Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
03 Marzo 2020
 

Lo speciale Scienze rivela un modo giusto per affrontare il coronavirus come virus intelligente: colpisce lieve come influenza ed induce il colpito a trattarlo con leggerezza e continuare ad andare in giro con la sua ‘cosa da niente’. Non è un virus stupido, come l’Ebola, che uccide subito, allarma tutti e si fa isolare. Così si diffonde, rapidamente, senza allarmare dentro l’80% dei colpiti radicandosi dentro i più vissuti, che non cambiano abitudini per una leggerissima influenza, fino a triturare, con la sua costanza, i record di vittime dei ben più cattivi coronavirus fratelli. (Cfr. Elena Dusi, “Un virus intelligente ma ora bisogna scoprire tutti i suoi punti deboli”, Rep speciale Scienze “Anatomia del coronavirus”, da cui sono tratte le citazioni di seguito, ndr)

«I ritardi e le imprudenze

La preoccupazione ha spinto anche la nave da crociera Diamond Princess ad attraccare nel porto giapponese di Yokohama il 3 febbraio. Ma con calma, solo a partire dal 5 febbraio, si è stabilito di chiudere tutti nelle loro cabine. Nel frattempo, per due giorni, balli, gare e lezioni di ginnastica sono andati avanti.

Non sempre, possiamo dire oggi, siamo stati all’altezza dell’intelligenza del virus. Il 20 febbraio, con il mondo sull’orlo di una pandemia, i contagi a quota 75 mila e i morti a 2 mila, Macao, il regno dei casinò, ha deciso di rimettere in moto le roulette. Vietato assembrarsi attorno ai tavoli e fare puntate senza mascherine. Ma solo il futuro ci dirà chi ha vinto la scommessa».

 

«Il tallone d’Achille del virus

La partita, per noi umani, non è certo persa. È vero che non abbiamo medicine per prevenire o curare Covid-19, la malattia da coronavirus. Ma per quanto furbo, anche il microrganismo ha i suoi punti deboli. Si trasmette con le goccioline di tosse e starnuti, ma solo con quelle più grandi, sopra ai 5 micron, incapaci di allontanarsi più di 1,5-2 metri dalla persona contagiosa e di persistere nell’aria oltre pochi secondi. Si è calcolato che ogni persona ammalata ne infetti altre 2,5-3, mentre il morbillo può arrivare a 15, grazie alla sua capacità di cavalcare le goccioline dal respiro più piccole di 5 micron, di restare sospeso nell’aria e di viaggiare con le correnti, allontanandosi anche di parecchi metri».

Mi pare che il nemico sia individuato con precisione prossemica.

 

«Ossigeno per guarire

Il punto di forza del coronavirus – colpire l’ospite nell’80% dei casi con sintomi lievi – è anche la sua debolezza. Solo il 5% dei contagiati sviluppa una polmonite seria. In assenza di altre malattie, al netto di complicanze, anche i malati gravi hanno buone chance di guarigione, se aiutati con l’ossigeno, il ricovero in terapia intensiva e una buona assistenza. Tutto dipende dal sistema sanitario di un paese e dalla sua capacità di reggere il peso di un gran numero di contagi. A Wuhan, nelle fasi più acute, gli ospedali hanno faticato a fare fronte al dilagare di Covid-19 e la mortalità è arrivata al 3%. Nel resto del mondo, dove i pochi malati sono stati presi in cura con tutte le attenzioni, si è rimasti allo 0,7%».

Noi italiani abbiamo ancora un sistema sanitario buono. Lo 0,7% di decessi è minimo.

 

«I bambini si salveranno

Il coronavirus ha la caratteristica piuttosto misteriosa di risparmiare i bambini, o di colpirli in modo lieve. Solo l’1% dei contagiati ha meno di 10 anni. La prima volta che si parlò di contagio asintomatico, a gennaio, fu proprio a proposito di un ragazzino di 10 anni di Shenzhen, rimasto sano in una famiglia tempestata dai contagi dopo la visita a un parente all’ospedale di Wuhan. I genitori, preoccupati, vollero che fosse sottoposto al test nonostante la sua buona salute. E lui in effetti è risultato positivo, come una sorta di portatore sano, a confortarci che in uno scenario totalmente da fantascienza in cui il coronavirus ci sterminasse tutti, resterebbero i bambini a popolare un mondo nuovo».

Un settantaduenne come me resta pacificato da questa sicurezza.

 

«Gli scenari futuri

È molto più probabile che al coronavirus sopravviveremo (almeno a questo, in attesa che arrivi il prossimo). Ma davanti a noi abbiamo scenari differenti. Non sappiamo quanto i contagi siano diffusi nel mondo. I test per diagnosticare la malattia sono costosi, laboriosi e richiedono tecnologie complesse. Wuhan, nella fase calda dell’epidemia, non è riuscita a seguire l’onda montante dei contagi con i kit diagnostici che aveva a disposizione, e ha dovuto cambiare criterio di conteggio dei malati, inserendo nella lista chi mostrava segni di polmonite alla tac».

 

«L’anello più debole della catena

Paesi popolosi come l’Indonesia o un continente ricco di traffici con la Cina come l’Africa hanno registrato un numero così basso di casi da risultare sospetto. L’Organizzazione mondiale della sanità ricorda che di fronte a questa epidemia “siamo forti quanto è forte l’anello più debole della nostra catena”. E che paesi dal sistema sanitario zoppicante potrebbero essere travolti da un’ondata di ammalati che si è rivelata difficile da gestire perfino per un paese organizzato come la Cina. Non sappiamo poi se questo coronavirus ha un andamento stagionale ed è destinato a eclissarsi con la primavera».

 

«In attesa del vaccino

Nel lungo periodo – le stime variano da uno a tre anni – dovremmo mettere a punto un vaccino. Forse ci salverà dal ticchettio di morti e contagi. O forse farà la fine del vaccino della Sars, riposto su uno scaffale per mancanza di malati. Il virus, dopo aver spadroneggiato nel mondo per più di un anno, se ne andò come era venuto. Lasciando ferite e paura. Ma non abbastanza da indurci a prevenire oggi la nuova epidemia. E qui sta forse il nostro limite, nella gara di intelligenza senza tempo fra uomini e virus».

In realtà il tempo registra 3 miliardi e mezzo di vita a virus e bacilli e meno di 6 milioni di anni ad ogni ominide, col homo sapiens nato 35.000 anni fa intelligente.

Dunque il virus perderà il confronto.

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Mellana. La negatività che ci piace
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Enrico Bernardini. Turismo in Italia: alcuni riflessioni a seguito dell’emergenza Covid-19
  La maestra Mara e le sue storie per i bambini
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Carlo Forin. Distanziamento
  Coronavirus oltre i numeri
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  Mellana. Una mano lava le altre
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  «Gli uccelli» di Hitchcock, il progresso che implode e le logiche del virus
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune considerazioni geo-sociali. (I parte)
  “I sopravvisuti”
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune con­si­de­ra­zio­ni geo­eco­no­mico-sociali. (II parte)
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  La scuola a prova di coronavirus
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  Mellana. Diogene
  Mellana. Ad ognuno come le pare
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Agustín. Ponzio Pilato
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Linda Pasta. Inquinamento atmosferico e diffusione del virus
  Nel tempo angusto e oscuro del Coronavirus
  Oltre le indicazioni
  Mellana. Lo sballo in maschera
  Mellana. Altro che resurrezione...
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  Mellana. Stretti tra scienza a superstizione
  Mellana. Quel che è fatto è reso
  Michele Tarabini. Vivere o tirare a campare?
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Michele Tarabini. Retoriche banalità
  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Vita da cani. #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Agustín. Le cose più importanti
  Mellana. Tutto andrà benissimo
  Vincenzo Donvito. Il populismo sanitario
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy