Lunedì , 30 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“I sopravvisuti” 
di Paola Mara De Maestri
27 Febbraio 2020
 

In queste ultime settimane sembra che al mondo esista un solo problema da risolvere, quello legato al Coronavirus, argomento che pian piano è andato a monopolizzare tutti i dibattiti, condizionando la vita di tanti. È in questi momenti di difficoltà oggettiva che si misurano le persone, come sono, con tutti i punti di forza e le fragilità che appartengono alla natura umana. La paura è antica quanto il genere umano, è un istinto primitivo che ha certamente la sua utilità perché consente di avvertire i pericoli e di riuscire ad assumere comportamenti adeguati in tempi rapidi. Le risposte che dobbiamo fornire devono essere però proporzionate alla situazione che ci si presenta. Se invece questo stato d’animo “degenera” causa malessere e può far agire in maniera sconsiderata. Se poi sono tante le persone che si lasciano trasportare dall’emotività, si innescano problematiche di non facile gestione.

Vorrei citare a proposito della paura quanto disse Paolo Borsellino: “È normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti”. Persi in questo “vortice mediatico” diverse persone, anche nella nostra provincia, invece si sono fatte sopraffare. Tra le misure cautelari sicuramente da seguire, diffuse dagli organi competenti, non mi pare ci fosse riportato che bisogna mettere in atto una corsa sfrenata all’approvvigionamento alimentare o farmacologico. Certamente anche nel nostro tessuto sociale esistono fasce più deboli, persone con patologie croniche che vanno protette e quindi necessitano di particolari attenzioni. Il resto della popolazione però agendo con un comportamento dissennato provoca solo disagi e contribuisce a diffondere il panico. Persone, magari lavoratrici, abituate a recarsi nei vari punti vendita di sera si sono trovate improvvisamente spiazzate, dovendo tornare a casa a mani vuote, dato che gli scaffali dei vari negozi erano stati completamente svuotati. In questi giorni mentre mi trovavo a fare la spesa, con il mio solito cestino, ho visto infatti intorno a me tanti carrelli strapieni e mi sono venute in mente alcune scene di una serie televisiva che hanno riproposto in televisione quando ero ragazzina, dal titolo I sopravvissuti (Survivors). Si tratta di una serie televisiva britannica del 1975 di ambientazione post apocalittica. La trama si basa su uno scenario in cui il mondo intero è stato colpito da una epidemia dovuta ad un virus altamente letale, al quale è scampato solo l'1% dell'intera popolazione.

Ma oggi ci troviamo in questa situazione? Fermiamoci un momento a riflettere prima di agire. Fra un po’ davvero non troveremo più cibo nei vari supermercati, perché il “sistema” è paralizzato. Viviamo in un “villaggio globale”, dove tutto è collegato e interdipendente. L’economia viaggia su scala mondiale, interessa la produzione, gli scambi e gli investimenti internazionali. Se non si lavora, non si produce, non si guadagna e quindi non si mangia.


Articoli correlati

  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Vita da cani. #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Mellana. La negatività che ci piace
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Mellana. Diogene
  Mellana. Una mano lava le altre
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Agustín. Le cose più importanti
  Coronavirus oltre i numeri
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  Oltre le indicazioni
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. La voce del silenzio
  Paola Mara De Maestri. Inno alla vita
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Natale nel bosco
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy