Giovedì , 19 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lo spinello? Adesso vi dico come la penso io
19 Febbraio 2006
 

Tratto da OGGI del 22 febbraio 2006, p. 23 (segnalato su antiproibizionisti.it)


LA NOSTRA SALUTE, DI UMBERTO VERONESI


«Sia ben chiaro: sono un convinto oppositore di tutte le droghe, alcol e tabacco inclusi. Ma chiediamoci perché i giovani ne fanno uso, invece di emanare una legge repressiva destinata solo a peggiorare le cose»


Mi chiedo, francamente, se noi genitori dovremo temere d’ora in poi di ritrovarci i figli in galera per aver avuto in tasca un paio di spinelli… Che dice professore?

Franco L., Milano


Potrebbero piombare addosso ai ragazzi e alle loro famiglie delle multe: da 26 mila a 260 mila euro, per chi acquista o detiene sostanze stupefacenti o psicotrope che per quantità (se superiore ai limiti massimi, che saranno indicati con un successivo decreto) o «per modalità di presentazione» o per «altre circostanze» appaiono destinate ad un uso non personale. La legge dà al giudice la possibilità di stabilire se si tratta di consumo o spaccio. Un minimo (26 mila euro) che vale quanto uno stipendio annuo, e un massimo (260 mila euro) che equivale al valore di una casa non piccola… Chi potrebbe pagare queste cifre, e quali sarebbero le conseguenze, se non quelle di creare disastri? Si vuole forse credere, o far credere, che la nuova legge adempirà proprio al compito di difendere e salvare vite? Chi ha imposto la nuova legge ha enfatizzato il valore deterrente della prigione e delle pesantissime sanzioni, ma l’intera storia delle leggi repressive ci parla di insuccessi: nemmeno la pena di morte, nelle società in cui essa viene applicata, è mai riuscita ad abbassare il tasso dei delitti per i quali viene comminata.

È puramente ideologico aver cancellato la differenza tra le droghe cosiddette «maggiori» (eroina, cocaina) e le droghe leggere, come lo spinello o l’ecstasy, affermando che sono tutte pericolose, e poi sostenendo addirittura che da queste sostanze, tipicamente «ricreazionali» e d’uso sporadico, si passa alle droghe pesanti e alla tossicodipendenza. Ma questo è uno di quei tipici argomenti che vengono usati per ottenere consenso ingenerando allarme sociale. Infatti, se fosse vero che dalle droghe leggere si passa allo stato di tossicodipendenza, le statistiche non ci darebbero un numero di circa 200 mila tossicodipendenti, più o meno come 10 anni fa. Se vogliamo leggere questo dato non solo con razionalità, ma anche con spirito positivo, significa che c’è stato un ricambio generazionale, e che una buona parte della «vecchia» popolazione di tossicodipendenti è stata curata e guarita, mentre i «nuovi» tossicodipendenti sono solo una piccola frazione di tutti coloro che hanno fatto o fanno ancora uso di droghe leggere: le osservazioni svolte in tutto il mondo confermano questa diagnosi.

Tali considerazioni, sia ben chiaro, non significano che io sia favorevole alle droghe leggere: anzi, sono un convinto oppositore di tutte le droghe, inclusi l’alcool e il fumo di tabacco. Però credo di avere il diritto-dovere di (ri)affermare che i proibizionismi non solo non servono a niente, ma peggiorano la situazione. Se l’uso delle droghe leggere è, nella nostra società, un fenomeno di massa che riguarda pressappoco il 50% dei nostri giovani, si può credere, seriamente e con onestà intellettuale, che il fenomeno vada affrontato, come fa la nuova legge, allestendo una vera e propria «macchina da guerra» poliziesca e repressiva? Non voglio nemmeno entrare (ma dovrebbe farlo chi ha imposto la legge) nel discorso di come potrà funzionare, in una situazione di cronica carenza di risorse umane e finanziarie, di drammatico affollamento delle carceri, di enorme accumulo dei procedimenti giudiziari.

No: le soluzioni devono essere altre. Il giovane va instradato verso obiettivi che gli infondano la gioia di vivere, di lavorare e di studiare. Lo spinello, è ormai provato, è considerato da chi ne fa uso una droga «ludica», di socializzazione, di relax. Allora, chiediamoci perché i giovani hanno bisogno dello spinello per rilassarsi e per socializzare, e perché non aiutarli a impiegare il tempo in attività ludiche e ricreative, in particolar modo nello sport, in forma competitiva. Per esempio, perché mai in Italia, come invece avviene in altri Paesi, ogni scuola non ha la propria squadra di calcio o di pallacanestro? Io mi chiedo davvero che senso abbia approntare una legge repressiva sulla droga. Si dia uno sguardo alle statistiche epidemiologiche: riportano che l’eroina provoca circa 1000 morti all’anno, ma che la mortalità per droghe leggere è pari a zero.

Su un altro versante, di cui però non si parla mai, stanno il fumo di tabacco e il consumo di alcool. Il tabacco causa 80 mila morti all’anno per diversi tumori (in particolare quello del polmone); l’abuso di alcool ne provoca 30 mila. E i giovani, della cui tutela si dovrebbe occupare questa legge sulla droga, muoiono in gran numero a causa dell’abuso di alcol. Qui i numeri sono infinitamente più drammatici: è attribuibile all’alcol tra il 40 e il 60% di tutti i decessi di giovani tra i 15 e 29 anni di età, secondo L’Organizzazione mondiale della sanità. E questo dato vale tragicamente anche per l’Italia.

a cura di Edoardo Rosati


Foto allegate

Articoli correlati

  Raddoppio
  Droga, Capezzone a Giovanardi: gravissimo, con un emendamento a un decreto volete mandare i ragazzi in galera per 6-7 spinelli!
  Bene Ministro Turco, ora rivediamo la Fini-Giovanardi e depenalizziamo il consumo di cannabis!
  Droga. Capezzone conferma: Governo cerca blitz per sbattere in galera ragazzi con 6-7 spinelli
  Droghe. Indebite pressioni del dipartimento politiche antidroga su SerT e Comunità
  Consulta nazionale delle dipendenze. Era ora! Buon lavoro
  La riforma della legge sulla droga rimandata a settembre!! Qualcuno vuole affossarla?
  Test antidroga. I parlamentari Udc li facciano in Questura
  Perugia. Conferenza stampa “Test antidroga per prendere la patente: quale utilità e chi paga?”
  Droga. Rapporto INCB
  Legge sulle tossicodipendenze: cosa aspettiamo?
  Mettete fine alla guerra alle droghe!
  Donatella Poretti e Marco Perduca all’assemblea annuale di Forum Droghe. Firenze, 19 aprile
  Droghe/Ferrero: bene ma teniamo ben presente l'obiettivo della legalizzazione
  Droga. Croce Rossa Internazionale adotta riduzione del danno. Evento epocale. E il governo italiano?
  Droga, in arrivo il ddl sulle tossicodipendenze? Question time al ministro Ferrero
  Test antidroga: pere e preservativi ai colleghi dell'Udc
  L'antidoping nelle scuole del ministro Amato
  Test antidroga e alcool per la patente? Una inutile idiozia di dubbia legalità. Interrogazione
  Alcol/droga. Più facile aggiungere un divieto che toglierne un altro
  Vietare i rave party? Servirà solo a spingerli ancor più nella clandestinità
  Droga. «Incredibile Giovanardi!...»
  Test antidroga parlamentari: "chisenefrega"
  Droga. Test antidoping in Transatlantico e controllo delle merende per gli studenti non sono soluzioni!
  26 giugno: Giornata mondiale contro le droghe
  Droga. Berlusconi: “Punire di più i consumatori...”
  Droga a Trastevere. Non bendiamoci ancora gli occhi, la causa è il proibizionismo
  Droga: condannata a Padova per disobbedienza civile, Bernardini denuncia l’emergenza che nessuno vuole affrontare
  Droga/Turco/Legge. Parlarsi addosso? I ministri dovrebbero evitarlo
  Pietro Yates Moretti. Giovanardi assolda Topolino contro chi scherza sugli spinelli
  Assemblea Forum Droghe. Il bilancio di un anno di governo
  Droga. Conto alla rovescia per il secondo compleanno della legge Fini-Giovanardi
  Mario Staderini. Droga: “Non c'è reato senza vittima”, da Cassazione un po' di buon senso
  Droga a scuola. Chi cerca trova... ma non solo a scuola...
  Droga. Il Piano d'azione del Governo è una presa in giro
  Droga. Legge Fini-Giovanardi in vigore da 390 giorni, 138 sotto Berlusconi e 252 sotto Prodi
  Droga/Ricerca. Diciamo addio alla riforma
  Pietro Yates Moretti. Sbarca in Italia la terribile idea dei test antidroga per tutti gli studenti
  Droga. Il nuovo nemico si chiama Ser.T.
  La trasmissione scandalo de Le Iene e l’improvvido intervento del Garante per la riservatezza
  Cala il prezzo delle droghe illegali. Un grido d'allarme sulle politiche sbagliate che si continua a perseguire. Verso la legalizzazione
  Dipendenze & Consumi. Un Convegno del Gruppo Abele 35 anni dopo la prima legge sulla droga
  Somministrazione controllata di eroina. Bene il presidente Bresso
  Antidoping nelle scuole? Il ministro degli interni dice sul serio oppure di quale sostanza si è fatto?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy