Giovedì , 28 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Contro la violenza: dignità e amore
26 Novembre 2020
 

Le donne non chiedono di essere festeggiate ma rispettate ogni giorno e ogni momento della propria vita.

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale / e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. / Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. / Il mio dura tuttora, né più mi occorrono / le coincidenze, le prenotazioni, / le trappole, gli scorni di chi crede / che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio / non già perché con quattr’occhi forse si vede di più. / Con te le ho scese perché sapevo che di noi due / le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate, / erano le tue. (Eugenio Montale, Satura)

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio”, dice Montale alla sua Drusilla, dopo la sua morte, nell’iter di una vita in cui il poeta riconosce che solo gli occhi dell’amata, sebbene offuscati, hanno saputo cogliere la realtà e lo hanno guidato. Scendere le scale, dandosi il braccio è simbolo di una vita vissuta a due e del sostegno reciproco che due persone si scambiano con rispetto e amore.

Poche parole, pochi versi fanno della poesia lo strumento migliore per esprimere il sentimento dell’“amore” che ogni uomo dovrebbe sentire nei confronti della donna, madre di vita dal primo all’ultimo respiro di cui l’uomo è debitore.

Dolcezza, amore e tenerezza si fondono nei versi dove la perdita della propria metà sconvolge la vita stessa del poeta, ma chiara è la loro concretezza vissuta in vita e lo scendere insieme i gradini si veste di quel desiderio di cui ogni donna vorrebbe sentirsi ammantata in vita, ma che viene troppo spesso soffocato da una crudeltà che non trova né logica, né giustificazione, né parole ma solo orrore per l’uomo che, privo di razionalità, si definisce tale.

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

  Barbarah Guglielmana. No stalker
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Ogni tre passi
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Balamòs Teatro. Appunti Antigone alla C. R. Giudecca
  La violenza sulle donne Rom
  Per la Giornata del 25 novembre
  Anna Lanzetta. Storia di Rosa
  Vincenzo Donvito. Violenza sulle donne. Terreno minato?
  Alessandra Borsetti Venier: SCARPE ROSSE 1 5 2 2
  Sondrio, 25 novembre 2013
  25 novembre. Giornata internazionale contro la violenza sulle donne
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Per la giornata del 25 novembre
  Anna Lanzetta. Parliamone insieme: A difesa delle donne contro ogni violenza
  Lidia Menapace. Risveglio?
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  “Appunti Antigone” a Ferrara, alla C.R. di Giudecca e a Padova
  Spot/ A Stradella, “Davanti alla Tenda” di Barbarah Guglielmana
  Imola. Tutte in piazza il 25 novembre, contro la violenza sulle donne
  Aosta. I luoghi della violenza
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  25 novembre 2013. Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
  Scrivere Oltre il Silenzio
  Marisa Cecchetti. “Breve trattato sulla stupidità umana” di Ricardo Moreno Castillo
  Roberto Malini. Omofobia di Eugenio Montale
  Valter Vecellio. Sciopero della fame di Pannella per i diritti di tutti
  Spot/ Parola di Poeta
  La grandezza del sur Carlo milanes al castello
  Giovanni de Girolamo, L’anima e le forme.
  Istituzioni/ Intervista ad Alessandra Borsetti Venier
  Eugenio Montale. Forse un mattino andando…
  Valter Vecellio. Pannella zero
  Anna Lanzetta. Tra le meraviglie d’Italia: Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani
  Anna Lanzetta. Il sentimento del dolore. Affinità tra Pascoli e Munch
  Anna Lanzetta. Il valore della parola e della cultura
  Anna Lanzetta. Dalla sofferenza privata al dolore universale: la natura come simbolo
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Anna Lanzetta. Studiare con l’arte: Giovanni Pascoli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy