Venerdì , 14 Giugno 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Annagloria Del Piano. Festa del gemellaggio Sondrio – Săo Mateus 
Una serata di riflessione e di festa per i 20 anni dalla firma del gemellaggio fra le due città
08 Giugno 2024
 

Era il 18 novembre 2004 quando a Sondrio venne sottoscritto un progetto di condivisione e di pace fra il capoluogo valtellinese e la città brasiliana di São Mateus, un gemellaggio che avrebbe continuato a dare frutti e che quest’anno compie i suoi ventiquattro anni di esistenza.

Ha dunque un sapore in più la consueta Festa del Gemellaggio che si è tenuta sabato scorso 1 giugno presso la Casa del Rugby sondriese, alla presenza dei due ideatori del progetto, i coniugi Maria Donati e Francesco Racchetti e del presidente dell’Associazione São Mateus, Manuel Marelli. Sostenitori e cittadini sondriesi hanno assistito all’incontro informativo sulle attività portate avanti in questi anni e concluso poi la serata con una cena approntata dal Gruppo Alpini di Sondrio e una lotteria di beneficenza.

«È un sogno lontano divenuto realtà, questo progetto che ha riunito molti», ha affermato Francesco. «Per la nostra associazione il punto focale di intervento continua a essere il settore dell’educazione. Il Centro “Ricostruire la Vita”, dove operano educatori, insegnanti, psicologi, riunisce attualmente quarantacinque bambini e ragazzi fra i 6 e i 15 anni. Qui, trovano un posto per loro, un luogo dove vengono visti e guidati allo studio e dove viene data loro l’occasione preziosa di esprimersi».

Tante le storie che i protagonisti potrebbero raccontare; c’è quella di Tiago, 11 anni, che vive coi nonni come Ana Luisa, entrambi con genitori assenti. L’uno, da loro definitivamente abbandonato, la ragazzina con un padre spacciatore del tutto assente. Oppure il racconto di due sorelline, stessa età, padri diversi, che nel Centro trovano finalmente chi si prende cura di loro. Le ferite di questi minori, medicate con l’ascolto, l’apprendimento e il gioco.

«Sono 19 le Borse di Studio attive ad oggi (più di 30 quelle terminate), per ragazzi universitari meritevoli, che lavorano per vivere e frequentano la sera, con grande impegno, avendo ben chiaro in sé che lo studio potrà salvarli dalla miseria assoluta in cui vivono» continua il racconto di Francesco. «Vi potrei parlare di Beatriz, diciottenne, madre di un bambino di un anno e mezzo, che ha potuto iscriversi a Odontoiatria, un sogno per lei, che con stupore grato vede configurarsi come realizzabile. E di Jaqueline, che vive nella discarica col marito amorevole (cosa di per sé rara, in una realtà dura come quella di São Mateus) ma rimasto senza occupazione, che siamo riusciti a reiscrivere all’università, a Scienze infermieristiche, una facoltà spesso scelta dai nostri studenti.

Davvero, vedete, non è sbagliato parlare di ricostruire una vita: si possono ripescare, con questi interventi, persone che sembravano non avere più alcun sbocco vitale».

Mentre scorrono le diapositive coi volti felici degli studenti in occasione delle loro lauree o, per i più piccoli, dei loro quotidiani giorni di scuola, le parole che illustrano ai presenti la realtà di São Mateus e i frutti del Gemellaggio si fanno strada nei pensieri e nel cuore dei presenti.

Si tratta di dare respiro all’esistenza, di tornare o cominciare a concepire un futuro. Parola, questa, che altrimenti porta con sé per i più emarginati solamente sfiducia e depressione.

La bella novità di quest’anno per l’Associazione Sondrio-São Mateus è l’adesione di un gruppo di valtellinesi all’importante viaggio in Brasile che annualmente l’Associazione con qualche suo membro attua, al fine dell’incontro coi protagonisti dei progetti: studenti, operatori e istituzioni coinvolte. A partire saranno in 18, a luglio, trattenendosi due settimane.

«Due, tra tutti gli altri, saranno i momenti principali di confronto per il nostro gruppo: una giornata con la Comunità rurale (il quilombo) che da anni collabora coi nostri progetti. Si tratta di villaggi fondati da afrodiscendenti che, grazie al decreto varato nel 2003 dal governo di Lula, hanno potuto avere accesso alla terra, coltivarla e autoriconoscersi comunità tradizionale fondata principalmente sull’agricoltura e la pesca. La loro sussistenza è comunque sempre messa a dura prova. Il quilombo col quale collaboriamo si oppone allo sfruttamento delle multinazionali che depredano e, producendo per l’esportazione, causano aumento dei prezzi delle materie prime e dunque povertà. Lo scambio di cibo dal quilombo alle favelas di São Mateus è un grande risultato, non è comune infatti questo aiuto tra comunità rurali e città. L’altro incontro che avremo sarà con l’Università federale di São Mateus, la più importante, pubblica e gratuita, che si sta rivelando uno dei principali partner per i nostri progetti. Con loro, già si è svolto l’anno scorso un importante Convegno dedicato al valore dello studio, a cui è stata invitata anche una rappresentanza del nostro Centro “Ricostruire la Vita”, coi ragazzi che hanno presentato uno spettacolo molto apprezzato di capoeira, l’arte marziale altamente espressiva e tipicamente brasiliana con la quale spesso i nostri giovani riescono a tornare a comunicare».

Si è conclusa così, con la condivisione del programma di viaggio dell’Associazione, l’incontro della serata. Restano impresse le ultime frasi di Francesco: «Credetemi, ho imparato molto più a São Mateus in questi anni, grazie ai progetti del gemellaggio, che in tutta la mia vita, di universitario e di insegnante… Ci si assume un grande impegno, quando si accetta di confrontarsi con i poveri del mondo, di provare a sognare insieme un cambiamento e una giustizia. Ora io e Maria passiamo il testimone a giovani entusiasti».

Perché è con l’entusiasmo verso il possibile che si può incrociare lo sguardo limpido di questi bambini e ragazzi. Il loro sorriso, che nasce dalla miseria più concreta e che significa “ringrazio perché sono vivo”, possa - come scrive la poetessa afrodiscendente Monica Porto - essere ricambiato dalla vita.

 

Per seguire le attività dell’Associazione,

visita il sito: www.adancadavida.com

per sostenere i progetti:

Banca Popolare di Sondrio

IBAN: IT84K0569611000000040600X54

Crédit Agricole:

IBAN: IT42R0623011010000015304791

 

Annagloria Del Piano


Foto allegate

Articoli correlati

  A dança da Vida - Incontro a cena
  Il giornalista brasiliano Paulo Lima a Sondrio sabato 13
  A dança da Vida a Morbegno!
  Sondrio col 'gemello' São Mateus: le prossime iniziative
  Sondrio. Una giornata a São Mateus
  Annagloria Del Piano. Aggiornamenti sul gemellaggio Sondrio-São Mateus
  Annagloria Del Piano. Italia - Brasile: Immagini e storie nel resoconto di un viaggio
  Gemellaggio Sondrio – São Mateus
  Heloneida Studart. La libertà è un passero blu
  SONDRIO-SÃO MATEUS. I frutti del gemellaggio
  Dall'Africa al Brasile: Capoeira, Samba e Bossanova
  Crescere altrove
  È in edicola con Paperino l'ultimo GAZETIN
  Sondrio. Il Movimento 5 Stelle sulla situazione del carcere
  Sciopero della fame nel carcere di Sondrio
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
  Francesco Racchetti. Situazione e prospettive al Carcere di Sondrio
  Sondrio. Relazione (e dimissioni) del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale
  “C'è una prigione in valle”
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Cercare in carcere libertà
  Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
  Sondrio/Carcere. “Quel diavolo di un Racchetti...”
  “Racchetti riveda la propria decisione”. Da Milano interviene il Provveditore regionale Pagano
  Sondrio. Carcere: Interrogazione parlamentare al Ministro della Giustizia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.0%
NO
 31.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy