Giovedì , 16 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. “Il colore del tempo” 
Leggendo (a suo tempo) “La Marina del mio Passato” di Alejandro Torreguitart Ruiz
15 Luglio 2013
 

Alejandro Torreguitart Ruiz

La marina del mio passato

Traduzione di Gordiano Lupi

NonSoloParole, 2003, pp. 60, € 6,00

 

 

«Con la sera

si fiaccarono i due o tre colori del patio.

La gran franchezza della luna piena

Più non esalta il suo cielo abituale.

Patio, inalveato firmamento.

È il patio la pendice

per cui straripa fino in casa il cielo.

Serena

l’eternità si accampa a un crocicchio di stelle.

È buono vivere nel sodalizio arcano

Di un atrio, di una pergola e di un pozzo».

(J.L. Borges, Fervor de Buenos Aires)

 

 

Il tramonto è l’ora del giorno che preferisco.

Mi affaccio e assaporo tutti gli aromi della mia terra. Mi siedo sul mio dondolo di legno davanti al mare, su quello che posso considerare il mio balcone sul mondo. Adesso che sono rimasto solo lo chiamo il posto dei ricordi. Il profumo intenso del frambojant si confonde con il salmastro acquitrinoso delle mangrovie, che nascono sulla riva e si spingono con i loro fusti esili e ritorti sin dentro lo specchio del mare.

Mi alzo e gusto a fondo il sapore del mare.

[...] questo è il mio mondo, penso.

E nonostante tutto non potrei mai tradirlo.

 

Una nostalgia dolcissima pervade il testo di colori, sfumature e... l’odore del mare, è quello che arriva più forte insieme ai ricordi legati ad esso e alla propria terra che prefigurano persino la morte in una melanconia lontana da tumulti, direi silenziosa e gradita quasi tesa ad un ricongiungimento del presente riconciliante ogni momento della memoria. «Non rimpiango niente della mia vita solo perché la sua bocca ha accarezzato la mia pelle». La poesia di Borges, che fa da incipit alla mia recensione, mi sembra appartenere al testo di Torreguitart Ruiz nel cogliere l’esistere anche nella luce della sconfitta, della vecchiaia, del poco che resta e ne rubi come scintille, le luci, i colori, le trasparenze e i rimpianti. «La mia casa e i ricordi. Il mio passato d’avventura e il mio presente di quiete. Adesso niente può farmi del male, perché tutto quello che poteva accadere è già successo». «Non tradire il senso della mia vita. Solo questo conta ormai». «Sono cubano e voglio morire tra la mia gente».

Mentre guarda il suo corpo invecchiato, torna il tempo di quando fin da ragazzino aveva sentito i morsi della fame, lo distrae una statua in marmo de “il vecchio e il mare”, non ne sa niente lui di Hamingwey ma... «Mi piace quella statua, come mi piace il mare. Immagino che sia il mio ritratto e la guardo, ogni volta, al mattino quando esco con il vento alle spalle». Non ci credeva alla guerra, alla rivoluzione; è partito però perché aveva ucciso un uomo ed era meglio che finire fucilato o nelle carceri di Batista e, proprio durante quel periodo, conoscerà una persona vera, l’unica che riempirà di valori la sua vita, l’unica, a parte Clara e i figli, che alla fine avrà amato «volevo dimostrare a tutti che ero un uomo vero, capace di seguire gli ordini di Camillo, che rispettavo come un padre. Un padre giusto e severo come non avevo mai avuto». Le parole nel testo si connotano nel ricordo ma esso, come spesso avviene nelle persone anziane, è “addolcito” dagli anni, desidera ricongiungimenti, tranquillità e pace in una dolcezza che odora di mare, tramonti e gode di particolari momenti del giorno quando le luci appaiono più sfumate e il tempo reale si fonde con quello dell’anima. Mirabile questo autore che riesce da giovane, quale è, a cogliere i bagliori un po’ lacrimosi e sofferenti dei ricordi… e forte, è capacità di leggere un’umanità nelle mutevolezze del tempo. Per questo autore, poeta e scrittore spesso di dolore, avevo parlato di collegamento con Verga anche nella recensione precedente, ed anche in questo testo tornano cose care ad entrambi: il mare (I Malavoglia si conclude con la distesa dell’acqua come unico conforto alla solitudine del giovane N’toni) gli odori di salsedine, il conforto dell’acqua quando le parole degli uomini non hanno più senso d’amore. «Luna che cala su di un bicchiere di rhum» «canto di rane tra le stelle» «alla marina del mio passato mentre il sole brucia capelli e pensieri» e li avvicinano anche alcune modalità, una su tutte, la circolarità dell’opera. Il romanzo si apre con la statua che guarda verso il mare e con essa si conclude il testo… Anche in Mastro Don Gesualdo l’opera inizia con la descrizione delle mani, rovinate dalla calcina, di Gesualdo e si chiude sempre con esse incrociate sul petto. Romanzi circolari quindi che sembrano voler fondere con un ritorno all’inizio, la vita e la morte. E questa morte lui la guarda, si legge, ricorda, ha paura, capisce che è finita (anche in Martin Eden di J. London, la morte è una presa di coscienza vissuta fino in fondo e chiude il romanzo).

la statua di marmo pare in movimento come volesse gettarsi davvero nell’oceano e venire in mio aiuto, l’odore di frambojant attraversa gli ultimi pensieri, mi lascio andare con un sorriso al mio destino. Ma non è il mio sorriso. È il sorriso di Clara…

Siamo di nuovo insieme, amore mio.

Per sempre.

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

  Alejandro Torreguitart Ruiz: Quasi quasi faccio il 'chulo' (Bozzetti avaneri 7)
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il canto di Natale di Fidel Castro #1.
  Alejandro Torreguitart Ruiz
  Letteratura e censura a Cuba
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Una mattina con le mani tra i capelli (Bozzetti avaneri 4)
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Si fa presto a dire Italia (Bozzeti avaneri 8)
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Una vita rivoluzionaria
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Il palazzo di Toyo (Bozzetti avaneri 6)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Vento tropicale (Bozzetti avaneri 2)
  Cuba particular. Il nuovo romanzo-verità di Alejandro Torreguitart Ruiz
  Adiós Fidel. In uscita il nuovo libro di Alejandro Torreguitart Ruiz
  La verità su Cuba
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Aspettando il tornado (Bozzetti avaneri 5)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Ho scritto racconti che non sono racconti (Bozzetti avaneri 1)
  Yoani Sánchez, Alejandro Torreguitart, Fidel Castro e il modello cubano
  Alejandro Torreguitart Ruiz: A tempo di rock. (Letteratura cubana contemporanea)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Mister Hyde all’Avana
  Alejandro Torreguitart: Oggi hanno rieletto Fidel
  Gordiano Lupi. L’Avana, ritratto (senza cuore) di una città
  Alejandro Torreguitart. Grazie Raúl che ci fai vivere e sognare…
  Anteprima per il nuovo 'Torreguitart' in uscita per le Edizioni Il Foglio
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Lo zio 'palero' (Bozzetti avaneri 10)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: La Milagrosa (Bozzetti avaneri 9)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Donna di fuoco (Bozzetti avaneri 3)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Salvadanaio
  Anticipazione: Alejandro Torreguitart Ruiz. Caino contro Fidel
  Cuba e gli emigranti obbligati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy