Martedì , 31 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mettete fine alla guerra alle droghe! 
Una petizione ai 'grandi della Terra' lanciata da AVAAZ.org
31 Maggio 2011
 

AGGIORNAMENTO. La situazione si fa seria: nel giro di 72 ore incontreremo il Segretario Generale dell'ONU, e abbiamo quasi raggiunto mezzo milione di voci! Dillo a tutti!

 

 

26 maggio 2011

 

Fra pochi giorni un gruppo di potenti leader mondiali chiederà all'ONU di mettere fine alla guerra contro le droghe e intraprendere così la strada della regolamentazione. Ma i politici dicono che l'opinione pubblica sarebbe contraria alle politiche alternative in materia di droghe. Sfruttiamo questa opportunità dandole un supporto enorme e ottenere così un'azione immediata. Firma sotto e fai il passaparola!

 

 

Nel giro di pochi giorni potremmo finalmente assistere all'avvio della fine della “guerra alle droghe”. Questa costosissima guerra contro la piaga della dipendenza dalle droghe ha fallito miseramente, mentre ha lasciato sul campo numerose vite umane, ha devastato intere comunità, e ha versato miliardi di euro nelle casse di violente organizzazioni criminali.

Gli esperti sono d'accordo nel sostenere che la politica più efficace sia la regolamentazione, ma i politici hanno paura di toccare l'argomento. Fra qualche giorno una commissione globale, cui parteciperanno fra gli altri i Capi di stato e i responsabili degli affari esteri di ONU, UE, USA, Brasile, Messico e molti altri, romperà il tabù e chiederà pubblicamente un nuovo approccio, che comprenda la depenalizzazione e la regolamentazione delle droghe.

Questo potrebbe essere un momento cruciale, di quelli che capitano rarissimamente; se però saremo in molti a chiedere la fine di tutta questa follia. I politici dicono di capire che la guerra alle droghe ha fallito, ma ritengono che l'opinione pubblica non sia preparata per l'alternativa. Dimostriamo loro che siamo pronti ad accettare solo una politica sana e umana: lo esigiamo. Clicca sotto per firmare la petizione e condividerla con tutti: se raggiungeremo 1 milione di voci, la consegneremo personalmente ai leader mondiali presenti alla commissione globale:

 

QUI LA PETIZIONE

 

È da 50 anni che l'attuale politica sulle droghe ha fallito con chiunque e ovunque, ma il dibattito pubblico si è impantanato nella palude della paura e della disinformazione. Tutti, persino il dipartimento ONU sulle Droghe e il Crimine, che è responsabile dell'implementazione di questa politica, ritengono che l'utilizzo di militari e poliziotti per bruciare le fattorie della droga, la caccia ai trafficanti, e il carcere per gli spacciatori e i drogati, siano uno sbaglio che stiamo pagando molto caro. E con il costo enorme in termini di vite umane, dall'Afganistan al Messico agli USA, il traffico illegale di droga sta distruggendo paesi in tutto il mondo, mentre la dipendenza, le morti per overdose e le infezioni di AIDS/HIV continuano a crescere.

Nel frattempo i paesi che non usano il pugno duro, come la Svizzera, il Portogallo, l'Olanda e l'Australia, non hanno registrato l'esplosione nell'uso di droghe che i promotori della guerra alle stesse avevano predetto. Al contrario, hanno visto un declino significativo dei crimini legati alla droga, delle dipendenze e delle morti, e sono in grado di focalizzarsi esclusivamente sulla lotta contro gli imperi del crimine.

Lobby molto potenti stanno cercando di ostacolare la via del cambiamento, inclusi i militari, le forze dell'ordine, e i dipartimenti carcerari, i cui budget sono ora in pericolo. E i politici temono che gli elettori li mandino a casa se sosterranno politiche alternative, perché potrebbero apparire deboli nelle politiche sulla sicurezza. Ma molti ex Ministri sulle droghe e Capi di stato si sono espressi in favore della riforma non appena hanno lasciato il loro incarico, e i sondaggi dimostrano che i cittadini in tutto il mondo sanno che le politiche attuali sono un disastro. Sta arrivando l'ora delle nuove scelte, particolarmente nelle regioni devastate dal traffico di droga.

Se nei prossimi giorni riusciremo a creare un appello globale in favore delle dichiarazioni coraggiose della Commissione Globale sulle Politiche sulla Droga, potremo essere più forti delle scuse per il mantenimento dello status quo. Le nostre voci hanno in mano la chiave del cambiamento: firma la petizione e fai il passaparola!

Abbiamo la possibilità di cominciare il capitolo conclusivo di questa “guerra” brutale che ha distrutto milioni di vite. L'opinione pubblica globale determinerà se questa politica catastrofica sarà fermata o se i politici sgattaioleranno via dalla riforma. Attiviamoci immediatamente per spingere i nostri leader, esitanti dal dubbio e dalla paura, fino alla ragione.

 

Con speranza e determinazione,

 

Alice, Laura, Ricken, Maria Paz, Shibayan
e tutto il team di Avaaz


Articoli correlati

  Droghe/Ferrero: bene ma teniamo ben presente l'obiettivo della legalizzazione
  Mario Staderini. Droga: “Non c'è reato senza vittima”, da Cassazione un po' di buon senso
  Droga/Ricerca. Diciamo addio alla riforma
  Test antidroga parlamentari: "chisenefrega"
  Droga. «Incredibile Giovanardi!...»
  Test antidroga: pere e preservativi ai colleghi dell'Udc
  Droghe. Indebite pressioni del dipartimento politiche antidroga su SerT e Comunità
  Lo spinello? Adesso vi dico come la penso io
  Alcol/droga. Più facile aggiungere un divieto che toglierne un altro
  Droga. Legge Fini-Giovanardi in vigore da 390 giorni, 138 sotto Berlusconi e 252 sotto Prodi
  Droga. Rapporto INCB
  Perugia. Conferenza stampa “Test antidroga per prendere la patente: quale utilità e chi paga?”
  Somministrazione controllata di eroina. Bene il presidente Bresso
  La riforma della legge sulla droga rimandata a settembre!! Qualcuno vuole affossarla?
  Legge sulle tossicodipendenze: cosa aspettiamo?
  Test antidroga. I parlamentari Udc li facciano in Questura
  Cala il prezzo delle droghe illegali. Un grido d'allarme sulle politiche sbagliate che si continua a perseguire. Verso la legalizzazione
  Droga, Capezzone a Giovanardi: gravissimo, con un emendamento a un decreto volete mandare i ragazzi in galera per 6-7 spinelli!
  Droga. Il Piano d'azione del Governo è una presa in giro
  Droga. Test antidoping in Transatlantico e controllo delle merende per gli studenti non sono soluzioni!
  Dipendenze & Consumi. Un Convegno del Gruppo Abele 35 anni dopo la prima legge sulla droga
  Pietro Yates Moretti. Sbarca in Italia la terribile idea dei test antidroga per tutti gli studenti
  Consulta nazionale delle dipendenze. Era ora! Buon lavoro
  L'antidoping nelle scuole del ministro Amato
  Droga. Capezzone conferma: Governo cerca blitz per sbattere in galera ragazzi con 6-7 spinelli
  Droga: condannata a Padova per disobbedienza civile, Bernardini denuncia l’emergenza che nessuno vuole affrontare
  Droga. Berlusconi: “Punire di più i consumatori...”
  Pietro Yates Moretti. Giovanardi assolda Topolino contro chi scherza sugli spinelli
  Assemblea Forum Droghe. Il bilancio di un anno di governo
  26 giugno: Giornata mondiale contro le droghe
  Droga. Conto alla rovescia per il secondo compleanno della legge Fini-Giovanardi
  Droga a scuola. Chi cerca trova... ma non solo a scuola...
  Test antidroga e alcool per la patente? Una inutile idiozia di dubbia legalità. Interrogazione
  Donatella Poretti e Marco Perduca all’assemblea annuale di Forum Droghe. Firenze, 19 aprile
  La trasmissione scandalo de Le Iene e l’improvvido intervento del Garante per la riservatezza
  Droga. Croce Rossa Internazionale adotta riduzione del danno. Evento epocale. E il governo italiano?
  Droga/Turco/Legge. Parlarsi addosso? I ministri dovrebbero evitarlo
  Droga. Il nuovo nemico si chiama Ser.T.
  Droga a Trastevere. Non bendiamoci ancora gli occhi, la causa è il proibizionismo
  Antidoping nelle scuole? Il ministro degli interni dice sul serio oppure di quale sostanza si è fatto?
  Droga, in arrivo il ddl sulle tossicodipendenze? Question time al ministro Ferrero
  Vietare i rave party? Servirà solo a spingerli ancor più nella clandestinità
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy