Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nicola Ambrosetti. Il decreto (in)sicurezza 
L'abolizione della protezione umanitaria
30 Novembre 2018
 

Con la costituzione del nostro gruppo ci siamo proposti di dare un contributo, attraverso divulgazione informativa su temi socio-politici rilevanti, allo sviluppo delle competenze, della consapevolezza e del senso critico dei partecipanti al gruppo e di terzi, compresi -quindi- gli elettori che partono da presupposti e ideali differenti dai nostri, compresi -quindi- gli elettori della Lega Nord.

Ebbene con questo comunicato ci rivolgiamo, in prima battuta, proprio agli elettori di Salvini, che in questi giorni, privi di cognizione della realtà, stanno esultando per l'approvazione del decreto sicurezza.

Il decreto sicurezza ha, di fatto, “soppresso” la possibilità di emissione di permessi di soggiorno per motivi umanitari (la c.d. “protezione umanitaria”).

Ora cercheremo di capire, insieme, quali saranno le conseguenze di tale provvedimento, su due fronti: 1) sulle future richieste di permesso di soggiorno; 2) sui soggetti ad oggi in possesso di un permesso di soggiorno per protezione umanitaria.

 

Partiamo dalle future richieste.

Fino all'entrata in vigore del decreto Salvini, poteva essere emesso, nei confronti dei richiedenti, un permesso di soggiorno per protezione umanitaria”. Questi permessi venivano rilasciati a soggetti che, a causa di gravi situazioni personali, avevano lasciato il loro paese per raggiungere l'Italia. Trattasi di persone vittime di situazioni di instabilità politica, grave violenza, mancato rispetto dei diritti umani, carestie.

Con l'estrata in vigore del decreto Salvini, dunque, questi permessi non possono più essere rilasciati... Però, c'è un però....

Il decreto non ha semplicemente soppresso la protezione umanitaria, ma l'ha sostituita! I richiedenti potranno infatti, sulla scorta della nuova normativa, richiedere nuovi permessi di soggiorno "speciali", in particolare sei: per motivi di salute, per calamità nel paese d’origine, per aver compiuto atti di valore civile, perché vittime di tratta, per aver subito violenza domestica, per essere stati vittime di gravi episodi di sfruttamento.

I nuovi 6 permessi ricalcano, pressoché in toto, i motivi che erano alla base dell'emissione dei permessi di soggiorno per protezione umanitaria.

In sostanza, per i richiedenti nulla cambia!!!

 

Questione differente quella relativa ai soggetti ad oggi in possesso di un permesso di soggiorno per protezione umanitaria.

Stanno iniziando ad essere recapitate a molti soggetti titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari, missive del Prefetto con le quali, tali soggetti vengono avvertiti del fatto che il loro permesso sarà revocato (retroattivamente), sulla scorta del decreto Salvini.

Che conseguenze avrà la revoca di questi permessi?

La buona parte di coloro i quali godono del citato permesso hanno un lavoro regolare e hanno una casa. Con la revoca del loro status personale, questi soggetti non avranno più nè la possibilità di stipulare un regolare contratto di locazione, né di continuare la loro -regolare- attività lavorativa. Pensate, migliaia di persone, inserite nel nostro contesto sociale, che da domani? Cosa faranno? Si riverseranno in strada: lavoro nero, piccola delinquenza (...)

Bisogna aggiungere che, comunque, esiste un principio generale del nostro ordinamento, quello dell'irretroattività delle leggi, secondo cui “la legge non dispone che per l'avvenire: essa non ha effetto retroattivo” - sulla scorta di tale principio, con tutta probabilità, la retroattività della norma sull'abolizione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari sarà quasi certamente lapidata dalla Corte Costituzionale, rendendo vana tutta la trafila iniziata dalle varie Prefetture.

 

Le conclusioni... be', le lascio a voi.

Sono questi gli obbiettivi che volevate veder raggiunti con il vostro voto?

Forse è il momento di prendere coscienza dei fatti e di capire che la parola sicurezza si sposa con la parola regolamentazione, che clandestinità è sinonimo di caos.

 

Nicola Ambrosetti

Coordinatore Gruppo +Europa Cittadinanza attiva


Articoli correlati

  Mauro Del Barba. Una scelta scellerata che toglie soldi ai nostri Comuni
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Governo. Quota 100 e reddito di cittadinanza. Sogni lisergici
  Mellana. Ansa
  Mellana. Vaffa perpetuo
  Carlo Forin. Il governo Conte ha giurato in Quirinale
  Mellana. Tra anatre
  Carlo Forin. Il ridicolo
  Governo. Di Maio e Conte. Il virus della bufalite
  Primo Mastrantoni. Governo: Di Maio e la superbufala sul Tav
  Primo Mastrantoni. Il Def e il governo del "Cambiamento": arretrare dal 2018 al 1980
  Mellana. Sindaci gialli
  Mellana. Questione di vita o di morte
  Mellana. Conte allenatore
  Mellana. Marcia indietro tutta!
  Mellana. ...arca miseria!
  Mellana. Il nuovo boom
  Mellana. Salsicce e def
  Mellana. Primi in Europa
  Carlo Forin. Finanziamento di (quali) partiti
  Mellana. Le cose giuste
  Roberto Malini. Possiamo recuperare democrazia e civiltà con una nuova Resistenza
  Mellana. Spezzeremo le reni all'UE
  Mauro Del Barba. Mille proroghe e molte fregature
  Roberto Malini. Gommoni vuoti nel Mediterraneo
  Migranti. Usuelli (+Europa): “Definire accoglienza in Europa su modello di Riace”
  Sandra Chistolini. La mobilitazione sociale intorno alla Nave Diciotti
  Roberto Malini. L’Unione europea esiste?
  Sondrio e Morbegno. Elezioni: Per il Pd doppio appuntamento sabato 17 febbraio
  Morbegno. L'immigrazione ai tempi dell'EU
  Sostegno alla Camera per la proposta Magi su riforma Dublino
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Primo Mastrantoni: Elezioni 2018. Immigrazione. Promemoria
  “Welcoming Europe!”
  Cosio Valtellino. “Ci hanno asfaltato!”
  Morbegno. Promemoria di civiltà
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy