Martedì , 20 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Spadaccia. Caso Pinelli 
Taccuino. Appunti, commenti, polemiche. 2
Giuseppe Pinelli (21 ottobre 1928 – 15/16 dicembre 1969)
Giuseppe Pinelli (21 ottobre 1928 – 15/16 dicembre 1969) 
25 Settembre 2008
 

L’anarchico Pinelli era il grande dimenticato della drammatica vicenda che si concluse con l’omicidio del commissario Calabresi. Chi sciaguratamente aveva preteso di vendicarlo uccidendo il suo presunto carnefice, in realtà contribuì a farlo morire una seconda volta creando le premesse di una rimozione, che ha quasi cancellato dalla memoria collettiva il ricordo di quest’altra vittima, di questa prima vittima di quella tragedia. Perché tale Pinelli è certamente stato quale che fosse la causa della sua morte.

Con la crudezza di cui è capace, da molti giudicata inopportuna, eccessiva, perfino sgradevole, Adriano Sofri ha avuto però il coraggio e il merito di rompere questa rimozione e questo silenzio, riportando Pinelli, l’incolpevole Pinelli, al centro di una vicenda di cui lui stesso, giudicato da una sentenza passata in giudicato mandante dell’omicidio Calabresi, è divenuto protagonista.

I commenti di stampa che sono seguiti si sono occupati assai più del “caso Sofri” che del “caso Pinelli”. Non così il Giudice Gerardo D’Ambrosio, oggi senatore del P.D., che indagò sulla morte di Pinelli, scagionando Calabresi e i suoi collaboratori e attribuendo ad un malore la causa della sua caduta dal quarto piano della Questura di Milano. D’Ambrosio ancora oggi sostiene che non fu né omicidio né suicidio e conferma le conclusioni cui giunse in quella sentenza.

 

Vorrei sommessamente dire a D’Ambrosio che per un malore si può svenire e cadere in terra, ma è davvero difficile che si possa precipitare dal quarto piano. Chi non era in quella stanza non può sapere cosa sia realmente accaduto. Personalmente non ho mai unito la mia voce ai tanti (non solo Lotta Continua, tutti i gruppi extraparlamentari, molti giornalisti e intellettuali di sinistra, anche dell’Avanti!) che parlarono allora di assassinio (“Pinelli è stato suicidato”). Sull’Astrolabio, il settimanale diretto da Ferruccio Parri, scrissi che se non c’erano delle responsabilità penali, c’erano, non potevano non esserci responsabilità amministrative. Chi detiene una persona in stato di fermo, ha un dovere di custodia, è responsabile della sua incolumità. Non possiamo sapere che cosa sia passato per la testa di Pinelli in quelle ore. Cosa gli è stato detto, cosa gli è stato fatto credere nelle lunghe ore di un pressante interrogatorio nel quadro di indagini unidirezionali (la pista anarchica) su una strage così efferata come quella della Banca dell’Agricoltura? Sono domande purtroppo che rimarranno senza risposta per sempre.

Chi scatenò la campagna contro Calabresi accusandolo dell’assassinio di Pinelli, si è assunto responsabilità gravissime. Ma furono altrettanto gravi le responsabilità di quanti pretesero di liquidarne la morte come un banale incidente, come un evento accidentale. Gli uni e gli altri contribuirono ad alimentare e far crescere quel clima di odio che portò poi alla barbara uccisione del Commissario.

 

Chi scrive onora la memoria del commissario Calabresi e rispetta i sentimenti dei suoi familiari, pur ritenendo che non sia con lo spirito di vendetta, non sia con l’accanimento contro Sofri che si onori davvero la memoria di una vittima. E tuttavia quell’onore e quella memoria non possono e non debbono cancellare l’onore e la memoria di quell’altra vittima, l’incolpevole Pinelli, che non fu la prima e purtroppo non fu l’ultima della tragica vicenda che aveva avuto inizio con la strage di Piazza Fontana.

 

Gianfranco Spadaccia

(da Notizie radicali, 25 settembre 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy