Giovedì , 28 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Oscar Elías Biscet. Per Cuba serve una “rivoluzione dei diritti umani”
15 Marzo 2011
 

Tre giorni dopo essere uscito di galera, il dissidente Oscar Elías Biscet, figura di primo piano tra gli oppositori al regime cubano, ha chiesto nel corso della sua prima conferenza stampa da uomo libero che i fratelli Castro lascino il potere. «Cuba soffre una dittatura simile a quelle totalitarie di Hitler e Stalin. Va nominato al più presto un governo di transizione che porti alla liberazione da un regime oppressivo e liberticida», ha affermato Biscet.

Biscet ha chiesto l'immediata scarcerazione dei prigionieri politici e ha criticato la condanna a 15 anni di reclusione inflitta all'imprenditore nordamericano Alan P. Gross, colpevole soltanto di aver portato strumenti di comunicazione a gruppi indipendenti, con lo scopo di promuovere lo sviluppo della società civile a Cuba.

Biscet ha stigmatizzato le pessime condizioni delle carceri, nelle quali è stato recluso dal 1999, per scontare una condanna a 25 anni sotto l'accusa di aver attentato alla sicurezza dello Stato. La sua liberazione è una conseguenza dei negoziati tra il governo di Raúl Castro e la Chiesa Cattolica. Le recenti trattative hanno condotto alla liberazione di oltre 90 prigionieri politici, ma la maggior parte è stata esiliata in Spagna. Biscet ha chiesto con fermezza la scarcerazione di Librado Linares, José Daniel Ferrer e Félix Navarro, tre dissidenti ancora dietro le sbarre.

«Non ho nessuna intenzione di andare in esilio in Spagna. Sono qui per trovare soluzioni ai problemi urgenti per il mio paese. Il mio compito è quello di conquistare la libertà per il popolo cubano, affinché viva in pace e in prosperità. Dobbiamo esigere prima di tutto il rispetto dei diritti umani, la possibilità di avere partiti politici e libere elezioni. Successivamente potrei accettare la candidatura alla presidenza di un eventuale governo di transizione, sicuro che la mia azione servirebbe a migliorare le condizioni di un popolo che amo», ha aggiunto Biscet.

Biscet ha detto che Cuba attraversa un periodo di grave crisi economica e morale, ma non serve riformare il sistema, quanto estirpare il male alla radice e cambiare le fondamenta dello Stato. «Il movimento oppositore cresce giorno dopo giorno e ottiene risultati, come la limitazione della pena dei morte, degli aborti e alla possibilità di esprimere opinioni. Persino tra le fila del Partito Comunista ci sono simpatizzanti della dissidenza», ha detto con forza.

Biscet ritiene che a Cuba sia possibile ottenere un cambiamento radicale senza ricorrere alla violenza, ma ricorrendo alla rivoluzione dei diritti umani. «La Chiesa Cattolica ha fatto molto e in futuro potrà fare ancora di più, convincendo il regime a nominare un governo di transizione per cambiare Cuba senza rivolte di piazza e spargimenti di sangue. A mio parere il sistema ha i giorni contati».

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Legislatori USA nominano le Damas de Blanco e Biscet per il Nobel della Pace
  Proposti due dissidenti cubani al premio Nobel per la pace
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  Cuba. Presto liberato Oscar Elías Biscet
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5ª Avenida
  Barack Obama: “È tempo che Gross venga liberato”
  Gordiano Lupi. Obama critica le riforme cubane
  Alan Gross condannato a 15 anni di reclusione
  La missione delle Dame in Bianco: Lottare per la Libertà del popolo cubano
  Librado Linares sarà scarcerato
  Dilma Roussef intercede per viaggio in Brasile di Yoani Sánchez
  Cuba. Arrestati Guillermo Fariñas, Librado Linares e altri 15 dissidenti
  Cuba. Liberata la blogger Yoani Sánchez dopo diverse ore di detenzione
  Dissidente cubano in fin di vita
  Andrés Carrión Álvarez di nuovo arrestato
  Percossi e arrestati 52 dissidenti cubani
  Identificato il cubano che ha gridato “Abbasso il comunismo!”
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Il dengue a Cuba e le bugie di stato
  Cuba. Liberati due dissidenti a Santiago
  Cuba. Muore un altro prigioniero politico in sciopero della fame
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Gordiano Lupi. A Cuba aumenta la repressione
  Pablo Pacheco Avila. Abbiate cura di voi
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy