Mercoledì , 30 Novembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Guido Monti. Italexit se vince Meloni?
23 Settembre 2022
 

La posta in gioco il 25 settembre è alta, sebbene un elettorato scettico e svogliato sia riluttante a fare una scelta precisa. Delusa da una politica portata più ai giochi di potere che a risolvere i preoccupanti problemi quotidiani, l’opinione politica italiana veleggia verso un astensionismo che secondo gli osservatori più attenti potrebbe portarlo ad essere la forza predominante nelle urne.

Gli italiani, disorientati e sconcertati in mezzo a un simile ginepraio, ormai le hanno provate tutte. Prima è toccato a Berlusconi, ormai in costante declino legato pure all’età anagrafica e ridotto ai minimi termini; poi è stata la volta di Renzi capace di un’impresa al limite dell’impossibile, essendo riuscito in pochi anni a passare da un consenso superiore al 40% ad un misero 2% e per questo costretto ad allearsi col gemello diverso Calenda; successivamente sono entrati in gioco Bibì e Bibò Salvini e Di Maio con capitan Cocoricò Conte, incapaci di dare una svolta al Paese e rientrati nei ranghi con la coda fra le gambe e nuove velleità in serbo. Le loro esperienze al potere sono state inframmezzate dagli inevitabili interventi a gamba tesa di primi ministri ’tecnici’ (Dini, Monti e Draghi) chiamati a togliere le castagne dal fuoco a una classe dirigente mediocre e non in grado di agire con determinazione. Ora chi si recherà a votare domenica prossima, in mancanza di meglio, pare orientato in prevalenza a dare fiducia a Giorgia Meloni, un altro volto nuovo e per di più donna, quindi un’assoluta novità per la scena politica nostrana, e considerata l’ultima spiaggia prima dell’annegamento in un mare di guai.

Sulla leader di Fdi sono montate le polemiche a proposito delle sue origini post fasciste e circa l’inaffidabilità in campo internazionale, vuoi per inesperienza e pure per la vicinanza a figure di non specchiata virtù democratica quali Marine Le Pen, Viktor Orban e gli spagnoli di Vox, da lei vaticinati come vincitori in terra iberica dopo il successo conseguito dall’estrema destra in Svezia. Sulle alleanze europee della Meloni si può certo discutere, ma anche capitan Fracassa Salvini, suo alleato, si è lamentato per l’endorsement ricevuto da Enrico Letta in Germania da parte del premier Scholz affermando che i tedeschi devono occuparsi degli affari loro.

Dunque, per restare a casa nostra, sono sufficienti le recenti dichiarazioni rilasciate dalla leader di Fdi al giornalista Ferruccio De Bortoli per indurre a qualche timore sulla propensione dei potenziali vincitori delle elezioni politiche a sganciarsi dai vincoli imposti dall’appartenenza all’Ue. Come riportato nell’infografica qui riprodotta, la Meloni ha testualmente dichiarato che intende avanzare una proposta di legge per abolire gli articoli della Costituzione che impediscono al diritto nazionale di prevalere su quello europeo. Una presa di posizione sfuggita all’attenzione generale e che ricalca quella degli amici nazionalisti polacchi dell’erede di Almirante (da Giorgio a Giorgia la fiamma tricolore ardente sulla tomba del duce è rimasta nel simbolo del partito). Il suo frontman Letta sostiene non a torto che gli interessi dell’Italia coincidono con quelli dell’Europa e dunque è inutile cercare di procedere ognuno per conto proprio. Ogni nazionalismo ha le proprie priorità e le esigenze della Meloni sono diverse da quelle di Orban, della Le Pen e degli spagnoli di Vox che guardano al loro orticello senza una visione lungimirante e unità d’intenti, al contrario di quanto si sforza di mettere in atto l’Ue, pur condizionata dalle prevalenti posizioni intergovernative che Fdi vorrebbe conservare in un’Europa confederale e non federalista come necessità e logica vorrebbero.

La pandemia e la guerra di stampo nazional-imperialista voluta da Putin con l’aggressione all’Ucraina insegnano che solo con soluzioni comuni e condivise si può far fronte alle questioni di impellente attualità. Le persone che andranno a votare il 25 settembre non devono scordarlo, se non vogliono rischiare di avventurarsi in un avvenire pieno di incognite per tutti e in particolare per le future generazioni.

 

Guido Monti

responsabile del Comitato provinciale per l’Europa di Sondrio


Articoli correlati

  Guido Monti. Europeismo e sovranismo, un’antitesi d’attualità
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
  Guido Monti. Sandro Gozi e la cittadinanza... europea
  Sergio Caivano. Il pericolo per l’Italia e per l’Europa
  Asmae Dachan. “Ho l’obbligo di rispondere alle affermazioni dell’on. Giorgia Meloni”
  Guido Monti. A proposito dei nostrani Sovranisti d’Europa...
  Incontro Orbàn – Salvini a Milano
  Jardim e le relazioni Usa – Russia
  Mellana. La settimana con l’elmetto
  Garrincha. Sochi
  Jardim. L'ossigeno di Putin
  Mellana. "Mani libere"
  Mellana. Affari d’Ucraina
  Valter Vecellio: Boris Nemtsov, un altro che “non contava niente”
  Mellana. Le scuse di Putin
  Omar Santana. Il tiro alla fune di Putin
  Omar Santana. Putin 1984
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Garrincha. Matrioska
  Claudia Osmetti. Putin, Occidente avvisato mezzo salvato
  Matteo Mecacci. La spericolata politica estera di Berlusconi
  Asmae Dachan. Siria, cinque anni dall’inizio dell’offensiva russa
  Carlo Forin. La morte di Gorbaciov ignorata
  Guido Monti. Salvini & c., un po’ di coerenza non guasterebbe
  Garrincha. Il sogno di Putin
  Omar Santana. Le bandiere di Putin
  Carlo Forin. Memori di Chernobyl 26 aprile 1986
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Mellana. Mosche e... moscerini
  Marco Pannella. Messaggio aperto per Silvio
  Almor e Mellana. La settimana inimmaginabile
  Di Berlusconi, Veltroni, D’Alema. E del rischio di Putinismo. L’opinione di Zbigniew Brzezinski
  Igor Boni. Per dire la sua nella crisi ucraina
  Carlo Forin. Ei fu
  Guido Monti. Due 9 maggio molto diversi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.2%
NO
 33.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy