Domenica , 26 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Pelo malo” di Mariana Rondón: essere “diversi” a Caracas
23 Novembre 2014
 

I film cosiddetti “di denuncia” tendono spesso a essere didascalici: fatti e personaggi non valgono che come esempi del male, della stortura che si vuole additare. In tali casi, il discorso civile potrà essere alto e condivisibile, ma quei fatti e quei personaggi risultano poveri e schematici; non raggiungono quel grado di concretezza e di “verità” che è proprio di un racconto di valore artistico.

Vedendo il film Pelo malo (e cioè: capelli cattivi) della regista venezuelana Mariana Rondón – uscito in Italia un po’ clandestinamente grazie a una piccola casa di distribuzione, Cineclub Internazionale – può venire a momenti il sospetto di avere a che fare con un’opera di questo genere. Ma ci si ricrede quasi subito.

La storia si svolge alla periferia di Caracas; una di quelle periferie dove si vive in giganteschi palazzi popolari, che fanno pensare a gabbie accatastate per polli di allevamento (le finestre sono perfino munite di sbarre!). Vi allignano i mali della miseria, dell’ignoranza e della violenza; e di un tale maschilismo che l’argomento dello stupro ricorre, un po’ sul serio e un po’ per scherzo, anche nei discorsi tra bambini. Ed è su uno dei prodotti dell’ignoranza – l’avversione per chi è diverso o ritenuto tale – che si appunta la denuncia veicolata dal racconto.

Un ragazzino di nove anni – che cresce, in assenza del padre, con la madre e un fratellino – non ama lo sport e la compagnia dei ragazzi coetanei e tende a isolarsi in un mondo tutto suo, fatto di musica e di danza. Non gli piacciono i suoi capelli ricci e usa delle creme per averli lisci, come quelli di un cantante che ha visto in una foto. Si confida soltanto con una bambina più piccola. E osserva con insistenza un ragazzo più grande che lavora come venditore ambulante.

Tutti indizi, agli occhi della madre, che egli sia omosessuale: cioè, per lei, una specie di indemoniato.

Scrivevo del rischio del didascalismo, nel quale il film incorrerebbe se si limitasse a una illustrazione superficiale di questo caso.

Ma a rendere più complesso il racconto, ecco che, ad esempio, a proposito del ragazzino è introdotta una nota di ambiguità. Si suggerisce che non è per nulla certo che egli crescendo sarà omosessuale. Malgrado l’ostinazione degli adulti di schedarlo già in una categoria, gli è riconosciuto il mistero di un’evoluzione di cui nessuno può prevedere l’esito con certezza, e che nessuno d’altronde può distogliere dal suo corso naturale. E se il torto della madre è evidente allo spettatore, non per questo la donna risulta una “cattiva” da fumetto, come predestinata a essere tale. Provata dalla disoccupazione, disposta a prostituirsi al suo ex-datore di lavoro per riottenere un posto da vigilante, scorge nell’omosessualità del figlio, l’ennesimo colpo di sfortuna di un’esistenza tutta sciagurata. Insomma: la sua rabbia cieca, viscerale – anche se è evidentemente il frutto di una mentalità retriva – è una reazione in cui siamo messi in grado di immedesimarci. Si aggiunga che l’attrice che interpreta la donna – Samantha Castillo (ha vinto per questo film il premio per la migliore interpretazione femminile al Festival di Torino) – dota il personaggio di sfumature e di sottigliezze.

 

Gianfranco Cercone

(da Notizie Radicali, 11 novembre 2014)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy