Sabato , 28 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > One Shot
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
8. Silvia Monti domanda a Dome Bulfaro
06 Ottobre 2008
 

L'appuntamento di ottobre è con Dome Bulfaro, che è artista, poeta e performer. (Ed ha un'intensa vita privata e lavorativa, aggiungerei...). Negli ultimi anni ha trovato anche il tempo di farsi attento promotore di eventi legati alla poesia e alle arti. Sua è infatti l'ideazione ed organizzazione di rassegne quali “Tutta la forza della poesia” in Valtellina (www.otip-so.org) e “PoesiaPresente” nella provincia di Monza (www.poesiapresente.it). Ed ha le idee ben chiare, in proposito.

 

 

Oltre che poeta sei un organizzatore molto attivo e attento di eventi culturali e artistici. Perché?

 

Per donare un senso poetico al vivere quotidiano.

 

Per donare

Ogni vita, se privata di poesia, non può essere davvero presente: dono.

Potrebbe sembrare tutto frutto di puro altruismo ma ogni dono, come insegna Marcel Mauss, nasce anche da un necessario egoismo.

 

un senso poetico al vivere

Per me un uomo che non coltiva il proprio senso poetico non sta vivendo. Sopravvive.

Secondo te a scuola la poesia dell’uomo vive o sopravvive? Nella nostra vita quotidiana la nostra poesia vive o sopravvive? La città o la comunità in cui vivi è poetica o impoetica? Chi si deve prendere cura di questi problemi? Chi per primo deve dare risposte concrete a questo deficit poetico (che è un deficit umano)? Questa “impoeticitudine” che tutti i giorni ci circonda influenza o no la nostra persona?

Ci sono poeti che delegano ai soli versi la propria azione poetica. È una scelta rispettabile ma non corrisponde alla mia natura. La generazione a cui appartengo, non crescendo più in quel fertilissimo humus sociale che a permesso la formazione di figure monumentali come Pasolini o, se penso a Milano, a poeti pregnanti come Testori, Fortini, A. Porta, Raboni e tanti altri, è sollecitata a definire un altro tipo di militanza: meno visibile ma più sistematica.

I poeti per contrastare i nuovi e subdoli analfabetismi contemporanei, in un’Italia che sempre più impoverisce la parola e con essa il senso del vivere, sono chiamati ad agire su più fronti secondo un programma a breve e lungo termine. Tra i miei coetanei gli Ammutinati di Trieste, Fratus, Fantuzzi, Socci, Massari stanno cercando di rispondere dal basso all’insensibile, all’indifferenziato. Con la loro poesia ma non solo, secondo un progetto di ampio respiro che sappia creare l’ecosistema culturale più indicato alla crescita poetica di un territorio. Questa generazione sta maturando un modo diverso di essere poeta engagé: meno “intellettuale” e più “ecoculturale”.

 

quotidiano

L’evento ha senso se crea movimento.

Se gli eventi sono al servizio di un progetto che sa creare un movimento culturale allora hanno senso di esistere altrimenti sono delle fiammate una tantum (vedi molti festival) o nel peggiore dei casi alimentano l’eventismo. L’eventismo è un parassita tipico della cultura italiana post anni Settanta. Non sempre è un parassita facile da individuare. Si scopre e se ne misura l’incidenza solo col passare del tempo. Questa è un’altra delle ragioni per cui diffido dei campi non coltivati giorno dopo giorno, che non dedicano spazio e tempo alla voce delle piante giovani: di fronte al lavoro sporco non si indietreggia.

 

 

 

IL PRIMARIO

ictus n° 0

 

Arriva per tutti, prima o poi, l’amarsi per estreme unzioni, il momento luogo in cui le proroghe all’epidemia del bacio non sono più ammesse, gli alibi cascano come teste; eccoli, prima o poi, momento e luogo in cui vite e morti sono costrette a sbranarsi dritte negli occhi, sono manette che guardano prospettive opposte con gli stessi increduli occhi. Prima o poi ecco l’evento che innesca il canone inverso, la necrosi lattea, come se un primario d’ospedale, femminino o maschia che sia, fosse spintonato alla resa dei conti, dovesse stabilire cosa sia veramente primario, al di là di sé, per se stesso.

Dopo 12-24 ore circa dalla presa d’atto, senti i germi dell’intestino invaderti gli organi addominali; li senti, nelle corsie in tutti i letti, riprodursi. Alcuni batteri provocano gas spingendo i germi in ogni tuo torto in ogni tua ragione. Così, con una circolazione passiva, tutto fugge dalle mani, i germi si diffondono ovunque, causando quello che più rimuovi: la smobilitazione, gli sfollati senza fine, il rastrellamento di ogni tua stagione.

 

(inedito)

 

 

Dome Bulfaro. Bordighera 1971, è poeta, performer, artista.

Ha pubblicato “Ossa. 16 reperti” nel VII Quaderno di Poesia Contemporanea (Marcos y Marcos, 2001) a cura di Franco Buffoni con prefazione di Fabio Pusterla, Prove di contatto (Coen Tanugi Editore, 2006) a cura di Chiara Terenghi e Valentino Ronchi, Carne. 16 contatti (D'IF, Napoli 2007). Ha curato con il poeta Luigi Picchi l'antologia Tutta la forza della poesia (Labos Editrice, 2003). La rivista americana Interim ha pubblicato la traduzione in inglese di Ossa. 16 reperti a cura del poeta Christopher Arigo. Ideatore di numerosi eventi poetico-artistici è, ad oggi, direttore artistico della stagione poetica “PoesiaPresente” in Brianza e a Monza, città in cui vive. Il suo lavoro artistico è sostenuto dal 1999 dalla Galleria Dieci.Due!

È imminente l’uscita di Versi a morsi (Mille Gru) libro con DVD, testi critici di Luigi Nacci, Antonella Moretti e Mauro Ravelli.

 

s.


Articoli correlati

  Spot/ Otip-So. Mezzanotte bianca in poesia e Dialoghi con il cielo
  Maria Luisa Spaziani e Claudio Recalcati a Sondrio (2005)
  Spot/ Alice Poetry Slam. Domenica 5 dicembre ore 21 a Castelleone (CR)
  Prossimi Appuntamenti con Poesia e Musica
  Spot/ Libreria 6 Rosso presenta: I libri di PoesiaPresente
  Jannacci, il Tessa e alter duu s'ciopàa
  Lo sguardo: Canzoni a contatto & Sparkle in Grey
  Spot/ Morbegno: Presentazione dell'antologia poetica “Donna, chi sei?”
  In libreria/ Alberto Figliolia: incastRIMEtrici (vol. 3) curati da Marco Borroni
  In libreria/ Abrigliasciolta. Carovana dei versi
  “OSPITO” 6. Venerdì sera a Morbegno con Bulfaro, Milani e Varotto
  Gaber l’anticonformista, Watts con Gramsci & Caruso, concerto di poetry-jazz
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Spot/ BOOM! Al Festival di Poesia Civile. Vercelli, 11-16 novembre
  Spot/ Parola di Poeta
  È in edicola con Jorge Olivera Castillo il nuovo GAZETIN
  Spot/ Hermann Hesse e Raimon Panikkar: Uomini di pace
  L’anaconda di Dome Bulfaro
  Spot/ Parola di poeta. A Lissone gli incontri di avvicinamento alla lettura e alla scrittura poetica
  Jannacci, il Tessa e alter duu s’ciopàa
  Spot/ PoesiaPresente 2009. “Oracoli”, “Fiabe metropolitane” e il primo seminario
  Spot/ “DIRITTO ALLA POESIA” A Monza, di febbraio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy