Mercoledì , 27 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nicolás Guillén. Il male del secolo
04 Dicembre 2015
 

Questa poesia non è stata scritta da me ieri, ma da Nicolás Guillén (1902 - 1989) nel 1922 e fa parte della raccolta Cerebro y corazon, il suo primo lavoro poetico, composto a vent'anni. È una preghiera, credo molto attuale. (Gordiano Lupi)

 

 

Il male del secolo

 

Signore, Signore, perché odieranno gli uomini

chi lotta, chi sogna e chi canta?

Cosa può serbare un dolce cigno

se non tenerezza nell’anima?

Com’è doloroso vedere che ogni sforzo,

per volare, provoca una sassata,

un insulto pungente, una calunnia!...

Perché sarà l’Umanità così cattiva?

 

Perché insieme al cammino della gloria

sempre l’Invidia pallida

insidia il passo del pellegrino candido

e gli lancia la sua freccia avvelenata?

Anime che si rivoltano nel fango,

perché saranno le anime

che sempre dovranno macchiare le vesti

di colui che indossa abiti bianchi?

 

Come castiga il mondo

chi nacque con le ali

e sogna la luce dell’Infinito

dall’oscurità d’una gabbia!

 

Questo secolo egoista

non ha conosciuto mai candide chimere,

né illusioni, nobili impegni:

questo secolo stanco si trascina.

 

Questi uomini di oggi solo pensano

all’oro, che infanga

ogni limpidezza della vita

e ogni candore dell’anima.

Signore, più nessuno sogna;

Signore, più nessuno canta.

 

I cavalieri di questo secolo cercano

l’oscurità di maligne imboscate

e nelle loro notti senza gloria mai vivono

la loro fine aristocrazia,

l’eco d’una lira,

l’amore d’una dama

e lo splendore, davanti allo stupore della luna,

dell’acciaio ardito d’una spada…

 

E le mani che si nascondono nell’ombra

sono le mani che conficcano

il pugnale d’impreviste codardie

e tradimenti satanici

soprattutto i petti senza protezione

e tutte le spalle.

 

Io non posso vivere in questo secolo

senza cervello e senz’anima.

Signore, Signore: io sono aquila o cigno:

dammi una vetta altera, come l’aquila,

per dimenticare in essa

la mia lirica nostalgia,

o come al cigno, dammi

come suprema grazia,

un lago silenzioso e solitario,

di onde azzurre e di spume bianche…

 

 

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Norberto Fuentes rivela gli atti ufficiali del caso Padilla
  Nicolás Guillén. Ballata dei due nonni
  Nicolás Guillén. Soldati in Abissinia
  Nicolás Guillén. Floripondito
  Gordiano Lupi. Tre 'inediti' di Nicolás Guillén
  Yoani Sánchez. Juan condannato al niente
  Gordiano Lupi. Consigli per un Natale fuori dal coro
  Nicolás Guillén. Tropico
  Nicolás Guillén. Poesia con bambini
  Nicolás Guillén. Una canzone a Stalin
  Nicolás Guillén. Da “Sóngoro cosongo” (1931)
  Nicolás Guillén. Cerca quattrini
  Gordiano Lupi. I miei libri da spiaggia
  Nicolás Guillén. Al Guatemala
  Nicolás Guillén. Prosegui...
  Gordiano Lupi. Nicolás Guillén, il poeta nazionale
  Nicolás Guillén. Devi aver volontà
  Nicolás Guillén. Ragazza mia
  Nicolás Guillén. Tu non sai l'inglese
  Nicolás Guillén. Nero labbrone
  Nicolás Guillén. Se tu sapessi...
  Nicolás Guillén. Mulatta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy