Domenica , 27 Maggio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Stati Uniti d'Europa: Ceta e Ue. C'è più di qualcosa che non funziona
Paul Magnette, presidente della Vallonia
Paul Magnette, presidente della Vallonia 
23 Ottobre 2016
 

Firenze – È saltato il vertice Ue-Canada del prossimo 27 ottobre, per cui il trattato Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement) al momento rimane in aria. È notorio che l'opposizione della regione belga della Vallonia ne ha impedito la ratifica. Vari i motivi e le interpretazioni, politiche ed economiche: alla Vallonia non tornano i numeri a saldo della liberalizzazione del mercato di alcuni prodotti tra lei e il Canada e -perché no-, visto che la Vallonia è a conduzione socialista e il governo centrale belga non lo è, non è da escludere una ripicca politica o un metodo per alzare il prezzo in merito ad alcune rivendicazioni che abitualmente non vengono prese in considerazione se non si fa parte della medesima parte politica.

A leggere i resoconti semplici del trattato (per chi vuole ci sono da leggere 2344 pagine di un arido testo di interpretazione non semplice), dalla parte dei consumatori, non ci è sembrato un ostacolo alla crescita quantitativa e qualitativa degli scambi commerciali, anzi: un elenco di opportunità nel rispetto degli specifici standard senza, soprattutto, far venire meno alcune conquiste che caratterizzano il mercato europeo rispetto a quello canadese (sanitari essenzialmente). Dalla parte delle imprese, invece, quando si produce e si vuole esportare (e anche prodotti di una certa qualità e notorietà, come è per quelli italiani ed europei in generale) e si hanno mercati col quasi totale abbattimento dei dazi, l'opposizione ci sembra incomprensibile, se non per coloro che -solo per prendere voti facendo riferimento all'irrazionale basso ventre- ragionano coi muri, col finto chilometro zero, con la lotta al diverso per il solo fatto che è oltre il proprio giardino (tutta roba finta, tra l'altro, su cui i sostenitori non fanno altro che far credere di non vedere: dalla cultura al cibo, dai servizi ai prodotti in generale). E qui entriamo nell'eterna diatriba/lotta tra coloro che sono convinti di fare gli interessi della collettività a partire dal proprio potere (che spesso si appaga finendo per esaurirsi con la conquista in sé dello stesso), e quelli che mettono la propria esperienza e disponibilità per la collettività in sé: elementi che si confondo anche in questi contesti, da un parte e dall'altra, nonostante le frequenti e roboanti dichiarazioni e prese di posizione per il bene comune. Entriamo anche nella psicologia della comunicazione di massa? Lo lasciamo ad altri momenti. Qui ci “fermiamo” ad alcune considerazioni sul libero mercato e sulle istituzioni che dovrebbero favorirlo… con un paletto (altrimenti si sa dove si comincia, ma non si finisce mai): la democrazia.

Domanda: è democratico un sistema che per approvare una qualche norma ha bisogno del consenso totale di tutti gli attori, proprio come nel nostro caso del Ceta? La risposta è ovvia. Come è ovvia quando, per esempio, per l'ingresso di un nuovo membro nell'Ue (c'è la lista d'attesa abbastanza lunga da quando non c'è più il “muro” di Berlino e di Srebrenica), vengono fatte le pulci alla democrazia dei pretendenti… per farlo entrare in un sistema che è la negazione della democrazia.

Siamo per questo spietati perché non vogliamo considerare -nella fattispecie- le ragioni della Vallonia (quindi di una minoranza),* oppure giochiamo all'ingrosso come fa qualunque Parlamento o consiglio democratico per approvare o meno una disposizione?

C'è qualcosa che non funziona nella nostra Unione. E questo è solo l'aspetto del giorno. Se pensiamo alle politiche di accoglienza dei migranti, inoltre, ci vengono anche i brividi… ma non facciamo il minestrone di cui sopra…

C'è qualcuno che ha voglia di metterci mano o dobbiamo assistere alle Brexit di turno come se nulla fosse?

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

* Che poi, tra gli attuali oppositori al Ceta, ci sarebbero anche Romania e Bulgaria ma che, piuttosto che per i loro formaggi e i loro beni da importate ed esportare, sembra che facciano bizze per come vengono oggi trattati i loro cittadini per i visti col Canada: i minestroni non sono il forte dell'economia e della politica internazionale… ma questa è una nostra valutazione di realismo politico.


Articoli correlati

  Carlo Forin. “Posso aspirare a una carta d'identità europea?”
  Schuman day, Giornata dell'Europa. A Sondrio, mercoledì 9 maggio
  Carlo Forin. Allargare l’anima europea
  Lidia Menapace. Cittadina europea di nazionalità italiana
  MFE. A Morbegno nel nome di Vedovelli
  Carlo Forin. Cives europei estote
  Olivier Dupuis. L’Europa delle monetine
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Morbegno e Sondrio. “La mia piazza è l'Europa”
  Sondrio. Oltre l'Unione europea, verso gli Stati uniti d'Europa
  Mfe, Sondrio. Verso il 25 marzo, per l'Europa
  Carlo Forin. Che cosa è urgente per l’Europa?
  Sondrio si prepara alla Convention delle forze democratiche ed europeiste
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
  Stati Uniti d'Europa. Elezioni olandesi: un caso interessante
  Marcia per l'Europa, a Milano sabato 12 maggio
  Pietro Moretti. Mediazione civile: eliminare l'obbligo dell'avvocato
  Guido Monti. Celebrazione del 60° anniversario dei trattati di Roma
  Federica Mogherini, alta rappresentanza internazionale e cittadinanza Ue
  +Europa. Liste transfrontaliere alle prossime elezioni Ue
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Guido Monti. Quale federalismo?
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Pietro Yates Moretti. Tutta colpa dell'Europa?
  Giovedì 14 a Morbegno con l’europarlamentare Danti
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Davvero sono i popoli che non vogliono gli Stati Uniti d'Europa?
  Vogliamo gli Stati Uniti d’Europa!
  Un'Europa a due velocità per fare la Difesa comune?
  Lidia Menapace. Autonomie ed Europa
  Guido Monti. È di nuovo l'ora di una Resistenza europea
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Sondrio. Genocidio in Siria e il silenzio delle coscienze
  Vincenzo Donvito. Il potere e la forza dell’euro
  L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e saprò chi sei
  Carlo Forin. Che l’Europa svolti sui suoi cittadini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy