Giovedì , 24 Agosto 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Albano Laziale: Assoluzione piena per tutti i manifestanti denunciati 
Così ha stabilito la recente sentenza per il corteo cittadino del 14 aprile 2012
06 Agosto 2017
 

Una mobilitazione memorabile quella del 14 aprile 2012 che vide scendere in piazza ad Albano Laziale oltre tremila manifestanti, fra cui tanti esponenti dei Comitati locali e regionali solidali, e numerosi rappresentanti delle istituzioni dei comuni limitrofi – mentre brillava per assenza proprio il sindaco di Albano Nicola Marini – per chiedere a gran voce che si mettesse fine allo scempio ambientale che si stava attuando ovunque, e in particolare per bloccare la costruzione dell’inceneritore di Albano che sembrava imminente dopo che il ministro Clini aveva anticipato il via libera autorizzato dal Consiglio di Stato, con una sentenza che aveva sontuosamente glissato quanto negativamente espresso dal TAR del Lazio nel 2010.

Il momento era dunque cruciale per decidere le sorti di un territorio già ampiamente sfregiato dalla vecchia discarica di Roncigliano cui si aggiungeva la costruzione del settimo invaso, con l’inquinamento aria terra acqua alle stelle e nemmeno un accenno da nessuna parte per avviare la raccolta differenziata, e sempre con lo spettro del mostruoso inceneritore che poteva sorgere da un momento all’altro. A Roma e in Regione lo sapevano che aria tirava da queste parti, trascurando però il fatto che il Coordinamento No Inc, promotore della manifestazione, aveva sempre saputo gestire pacificamente e legittimamente ogni protesta e ogni azione legale, un comportamento fermo e irreprensibile che fa scuola e fa storia, che tante vittorie ha conseguito marciando sulla via della corretta informazione e del corretto procedere, senza permettere mai infiltrazioni strategiche e colpi di testa, senza cedere mai alle provocazioni di un sistema che punta al logoramento e all’inciampo nei tanti bastoni posti per intralciare il corso della giustizia.

A Roma e alla Regione lo sapevano che qui ai Castelli Romani la popolazione si stava scrollando l’inerzia di dosso, sollecitata dalle tante azioni a catena in difesa di un territorio già martoriato, e che si sarebbe opposta ad ulteriori attacchi, ma c’era di più: il Coordinamento No Inc chiedeva vivibilità per tutti, via e per sempre, qui e altrove, discariche e inceneritori e partire al trotto per una corretta gestione dei rifiuti. A Roma e alla Regione lo sapevano, che la stavano combinando grossa e qualcosa poteva andare storto nei grandi affari pianificati, e allora si erano premuniti. I fatti sono noti, anche se poco e niente divulgati all’epoca dalla stampa. Ma parlano video e foto che girano in rete e hanno documentato momenti di scontro fra celerini e manifestanti non propriamente alla pari.

Si legge sul comunicato del Coordinamento No Inc che annuncia gli esiti del processo – che si è concluso il 28 luglio presso il tribunale di Velletri con la piena assoluzione di tutti i manifestanti denunciati e del minorenne arrestato – sugli scontri e i risvolti di quella fatidica giornata e così si pone rispetto agli accadimenti:

«I fatti imputati si riferivano alla giornata di lotta e di piazza del 14 aprile 2012, quando migliaia di persone parteciparono ad una enorme manifestazione con corteo cittadino per le vie di Albano. La Questura di Roma aveva autorizzato dapprima solo fino a Piazza Pia ma sulla spinta della fiumana di gente presente, seduta stante furono costretti ad autorizzare fino alla conclusione normalmente adottata per i tanti cortei del coordinamento, ossia Piazza Mazzini. A quel punto la Questura di Roma pensò bene di caricare pesantemente quanti in quel momento si trovavano su via Olivella all’altezza di Villa Doria. Il momento era particolarmente delicato, dal momento che il Consiglio di Stato aveva annullato la sentenza del TAR che a sua volta annullava VIA, AIA e ordinanza di Marrazzo di avvio del cantiere, e inoltre da un mese circa era iniziata l’attività del secondo lotto del VII invaso della discarica. Sono passati più di cinque anni da quelle denunce, il coordinamento da dieci anni lotta e denuncia in varie forme tutte le devastazioni del territorio, dall’attività quarantennale della discarica – attualmente con tutte le problematiche post incendio – alla volontà di costruire un inceneritore di dimensioni spropositate in un tessuto densamente abitato, dalle centrali a biomasse-biogas altrettanto speculative e dannose alla mancanza di servizi primari di urbanizzazione come l’allaccio alla rete idrica e fognaria, che incidono pesantemente sulla salute e la qualità della vita e inquinano e asfissiano il territorio. I tentativi repressivi e di criminalizzazione della partecipazione popolare che in forma autorganizzata ha dato vita ad una sapiente e continua risposta è quindi rispedita al mittente, l’infondatezza e la pretestuosità delle accuse erano palesi. Continueremo a vigilare e a opporre una resistenza popolare ad ogni scempio ambientale che pensano di poterci imporre. I nostri territori non sono in vendita. Le lotte non si processano».

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Comunanza d’intenti e amicizia al corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  “No Inc” Albano. Un’infamia contro la popolazione dei Castelli Romani
  Torna l’incubo Inceneritore ai Castelli Romani e Litorale Laziale
  Daniele Castri. Ancora una volta tutti in piazza contro l'inceneritore dei Castelli Romani
  Daniele Castri. Costruzione dell’Inceneritore ai Castelli Romani ad alto rischio
  “No Inc” Albano. Sabato assemblea pubblica a Genzano
  Maria Lanciotti. Il No Inc incontra i Dirigenti GSE
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. Dodicesimo corteo contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Indagini Procura di Roma su inceneritore Albano, Rando si dimette
  Maria Lanciotti. Inceneritore dei Castelli Romani: Allarme rosso
  Maria Lanciotti. Il 7 marzo avvio cantiere per mega inceneritore di Roncigliano?
  DifferenziaTi. I Castelli Romani rifiutano l'inceneritore di Cerroni
  La partita contro l’inceneritore di Albano Laziale ancora non è chiusa
  Maria Lanciotti. Senza tregua: nuova denuncia presentata da No Inc
  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Maria Lanciotti. La collina degli oleandri
  Maria Lanciotti. Lotte tante: a suon di corretta informazione...
  Daniele Castri. Castelli Romani: le carte son tante, ma grandi son anche la voglia di trasparenza e la determinazione dei cittadini
  Roncigliano, Castelli Romani. Una torta con quattro candeline
  Maria Lanciotti. Il “No Inc” di Albano all’attacco
  Maria Lanciotti. V campeggio al Villaggio Ardeatino
  Albano Laziale, Rifiuti. Il tempo stringe e la decisione finale si avvicina
  “No Inc” Albano. Sulla manifestazione di sabato
  Maria Lanciotti. Multicolore, pacifico, inattaccabile, irreprensibile, motivato...
  “No Inc” di Albano. Presentato esposto nei confronti del Ministro all'Ambiente, Corrado Clini
  In Regione il Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  Contro lo scempio del territorio castellano e nel quadrante a sud di Roma
  Maria Lanciotti. Da Marrazzo a Clini
  Maria Lanciotti. Inceneritore di Albano. Roba che scotta
  Maria Lanciotti. Prossimo weekend dis-camping del No Inc alla IV edizione
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  Daniele Castri. Albano Laziale in attesa del Consiglio di Stato
  NoInc Castelli Romani. Dalle stelle… alle stalle
  Maria Lanciotti. Ad Albano si fa il punto in assemblea
  Facce nuove, vecchie ricette
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  Daniele Castri. “Regione Lazio non costruirà altri inceneritori”
  Maria Lanciotti. Il sabato dei Villaggi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy