Domenica , 18 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta: Sono sempre più soli. Sulla morte di uno studente adolescente.
E. Munch, Malinconia, 1892
E. Munch, Malinconia, 1892 
07 Novembre 2007
 

La notizia arriva improvvisa e lascia tutti esterrefatti. (Il giorno 31 ottobre 2007, in località Lacco Ameno, si è suicidato uno studente di 14 anni,  D. G., impiccandosi a un albero; il ragazzo frequentava il Liceo classico statale "G. Scotti" di Lacco Ameno, Ischia, Napoli). La violenza ancora una volta miete le sue vittime e colpisce senza indugio.

Perché ci si chiede… come se fosse facile rispondere anche se la risposta è palese ed è sotto gli occhi di tutti.

Allo sgomento iniziale, subentra la rabbia e la disperazione per ciò che è accaduto, per ciò che si sarebbe potuto forse evitare.

La scelta di morire di un ragazzo pone sotto accusa l’intero sistema educativo, la famiglia o chi per essa e l’intera società.

È l’atto ultimo di un sistema di valori in crisi che ci colpisce e che non lascia spazio a giustificazioni.

Non passa giorno che la cronaca non riporti gesti di violenza di adulti, di ragazzi, di giovani.

La violenza colpisce tutti i settori della vita pubblica e privata; siamo una società malata? E quando abbiamo perso i nostri valori, quando ci siamo divisi fino al più completo isolamento? Non ci siamo accorti che il sistema è cambiato e con esso le regole di vita? Non ci siamo accorti che il sistema si è velocizzato e che non riusciamo a tenere il passo? Non abbiamo visto che i nostri figli crescono più in fretta di noi un tempo e che si crea uno scollamento generazionale? Non ci siamo resi conto che tutto deve essere recuperato, modificato e riadattato a seconda dei bisogni e delle necessità? Un disagio e un malessere insidiosi serpeggiano e investono giovani e adulti nelle rispettive sfere sociali. L’incomunicabilità e l’indifferenza regnano sovrane. L’avere ha preso il posto dell’essere e l’immagine si propone come sostanza.

Questa immane tragedia, questa morte insensata, che colpisce le nostre coscienze, ci impone di fermare la nostra corsa folle e di ripensare a una ricostruzione del sistema di vita ed essenzialmente di quello educativo. Mai come in questo periodo si sente parlare di atti di violenza che investono la scuola; adulti e studenti si lasciano andare ad atti che minano alla base i valori del sistema educativo; gesti indicativi di uno stato di degenerazione, di insoddisfazione, di una scarsa educazione ai comportamenti. La scuola è specchio della società che non dà sicurezze, certezze, che non soddisfa le richieste, che crea un clima di malessere generale.

Forse siamo ancora in tempo a rimediare se tutti consorziati ripensiamo a cambiamenti radicali nei settori della vita sociale. La scuola deve ridiventare luogo di accoglienza, di ascolto e di partecipazione attiva e operativa di tutte le componenti; luogo di sapere e di comunicazione; luogo deputato alla formazione, al rispetto della dignità della persona, del singolo e della collettività; luogo di preparazione alla vita e ai suoi valori; luogo d’incontro con tutte le forze che vi operano e in primis con le famiglie o chi per esse per sapere e intervenire in tempo; luogo di curiosità e di interessi multipli, di utilizzo di strategie e metodi rinnovati per migliorare capacità, per recuperare lacune, per consentire a tutti di procedere senza traumi verso l’attesa gratificazione.

La scuola si deve porre come trait d'union tra la famiglia e le istituzioni che devono rispondere concretamente alle aspettative di tutto il personale che in essa opera ed essere solleciti ad investire nella cultura e ad operare a beneficio degli studenti con leggi mirate a una scuola di qualità che dia loro una completa formazione “Sapere e saper fare” e che li prepari all’inserimento nel mondo del lavoro.

Lo studente che non è adeguatamente preparato, se non sorretto, perde lo stimolo e l’interesse allo studio e rischia la noia e la frustrazione; lo studente bravo diventa scomodo per chi non è alla pari con rischio di angherie e paure che portano tristezza, malinconia, angoscia fino al rifiuto del sistema con la scelta dell’atto estremo.

La scuola non è luogo di confronti tra i più bravi e i meno abili ma un’unità in cui ognuno dà a seconda delle proprie capacità, stimolato dalla novità, dalla curiosità, dall’interesse e dalla valorizzazione di ciò che ottiene sia all’interno della scuola che fuori di essa.

Noi adulti dobbiamo riconsiderare il nostro comportamento e insegnare i valori della vita con l’esempio del nostro operato, della vita di relazione, delle nostre espressioni; i ragazzi ci guardano e imitano i nostri modelli e il nostro linguaggio; dobbiamo creare un clima di fiducia e di serenità col dialogo e la comunicazione e arginare, parlandone, il triste fenomeno del bullismo, indice di fragilità latente.

I giovani giudicano le nostre scelte che non sempre si coniugano con le loro, allora diamogli il ruolo che gli spetta, rendendoli partecipi del nostro operato sia nel pubblico che nel privato e dando spazio alle loro idee.

Qualcuno penserà che queste sono frase dette e ridette ma lo scopo è di creare una sorta di solidarismo resistenziale contro decisioni così gravi e assurde.

La morte violenta, scelta da un adolescente, riflette il fallimento di un’intera società e dei suoi modelli educativi: quando un campo di fiori reclina il capo è la natura che non risponde più al richiamo dell’uomo e dove non c’è amore, non c’è futuro, dove non c’è sorriso non c’è speranza.

In questa società del silenzio, adulti e ragazzi procediamo su linee parallele che non s’incontrano; gli adulti alla ricerca di ciò che hanno perso, i giovani alla ricerca di ciò che non hanno o che non hanno mai avuto e tanti interrogativi restano aperti: Dove abbiamo sbagliato? Come possiamo rimediare? Il tempo della ragione deve prevalere sui principi difformi ed errati; riprendiamo i nostri ruoli nelle diverse sfere educative e diamo loro la serenità che un giorno gli promettemmo.

È forse un’utopia? È solo un invito per ripensare insieme.

Tanti e troppi sarebbero ancora gli elementi da considerare per raddrizzare il sistema scolastico che vacilla sempre più, ma chi si sente coinvolto in questa problematica, continui il discorso e forse con il contributo di tutti si potrebbero trovare giusti rimedi per evitare che si ripetano atti che ci destabilizzano in una visione opprimente.

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

  Anna Lanzetta. Contro la violenza: dignità e amore
  Mary Katherine Hamnett: A proposito di “Cenerentola, storia di una principessa”.
  Anna Lanzetta: Un’estate insieme (divertendoci con la scrittura) 1
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Difendiamo i nostri valori
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Anna Lanzetta. Un regalo per Natale? Un atto d’amore.
  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Ionio e Locride. Fotoalbum come illustrazione
  Anna Lanzetta. “Parole e pensieri di Bona Bianchi, donna di Piombino”
  Anna Lanzetta: "Ritratti di famiglie delle dinastie cinesi" al Museo Bellini di Firenze
  Anna Lanzetta: Quando Filippo Lippi pittura narrando. Dipinti per gite scolastiche 1
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 3
  Anna Lanzetta: Giudicati o giudicanti
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia. Prima parte: Contesto storico-culturale
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  “Romanzo storico e pittura di storia”. “Massimo D’Azeglio e Ippolito Nievo”. Arte per gli istituti tecnici 4
  Anna Lanzetta. Omaggio a Matera 1
  Anna Lanzetta: Vincenzo Cabianca e la civiltà dei Macchiaioli tra Storia e Letteratura.
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  Anna Lanzetta: Marco Polo. Una proposta per l’estate 2. Leggere e creare
  “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 2.
  Anna Lanzetta: Una proposta per l'estate. Leggere-inventare con il gotico
  Anna Lanzetta: Al mio amico Giovanni Frediani
  Anna Lanzetta: Sguardi d'artisti. Dal Neoclassicismo al Simbolismo. Mostra a Firenze.
  Anna Lanzetta. I ragazzi delle “baby gang”
  Anna Lanzetta: I rischi degli adolescenti. Sui debiti di gioco e la baby prostituzione
  Anna Lanzetta: "Sapere per creare" al palazzo del Podestà del Galluzzo di Firenze
  “Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana ed europea”. Presentate da Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: “ArteMobile. Dalla Pietra al Chip” una mostra per tutte le età
  Anna Lanzetta: La pittura di Ottone Rosai a Palazzo Medici Riccardi
  Anna Lanzetta. Un libro dedicato alla natura e all’ambiente
  La professoressa Anna: studentesse e colleghe: Mary, Ambra, Laura, Elena, Lucia.
  La Locride. Sulle orme della storia. Viaggio tra arte e cultura 2
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  Anna Lanzetta: La Madonna dei Tramonti di Pietro Lorenzetti. Dipinti per gite scolastiche 2
  Anna Lanzetta. Il male della scuola: la dispersione
  Anna Lanzetta: da La Môme a La vie en rose. Una lezione di cinema e di vita.
  Napoli. Il Rione Sanità
  Anna Lanzetta: Elementi del Neoclassicismo in Canova, David e Gros
  Anna Lanzetta. Contro la disumanità, il cuore
  Anna Lanzetta. Storia del sole e della luna
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Alessandra Borsetti Venier: “Addio, mia bella, addio…” il libro di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 1
  “Sapere per Creare” (Parte terza) a cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Il diritto all’Arte per gli studenti degli istituti tecnici.
  Anna Lanzetta. Storia di una chiocciola e di un lumacone
  “Sapere per Creare” (Parte Seconda) a cura di Anna Lanzetta
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Anna Lanzetta: Voto in condotta. Condanna (per gli adulti) senza appello
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Anna Lanzetta: Integrazione e intercultura. Sugli studenti stranieri in classe.
  Anna Lanzetta. Contro la violenza, la cultura
  Romeo e Giulietta. Dalla lettura alla ri-scrittura degli studenti
  Il Signore degli anelli, Harry Potter, Il cavaliere inesistente, La tempesta...
  Anna Lanzetta: Invito all’opera “Elettra” di R. Strauss. Teatro Comunale di Firenze
  Anna Lanzetta: Bestialità odierne. Razzismo e impronte digitali.
  Anna Lanzetta: Cenerentola, storia di una principessa
  Anna Lanzetta. Studiare con l’arte: Giovanni Pascoli
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Anna Lanzetta. Armonie di un giardino toscano
  Anna Lanzetta. Il “sole” è vita, ma non il “sole di Adro”
  Anna Lanzetta. Il sentimento del dolore. Affinità tra Pascoli e Munch
  Anna Lanzetta: La forma del libro. Dal rotolo al codice, secc. III a.C.- XIX d. C.
  Anna Lanzetta: Dalla parte dei giovani
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  Maria Lucia Querques: Quando emigravamo noi italiani con la valigia di cartone
  Anna Lanzetta. Per ogni donna, un racconto e un fiore
  Anna Lanzetta. Il valore della parola e della cultura
  Anna Lanzetta: Sulle Lettere a Lucilio di Seneca, sulla mia lettera a Silvia Biancalani
  Anna Lanzetta: Medioevo romantico: Manzoni, Hayez, Verdi
  Anna Lanzetta: Scacchi e poi recitare, ballare e cantare la vita
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  Anna Lanzetta: Madonna col bambino di Filippo Lippi a Palazzo Medici Riccardi di Firenze
  Anna Lanzetta: Una fiaba per capire, una mostra per riflettere. Pinocchio a Palazzo Pitti.
  La letteratura insegna: Luigi Pirandello e Corrado Alvaro nel gioco della vita
  Antonio Possenti dipinge Campana. Una fiaba triste. Mostra a Firenze in Palazzo Vecchio
  Anna Lanzetta: Tra cuore e batticuore “Febbre d’Amore”. Recensione di Tellus 29
  Il Fantastico. L’esempio del “Codice antico” con Kandinskij
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Alessandra Borsetti Venier. “Firenze nel cuore” di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: qualcosa che so sulla maturità, qualcosa che ricordo del mio esame.
  La Locride. Sulle orme della storia. Viaggio tra arte e cultura 1
  Anna Lanzetta: 31 Dicembre, Cenone di Capodanno: dalle otto a mezzanotte
  Anna Lanzetta. Storia del valzer delle lucciole
  Anna Lanzetta. Storia di una lira e di un violino
  Anna Lanzetta. L’Italia divorata dai roghi
  Anna Lanzetta: L'"Amore" di Emma
  Anna Lanzetta: Cézanne a Firenze e la mostra a Palazzo Strozzi
  Anna Lanzetta: Letture per l'estate 1. Con il gioco della recensione...
  Anna Lanzetta: Favurit, Favurit. Tra versi e prosa, il pranzo è servito
  Anna Lanzetta. Mostra Fotografica: Ritratti della Memoria
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Anna Lanzetta: La scuola nella tana dei serpenti tra retrocessioni e pregiudizi
  Anna Lanzetta. Dalla sofferenza privata al dolore universale: la natura come simbolo
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Il mio angioletto azzurro
  Anna Lanzetta: La Fotografia racconta. Firenze al tempo di Cézanne.
  Anna Lanzetta “La tragedia di un personaggio” di Luigi Pirandello
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Maria Lucia Querques: Commento su il concetto di "utile" insegnando
  Anna Lanzetta: Il noir di Silvia Ballestra su Chiavenna. Sugli studenti che lo leggono.
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  Dalla lettura alla scrittura: Il morso eterno di Dracula
  Anna Lanzetta. Con il filo spinato nel cuore
  Anna Lanzetta: Sul concetto di "utile" insegnando. Pacato dissenso da Ugo Sentito
  Anna Lanzetta: L'ora di religione tra proteste e dissensi.
  Anna Lanzetta. Per ricordare Dante
  Anna Lanzetta: “Pasqua a New York” di Blaise Cendrars
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Anna Lanzetta: Sullo Sportello Sostegno Studenti e lo stress degli studenti.
  Napoli. I giovani del Rione Sanità
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  Rigoletto: Storia tragica di un buffone di corte.
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Anna Lanzetta. Tra le meraviglie d’Italia: Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani
  Anna Lanzetta: Vi consiglio ‘A menesta ‘mmaretata
  Anna Lanzetta. Il peso delle parole. Il valore della “storia”
  Anna Lanzetta. Sapere per Creare
  Anna Lanzetta. Viaggio a Varanasi tra luci e ombre
  Anna Lanzetta: Un amore impossibile
  Anna Lanzetta: "Noi ci rifiutiamo". Guerra e pittura. L'esempio di George Grosz (1)
  Anna Lanzetta: Il miracolo di San Gennaro
  Anna Lanzetta: La scuola modello Gelmini ovvero caos demenziale
  Maria G. Di Rienzo. Il testimone
  Maria G. Di Rienzo. Sulla scritta su un tubetto di dentifricio
  Roberto Malini. Una serie tv che, fra risate ed emozioni, insegna la tolleranza
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Locride - San Giovanni Therestys
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Locride - La Cattolica di Stilo
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Locride - Le Dolomiti del Sud
  Locride - Santa Maria di Monte Stella - Locride
   Locride - Panorama
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Locride - La fiumara
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Notte d’estate - Silenzio cantatore
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy