Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Antonella Pizzo: L'assenza, l'oceano, il ritorno. Lucia Drudi Demby
22 Maggio 2007
 

Ci sono assenze, strane assenze, che non lasciano vuoto ma che sono esse stesse riempimento, sono assenze che colmano, che prendono il posto di chi non c’è più, di chi è stato con noi ma che è partito, ci ha lasciati, o è stato preso, rubato, di chi vive in altri luoghi, lontani, lontano da noi; o è ancora accanto a noi ma è come se non ci fosse, si è fatto assenza e noi avvertiamo forte e concretamente la presenza di questa loro volontaria assenza, la elaboriamo, diamo ad essa una forma, la facciamo parola, rumore, racconto, canto, ritornello, che torna quindi. Ci sono persone che non ci sono più fisicamente, che hanno lasciato i loro corpi, i quali sono marciti, sono stati ridotti in polvere, in cenere, mischiati alla terra, corpi divenuti humus, terriccio fertile ma sempre presenti, che continuano a parlarci in un linguaggio muto, si fanno pensiero che modifica le nostre azioni, la nostra vita. Ci sono persone che ci sono ancora ma separati da noi da distanze incolmabili, distanze di intendi, di pensieri, di cultura, oppure presenti ma divisi da noi per distanze geografiche, fra noi e loro ci sono terre estese, catene montuose insuperabili, mari, oceani.

Lucia Drudi Demby fa una scelta difficile e coraggiosa, per certi tempi e per certa cultura, sposa, infatti, nel 1953 lo scrittore americano di colore William Demby. La loro è un’unione contrastata socialmente, problematica. La loro unione si spezza. Lui è lontano. L’America è lontana, fra lei e lui c’è il grande oceano, un immenso oceano, una distanza impercorribile, ma l’amore non conosce distanze, né le conosce il pensiero e neppure la parola, si può amare anche l’assenza della persona amata, se tutto di lei si amava, si amerà anche quella. Così Lucia scrive dell’amato, dell’assenza dell’amato, scrive dell’amore. La loro unione si è spezzata ma non si è mai spezzata, perché il filo che lega a chi si è amato non si spezza mai, s’attorciglia e soffoca, ma spesso si lancia e ritorna a noi, come una lenza, come una rete che si butta e si spera nella buona pesca, e se non si è preso nulla si rilancia in mare, si ributta, per poi tirare, per poi tornare, nei ricordi, nelle parole, nel linguaggio, nella poesia, alta, come l’oceano, come l’onda del mare che va e viene, sperando che la “partenza non neghi il ritorno”:

 

 

Perché distanza

non per sempre

sia

perché partenza

non neghi ritorno

perché separazione

solo il passo

sia

sereno di un risveglio

l’oscurità e la luce

il sempre e il mai

 

informe goffa cerimoniale avanzi

anima screpolata

 

femminea parte del mondo

 

inginocchiata avanzi

innamorata

 

dell’assenza.

 

 

Lucia Drudi Demby ha scritto il romanzo La lezione di violino e altri romanzi; traduttrice, per l’Adelphi di opere importanti della letteratura anglosassone come La mia Africa di Karen Blixen, Erewhon di Samuel Butler, La Passione di Djuna Barnes. Ha sceneggiato L’incompreso per la regia di Comencini, Un bellissimo novembre per la regia di Bolognini, La monaca di Monza e molto altro ancora. È scomparsa nel dicembre del 1995.

 

Antonella Pizzo

http://antonellapizzo.wordpress.com

 


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy