima Divisione “Giustizia e Libertà”, alla quale si unisce subito.

Poco dopo la Liberazione partecipa a Sondrio alla sfilata dei partigiani del 9 maggio ’45. Da allora è sistematicamente presente a tutte le manifestazioni e celebrazioni indette dall’Anpi, che vedono la partecipazioni delle autorità locali e provinciali. Scende dalla sua abitazione, situata nella frazione Bette di Chiavenna e si reca ovunque ci sia un partigiano da commemorare, una battaglia combattuta nelle nostre valli, una riunione. Col passare degli anni i suoi ideali giovanili, per i quali si è speso, si rafforzano. L’ho visto personalmente l’ultima volta a Bormio, in occasione della celebrazione del 25 aprile 2015.

A Chiavenna è diventato un mito, ammirato e riconosciuto da tutti, anche da parte di coloro che la pensano diversamente. Nessuno, infatti, può fare a meno di onorare il suo passato di patriota combattente e la sua assoluta coerenza e dedizione ad una causa, quella di quanti avvertirono il dovere di condurre la lotta più dura e pericolosa, quella armata, contro la dittatura nazifascista. Alla sua scomparsa, la città di Chiavenna lo ha salutato con commossi accenti da parte di Giuseppe Barbusca dell’Anpi chiavennasca, del sindaco della città Luca Della Bitta, di un rappresentante della Società Operaia, alla quale ha voluto lasciare la bandiera della 90ª Brigata “Zampiero”, che conservava gelosamente a titolo di profondo attaccamento ai valori della libertà e della democrazia.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.3%
NO
 27.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy