Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Aperitif all'Apeiron
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
René Descartes ci pensa su 
di Gianfranco Cordì
18 Marzo 2017
 

Incontro René Descartes, all’Ápeiron, in una fredda mattina di gelo. Il filosofo francese è da qualche giorno nella nostra città, ospite in casa di amici. Non si sente volare una mosca nell’Ápeiron: tutto sembra distante, tutto sembra che sia stato già pagato. Probabilmente, penso, questo è l’effetto che fa Descartes al mondo degli uomini. Il livellatore, l’uomo che ha inaugurato il pensiero moderno fondando ogni cosa sulla ragione e sulla soggettività. Un cameriere alto ci serve l’aperitivo.

GIANFRANCO: «Ho scritto una poesia che ti riguarda».

DESCARTES: «Come si intitola?»

GIANFRANCO: «L’uomo che aveva ragione».

DESCARTES: «Se ti va puoi recitarmela».

GIANFRANCO: «Eccola». Cominciai così a recitare alcuni versi:

«In vita non sono stato mica un fesso

Io feci del mio problema me stesso

Così pronto a ogni situazione

Formulai il principio dell’unità della ragione

Gli elementi del mio metodo, fai attenzione

Sono tali solo se presentano chiarezza e distinzione

E adesso?

Mi sono nascosto in un recesso:

Avendo paura del lupo di Gubbio

Misi tutto quanto in dubbio

Alla fine, dopo un goccio di rum

Restava solo che: cogito ergo sum

Questa era la grande verità

Il fondamento è la soggettività».

Descartes parve apprezzare: «Molto bella» disse.

GIANFRANCO: «La verità è che tu hai creduto molto nell’uomo: gli hai dato una chance».

DESCARTES: «In cos’altro dovevo credere?»

GIANFRANCO: «Ma dopo di te l’uomo sarà sempre più decentrato. Copernico dirà che non è il centro dell’universo. Freud che contiene dentro di sé delle parti inconsce, inconoscibili, Darwin che sopravvive solo grazie a dei meccanismi di evoluzione di tipi adattativo e che quindi non ha alcuna forza e alcuna gravità centrale che lo sorregga».

DESCARTES: «Il mio problema era diverso: volevo scoprire il metodo con il quale opera la ragione in riferimento ai processo di conoscenza».

GIANFRANCO: «Sì. Tu volevi scoprire ciò che è vero e ciò che è falso».

DESCARTES: «Infatti».

GIANFRANCO: «E hai trovato una giustificazione e un fondamento per tutti gli esseri umani».

DESCARTES: «Infatti. Il mio cogito, ergo sum al di là di tutti i dubbi che uno può avere è l’unica certezza originaria».

GIANFRANCO: «Io penso, siamo d’accordo».

DESCARTES: «Se non pensassi non potrei mettere in dubbio ogni cosa».

GIANFRANCO: «Io sono sostanza».

DESCARTES: «Sì, res cogitans: sostanza pensante».

GIANFRANCO: «Non sono l’oggettività dell’estensione rispetto agli altri caratteri dei corpi».

DESCARTES: «Ci sono la res cogitans e la res extensa».

GIANFRANCO: «Io sono sostanza pensante: penso, metto tutti in dubbio e salvo solo me, che penso tutto quanto questo: io devo essere alla fine qualcosa se sto pensando».

DESCARTES: «Io penso, dunque sono».

GIANFRANCO: «Io penso dunque penso».

DESCARTES: «Ho capito dove vuoi arrivare: a tuo giudizio ho caricato l’uomo di troppe responsabilità. Ma l’unica cosa che non ho potuto mettere in dubbio è proprio la soggettività umana».

GIANFRANCO: «Potevi farlo. Potevi dire: io sono pensato da qualcosa…»

DESCARTES: «Non c’è dubbio ma esiste un evidenza chiara e distinta: io stesso sono pure qualcosa».

GIANFRANCO: «Ma tu potevi mettere in dubbio anche questo: io stesso non sono che una cosa che dubita e una cosa che dubita è solo un particolare stadio di un essere umano. Una sua particolare conformazione».

DESCARTES: «Come lo è il pensare».


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy