Venerdì , 24 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Cercando l'oro della poesia
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Fabiano Alborghetti trova Anila Resuli 
Cercando l'oro 31
06 Luglio 2009
 

È arrivata l’estate.

Dopo la voce di Liliana Zinetti, chiudiamo la sessione accompagnati dalle parole di Anila Resuli, poeta italo-albanese che con noi resterà sino a Settembre. Cercando l’oro va infatti in vacanza ma consiglia –ovunque voi siate– di avere buona compagnia: libri (qualunque essi siano) e perché no? anche poesia e meglio ancora, tutto Tellusfolio (poesia compresa) disponibile qui: http://labos.valtellina.net/tellus/29.html


Ancora una volta e come anche accadrà nelle puntate a venire, lo spazio è per la sola voce dell’autore, autore a nudo e senza la mediazione della domanda, autore lanciato nel vuoto e che arriva a noi per mezzo di una autopresentazione, cui seguirà una scelta di testi e solo in ultimo una breve nota bio-bibliografia.




AUTOPRESENTAZIONE in forma di dialogo di Anila Resuli

 

Se mi chiedono cosa scrivi?, rispondo senza esitare la stessa poesia continuamente.

Il mio percorso con la poesia ha radici nella mia infanzia.

Allora non era un percorso vero e proprio quanto un desiderio di sfuggire a quella opprimente idea di bambina senza un vero e proprio mondo. La mia curiosità verso la scrittura prese piede soprattutto dopo che mio padre scoprì dei miei scritti all’età di 12-13 anni –credo- dicendomi che se avessi continuato a scrivere, avrebbe fatto tutto per me. Quelle parole al tempo non ebbero altro significato che l’importanza di essere un passo più vicina a mio padre.

 

Il cambiare paese e quindi cambiare lingua d’uso ha influenzato molto le mie ricerche e ha capovolto i miei punti di riferimento a livello artistico. Nel mio paese d’origine non avevo punti di riferimento fissi e determinati e questo anche per l’età, non certo matura.

Il cambiamento ha dato un’impronta molto importante alle mie letture, concentrando il mio sguardo su diverse letterature straniere: da quella inglese a quella americana, da quella tedesca a quella francese, oltre a quella italiana che decisamente ha influenzato il mio iter.

La mia poca conoscenza della lingua italiana però, inizialmente mi ha dato una spinta in più verso l’approfondimento: il desiderio di rendere nello studio del latino ha fatto si che il mio lessico italiano si arricchisse sempre più.

Tendenzialmente le mie ricerche e le mie letture dovevano portarmi verso una scrittura espressionistica e alquanto minimalista. Non sempre questo combaciava però con lo studio della lingua. Lo studio della poesia ermetica soprattutto, non presentava nella scrittura i risultati sperati.

 

Il percorso nel quale che ancora oggi persevero e cerco di mantenere è quello dell’ermetismo curato nei dettagli; è la parola del quadro minimalista che in quel poco che esprime è di assoluta importanza.

In questo quadro poche sono le voci e spesso il dualismo “uomo-donna” prende forma nell’unica immagine riconoscibile per tali soggetti: l’amore, carnale o spirituale.

Di certo i miei studi di orientalistica e cultura orientale, dove la donna e l’uomo hanno delle accezioni diverse, hanno influito moltissimo con la mia visione di poesia del dettaglio: hanno reso il quadro “uomo-donna” una più fine rappresentazione dell’ ”amore piaga”, amore carnale e viscerale ma pur sempre portatore di sofferenza.

Mi trovo quindi spesso a riprodurre lo stesso quadro, con le stesse ombre, sotto gli stessi ventagli; una coerenza quasi disarmante di immagini che prende forma solo nel fiato e nelle parole cantate ad alta voce.

 

La lettura sicuramente aiuta a capirne i suoni e la percezione di un mondo che ha inizio e fine negli stessi dettagli di sempre.

 

 

Poesie


 

e dimmi come fai a piangere, ché non so come:

una volta ero altra e ora, qui, sono pietra

rotta a metà, aspettando il mare


sorprendi per come la palpebra inganna

ciò che di te assesta il giorno sopra la mia ombra:

tutto ha volto qui e tutto ha bocca. masticare –

a granelli appena – l’anima, è darle un nome nuovo

e corpo altro; forse nuovi sappiamo dove arrivano

gli occhi, il colore delle bocche, la pelle smistata

al sole, le case che una nell’altra prendono forma

in noi, le nostri mani silenziose; le pietre guardano

e io so nulla di te. distacco solo un ciglio dal battito

per rendere viva la ragione.

 

 

*

la frontiera qui è un calco, un sordo

silenzio volto e rivolto, come un origami

dipinto sulla sedia: lì s’appoggia il tuo profumo,

la tua sorpresa di prendere forma ogni dove

v’è luce. attesa è pure il tuo occhio alla parete

e il tuo dire il vivere contro tempo (contro spazio)

ha cosi tanta dimora in me, che mi manco.

 

 

*

non lasciarmi qui da amante, ma da carne

silenziosamente appesa per essere presa

e tormentata: il gioco sta nel sacrificio; il sordo

della parola non nega la sillaba, la conca parete

che dà al suono e l’ordine delle corde che muta.

la stanza dimentica forse dove fossimo

un’anca e un uscio chiuso, una parete

circolare sulle teste pietrificate al buio.

 

 

*

per aver riavvolto la nostra distanza negli occhi ,

ricordami perché il braccio si fa corto e si sbuccia

la mano, unghia per unghia, dieci volte quanto le teste

tormentate nel mio grembo; rispondi, come la lente leviga

lo sguardo e poi lo piega. la pupilla, una volta sola,

rammenta il tuo fiato sorpreso al seno e il tuo bacio,

dente accostato al collo – si consuma – si trascina nel sonno.

 

 

*

il sesso mi si addice ad ore alterne

con la sigaretta a marcare le mie rughe,

l’odore delle cosce immerso nei tuoi occhi.

così è la fame

e ce n’è tanta.

 

tanto come il buio che in questa stanza

porta quiete, ma mai dimora.

 


 


*


questo è il mondo,

una pellicola lunga un dito

con i tuoi occhi spessi intorno

tanto

tanto da non averne mai abbastanza;

riconosco qui la mia fine - in lunghe

e strette pareti la mia prigione

ha corde dove legare il collo

e l’inguine così asciutto da far male

sorprende ancora col saper

tormentarsi di ogni pianto.

 

 

*

mi sposo con l’abito rosso

lungo fino a strozzare le caviglie piene di nodi;

per saldare la mia fede e farne un corpo nuovo

come fossi altra io sopra quelle scale a salire

che curvano il dorso per farmi cadere.

rimarrò lì, da sempre già moglie,

a strappare il velo al vento

perché tu possa guardare.

 



 

*

la tua terra

racconti ‘è grande’,

una giornata tutta volta a reggere

quanto abbia di te quel luogo.

ed è piccola spesso

la tua mano

quando disteso il tuo pensiero

mi inghiotte lontano

a non finire.

 


 


*

mi neghi e io addosso tengo cuciti mille risvegli;

come nodi di corde tutte in fila, gli anelli

sulla mia schiena restano stretti, stretti

agli occhi della mia carne. avessi tempo

come fummo piccoli in altre dimore, tempo

curvo nelle stesse ore, domani sarei qui

un giardino ubriaco di magnolia, un corpo cortese

e gigante, con la ruga sul volto, che t’implora.

 


 


*

e un bacio ancora

uno stampo aggiunto all'anima:

ti porto oltre gli occhi

l'orbita distanzia e trascina

dove non vi sono vie d'uscita

se non il confine della palpebra

staccata appena dal sonno.

 


 

Anila Resuli nata in Albania nel 1981, trasferitasi in Italia nel ‘97, scrive poesie fin dai tempi dell’infanzia. Attualmente vive con il marito in provincia di Milano, dove continua gli studi di Mediazione Linguistica e Culturale, dedicandosi alla lingua cinese e alla lingua giapponese.

In ambito poetico collabora con Roberto Ceccarini sul progetto lettura di Oboe Sommerso leggendo diversi testi poetici di autori contemporanei editi e non; con Antonio Diavoli per una possibile raccolta a quattro mani e altro in ambito di audiopoesia; con Stefano Guglielmin sul sito Blanc de ta nuque per la rubrica e le traduzioni di poesia albanese contemporanea.

È citata da Maurizio Cucchi sulla rivista “Specchio” inserto de La stampa ed è presente con una ampia selezione di poesie sulla rivista Le voci della Luna marzo 2007 e una ampia selezione appare nell’antologia Nella borsa del viandante (con nota critica di Chiara De Luca, Fara Editore, 2009).

Nel 2009 fonda la casa editrice Clepsydra (e-book di poesia e fotografia, senza scopo di lucro).


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy