Venerdì , 30 Settembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Educazione siberiana” di Gabriele Salvatores: Amico mio, uccidimi!
13 Marzo 2013
 

C’è qualche elemento in comune tra C’era una volta in America di Sergio Leone ed Educazione siberiana, il nuovo film di Gabriele Salvatores, tratto da un romanzo di Nikolaj Lilin, su un clan di criminali russi. In entrambi i film si parla di due ragazzi cresciuti insieme, amici per la pelle, affiliati alla stessa banda. Quando uno dei due si dimostra un traditore, l’altro deve ucciderlo.

I film di gangster sono film di azione; e nei film di azione la psicologia dei personaggi tende a essere semplificata. Eppure questo momento è soggetto a una complicazione psicologica: il gangster che ha tradito, sembra desiderare, forse inconsciamente, di essere ucciso dal suo amico di un tempo. Attende la sua vendetta e perfino la provoca. Forse è disgustato di se stesso e per questo desidera morire. In ogni caso, si tratto di un’offerta in sacrificio del proprio corpo. Un sacrificio chiamato a suggellare un’amicizia intensa come una passione amorosa.

Nel film di Salvatores, la criminalità governa come uno Stato nello Stato una regione del Sud della Russia, dove dai tempi di Stalin, venivano deportati criminali di varie etnie. Ha un suo codice d’onore: ripudia l’uso e il commercio della droga e depreca l’avidità smodata di denaro. Certo, ruba e uccide; ma la violenza non è indiscriminata e si accompagna perfino, paradossalmente, al principio buddhista del rispetto per tutte le creature viventi!

Tale complesso contraddittorio di insegnamenti – ma anche di tecniche per uccidere – è trasmesso da un anziano capo di un clan a un ragazzo, suo nipote. Il capoclan è interpretato da un grande attore: John Malkovic. Il ragazzo è una rivelazione e si chiama Arnas Fedaravičius: nella sua compostezza, nel suo senso di dignità, nella sua durezza di pietra preziosa, sembra personificare la morale – una morale molto discutibile, ma una morale – che gli è stata impartita dal capoclan.

Certo, a guardarlo potremmo scambiarlo per uno studente di legge o di pianoforte. E viene da chiedersi: può essere che la brutalità, la pratica della violenza, non corrompa, non alteri una fisionomia? Ma il cinema tende spesso a idealizzare i gangster: li fa più belli, più levigati di come sono davvero. Forse, più che la realtà, rappresentano il sogno del crimine. E proprio nel senso della massima di Platone, secondo la quale i cattivi fanno quello che i buoni sognano di fare. E lo sapeva bene Sergio Leone quando diceva che i suoi film tiravano fuori “la cattiva coscienza” dello spettatore.

Comunque, un principio di corruzione si riscontra nel ragazzo quando si arruola nell’esercito russo. È allora che si metterà a uccidere con indifferenza e con disprezzo. Ma il vero degenerato è il suo grande amico. Il suo processo di corruzione inizia quando mette piede in un carcere russo. Uscito, si dà all’uso della droga, frequenta criminali senza codice d’onore e finirà per abbandonarsi a uno stupro di gruppo. Di qui il desiderio di essere ucciso. E cioè di un omicidio – o di un suicidio – purificatore.

Forse la contrapposizione dei due personaggi – il criminale “puro” e il criminale “degenerato” – è troppo chiara e troppo netta, un po’ schematica. Ma il meglio del film è nella pittura d’ambiente: momenti come una giornata trascorsa all’aperto sui cigli erbosi di un fiume, o una corsa sulle giostra in una piazza innevata, circondata dagli edifici uniformi creati dal socialismo reale - ma altri momenti si potrebbero ricordare - riescono a rendere veri i personaggi insieme all’ambiente che li circonda.

 

Gianfranco Cercone

(da Notizie Radicali, 12 marzo 2013)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 65.4%
NO
 34.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy