Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Memoriale Villa Pisa­ni: Intervista al sindaco di Monte­bel­luna, Marzio Favero 
di Francesco Cecchini
07 Luglio 2016
   

Quando crede che il progetto del Memoriale sarà completato e sarà operativo?

Abbiamo effettuato una gara d'appalto integrato che prevede, a carico della ditta, la realizzazione del progetto esecutivo entro l'autunno 2016 con l'obiettivo di andare in cantiere entro fine anno e di arrivare all'inaugurazione a metà giugno 2018, in occasione della ricorrenza della Battaglia del Solstizio che si sviluppò proprio sul Montello e fu decisiva per le sorti della guerra sul fronte italiano.

 

Lei è stato obiettore di coscienza ed è antimilitarista. Il progetto del Memoriale è in armonia con il suo antimilitarismo?

Assolutamente sì. Non nasce per celebrare una vittoria, ma per commemorare una tragedia che ha segnato profondamente e irreversibilmente la storia dell'umanità. Si tratta, da un lato di rendere l'onore della memoria al sacrificio di milioni di persone e, dall'altro lato, di demistificare la retorica che ovunque, ma soprattutto in Italia e in particolare in età fascista, è stata edificata per coprire la reale natura del primo conflitto tecnologico dell'età moderna che ha irreversibilmente modificato, in maniera imprevista, il concetto millenario di arte della guerra. Infatti, se prima, con calcolo cinico, era possibile concepire i conflitti fra le nazioni come strumenti utili alla risoluzione delle tensioni interne ed esterne, il dispiegamento degli arsenali contemporanei rende obsoleta tale visione. Ne Il nomos della terra Carl Schmitt, il giurista del Terzo Reich, filosofo dall'intelligenza luciferina, chiude il suo capolavoro con una frase in apparenza di grande sensibilità, ovverosia che il futuro, se vi sarà, apparterrà agli uomini di pace; in realtà è una fredda e lucida considerazione sull'insostenibilità di una terza Guerra Mondiale che sarebbe di annientamento globale.

 

Crede che il Memoriale racconterà anche l’abbandono di Montebelluna, la fame di Pederobba e le fucilazioni di Nervesa?

Il Memoriale dovrà raccontare anche e soprattutto lo squallore del conflitto. Certamente si occuperà anche delle popolazioni e dei territori coinvolti negli scenari bellici poiché la tragedia vissuta dai civili dischiude un modo diverso e 'terapeutico' per interpretare la guerra. C'è, all'interno di ciascuno di noi, una componente aggressiva insita nella nostra eredità ancestrale che ci porta ad essere affascinati dalla sintassi della guerra, cioè dal suo movimento: attacchi, contrattacchi, strategie, atti di eroismo ecc., peccato che la semantica sia di uno squallore enorme: ferite atroci, morti, famiglie in lutto, ossa da recuperare per i sacrari, mutilati, bambini uccisi, donne violentate, paesi incendiati, morti per fame ecc. Quando i venti di guerra cessano rimane il tanfo dei cimiteri ed è questo orrore che la memoria ad uso pubblico tende ad ottundere nella percezione generale, cercando di dare un senso postumo, attraverso motivazioni più o meno nobili, alla morte e al dolore di troppe persone. In realtà il risultato è quello di allontanare l'attenzione dai giochi di potere di élite irresponsabili. Il nostro scrittore Comisso, dopo aver partecipato alla prima guerra mondiale, durante la seconda definì con ironico e amaro ossimoro “criminali ingenui” coloro che decidono di portare le nazioni in guerra.

 

Non pensa che la Grande Guerra più che altre considerazioni abbia significato la fine di un periodo di connivenza civile in Europa e la preparazione di altre tragedie come il nazifascismo e la seconda guerra mondiale?

Oggi, molti studiosi convengono nel ritenere che nella prima metà del '900 non ci siano state due guerre mondiali, bensì un unico grande conflitto, con una tregua in mezzo.

Credo abbia ragione Guido Ceronetti quando in un suo recente articolo apparso sul Corriere della Sera, afferma che la Grande Guerra non è mai veramente finita. In effetti è stato un terremoto le cui onde arrivano fino al presente. Quando accendiamo la televisione e vediamo i conflitti nel Medio Oriente dobbiamo ricordarci che quei disordini sono dovuti, in quota parte, agli accordi di pace sbagliati stipulati alla fine della seconda guerra mondiale che fu, a sua volta, figlia degli accordi di pace ingiusti sottoscritti alla fine del primo conflitto mondiale. I filosofi usano un termine per descrivere l'epoca inaugurata dalla Grande Guerra: il dominio della tecnica. L'espressione indica il fatto che, già dopo i primi mesi dall'inizio del conflitto, le sorti del medesimo non erano più riposte nelle mani di chi l'aveva promosso, bensì nella potenza degli apparati produttivi e degli arsenali: avrebbe vinto chi avesse mandato più pezzi di ricambio meccanici e biologici al fronte. Questa perdita di ruolo della soggettività umana rispetto agli apparati burocratici e tecnici non è forse un lascito ancora attivo nella nostra società contemporanea? Pensiamoci: viviamo in un'epoca in cui persino i fondi sovrani degli Stati possono essere aggrediti dalla speculazione finanziaria di fondi privati fuori del controllo delle democrazie contemporanee.

Il Memoriale non nasce per parlare del passato, ma per offrire gli strumenti per meglio interpretare il presente che è segnato da profonde ingiustizie su scala planetaria che alimentano quel network definito terrorismo. La verità è che, come ha ben detto Ceronetti, la prima Guerra Mondiale è stata una guerra escatologica, cioè che ha cambiato il corso della storia umana e il suo destino. Essa non ha messo fine al pacifico ordine ottocentesco, ne ha solo portato a compimento le contraddizioni interne. La grande domanda a cui nessuno ha una risposta è se fosse o meno evitabile.


Articoli correlati

  Francesco Cecchini. Villa Pisani, Montebelluna
  Gianfranco Cordì. «La forza della vita reale»: Carl Schmitt e l’eteroclito
  CARL SCHMITT STUDIA IL PARTIGIANO
  Carl Schmitt, un giurista a Norimberga: “criminale di guerra o esperto?”
  Francesco Pullia. Animalismo e vegetarianesimo, il nuovo possibile
  Valter Vecellio. Tibet, Satyagraha. L’importante articolo di Enzo Bianchi
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
  Ideale Cannella all'Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara
  Gianluigi Garbellini: Centenario della Grande Guerra (1914-1918)
  Ideale Cannella. Le ali dell'Angelo
  “E’ Vatellina”. Tante iniziative per le scuole
  Biblioteca Gino Bianchi: Da Caporetto ai trattati di pace
  Mauro Raimondi. La Prima Guerra Mondiale che non ci hanno raccontato…
  Morbegno. Carlo De Maria: Il lungo Ottocento e le origini della guerra mondiale
  Poesiabambina/ Ero rimasto solo io... La guerra è un tira e molla tra la vita e la morte
  Morbegno. 100 anni fa: la guerra
  Marco Dalla Torre. Ottima l'operazione di rieditare Ideale Cannella
  Maria Paola Forlani. La Guerra che verrà non è la prima
  Tirano. “Dietro le linee”
  La prima guerra mondiale nei diari del caporale Louis Barthas
  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Grande Guerra 1914 – 2014. Tre serate a Sondrio
  Eravamo tutti contadini
  Francesco Cecchini. Se cent'anni vi sembran pochi...
  Maria Paola Forlani. Tempi della Storia, Tempi dell’Arte
  Gino Songini. Il Piave mormorava…
  “I fotografi della Grande Guerra”
  Lidia Menapace. Inutile strage
  Domenica/ Matteo Moca. 99 sogni
  Calolziocorte (Lc). Un racconto di 100 anni fa al Lavello
  Gianluca Moiser. Alla madre di un eroe
  Fabiana Cruciani. Addio mia bella Addio
  Poesiabambina/ Pace immensa. E altri sogni
  Poesiabambina/ La pace è una festa di mille canzoni. Come un foglio bianco...
  Gino Songini. I ragazzi della mala morte
  Patrizia Garofalo. Il Gesù senza mani ha la voce negli occhi
  Poesiabambina/ Prima e dopo il 4 Novembre...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Poesiabambina/ Guerra e pace due cose distinte
  Anna Lanzetta. Un ricordo della “Grande Guerra”
  Presentazione del libro di Ideale Cannella “Le ali dell'Angelo”
  Patrizia Garofalo. Un volto umano nell’orrore disperato di una guerra
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy