Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
Alcide Molteni e Francesco Racchetti
Alcide Molteni e Francesco Racchetti 
31 Marzo 2016
    

Dal consigliere Andrea Massera, «a nome di tutti i gruppi di minoranza», riceviamo la seguente nota sulla Relazione ex art. 8 del regolamento presentata dal Garante dei detenuti della Casa circondariale di Sondrio contestualmente alle sue dimissioni dal predetto incarico. Ringraziamo per l'utile informazione confermando identica dispo­ni­bi­li­tà e attenzione per l'eventuale replica del Sindaco. (Tf) 

 

 

Durante il Consiglio Comunale di martedì 29 marzo, il Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale, Prof. Francesco Racchetti, ha tenuto l’annuale relazione sull’attività svolta all’interno della casa Circondariale di Sondrio.

Ha purtroppo descritto un quadro disarmante, anzi deprimente, in cui ha affermato di non aver potuto, di fatto, svolgere le azioni caratterizzanti il proprio mandato, ciò a causa di rapporti, o meglio dell’assenza di questi, con la nuova direttrice, Dr.ssa Mussio.

A detta dello stesso Garante l’auspicata, e da lui sostenuta, necessità di una presenza stabile nel ruolo di direttore presso il carcere di Sondrio ha distrutto, con l’insediamento della nuova direttrice, il clima positivo che si era instaurato tra il suo predecessore, lo stesso Garante Prof. Racchetti e i detenuti.

A suggello della sua relazione il Prof. Racchetti, con estrema coerenza, ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico nelle mani del Presidente del Consiglio Comunale.

Le criticità emerse nella relazione esaustiva, amplificata dalla lettera di dimissioni, hanno suscitato profondo sconcerto e preoccupazione in tutti i consiglieri presenti che, nella totalità, hanno espresso sostegno ed apprezzamento nei confronti del ruolo e dell’attività svolte del garante e, in particolar modo, nella persona del Prof. Racchetti.

È stato quindi predisposto un ordine del giorno urgente, condiviso e votato da tutti i presenti, in cui si richiedeva un forte impegno degli organi competenti nel sostenere l’operato del garante, cercando in tal modo di favorire un dialogo costruttivo con le autorità incaricate della gestione del penitenziario del capoluogo, al fine di poter così ripristinare un clima collaborativo favorevole e costruttivo all'interno dell’Istituzione Penitenziaria.

Si richiedeva quindi, con un secondo ordine del giorno urgente, anch’esso voluto e sostenuto dall’intero Consiglio Comunale, il ritiro delle dimissioni in attesa che il quadro evolvesse nella direzione auspicata all’unanimità.

Nel totale sconcerto per la situazione venutasi a creare, peraltro segnalata da tempo dal Garante alle autorità competenti (tra cui Sindaco ed il presidente della competente commissione consiliare Gemma Simonini), si è aggiunto un ulteriore elemento di forte disagio.

Nella unanimità dell’espressione di voto, a sostegno e di apprezzamento della figura del Garante, si è elevata, con stridente stonatura, la posizione del sindaco della città, Alcide Molteni.

Il suo intervento è stato caratterizzato da una generica disamina dell’attività del garante, dell’assenza di un qualsiasi ruolo di relazione tra amministrazione comunale ed istituzione carceraria; in nessun passaggio dell’attesa riflessione di chi è stato chiamato ad amministrare la città è stato ribadito il sostegno e la partecipazione solidale nei confronti del Prof. Racchetti.

Per tutta la discussione il Sindaco è rimasto immobile, ricordando figure mitologiche egizie, con lo sguardo che mai ha voluto incrociare quello del garante, seduto alla sua destra; ancor più imbarazzante l’assenza di una stretta di mano, segno di stima e di solidarietà, all’uscita dalla sala Consiliare del Prof. Racchetti.

Evidentemente vecchie ruggini, probabilmente legate ad una situazione da mesi incancrenita, hanno inevitabilmente spinto un personaggio di elevato profilo morale e culturale alle dimissioni, soprattutto in considerazione del fatto che non è stata intrapresa, da parte del Sindaco e della Giunta, un’azione forte a tutela dell’operato importante del Garante, azione sollecitata dagli interventi di tutto il Consiglio Comunale al fine di evitare di giungere ad una situazione drammaticamente irreversibile.

La denuncia del Garante di un “silenzio imbarazzante”, a fronte di numerose sollecitazioni richieste nel corso degli ultimi dieci mesi con la finalità di migliorare le relazioni tra Garante e Direttore del carcere a favore delle persone private della libertà individuale, fotografa l’inerzia spiacevole dell’Amministrazione Comunale.

I gruppi di minoranza in Consiglio comunale ribadiscono il sostegno e l'apprezzamento al Prof. Racchetti e registrano l'ennesima occasione persa della amministrazione Molteni di volere realmente mettere in atto tutti quei processi di “cittadinanza attiva” che una società come la nostra deve perseguire con forza e determinazione.

 

I GRUPPI DI MINORANZA

Consiglio comunale di Sondrio


Articoli correlati

  Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
  Sondrio. Il Movimento 5 Stelle sulla situazione del carcere
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Sondrio. In visita al carcere con Benedetto Della Vedova
  Secondo ferragosto in carcere. I dati e la situazione della casa circondariale di Sondrio
  I dati e la situazione del carcere di Sondrio
  Sciopero della fame nel carcere di Sondrio
  Radicali Sondrio: Fine anno nel carcere di via Caimi
  Sondrio. Relazione (e dimissioni) del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale
  Sondrio/Carcere. “Quel diavolo di un Racchetti...”
  Francesco Racchetti. Situazione e prospettive al Carcere di Sondrio
  Sondrio. La direttrice del carcere replica alla nota diffusa dei Radicali
  Garante detenuti Sondrio: “Basta con i bandi a vuoto”
  “Racchetti riveda la propria decisione”. Da Milano interviene il Provveditore regionale Pagano
  Sondrio. Impegno per un nuovo, moderno carcere
  L'On. Rita Bernardini, deputata radicale, in visita ispettiva al carcere di Sondrio
  “C'è una prigione in valle”
  Sondrio. Carcere: Interrogazione parlamentare al Ministro della Giustizia
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Cercare in carcere libertà
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Luigi Mescia. Sondrio: Declino e degrado della sanità provinciale
  Il Sindaco si pronuncia. Ulteriori sviluppi nel caso “cedro di Sondrio”
  Prosegue la campagna di Radicali Sondrio a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Paola Pizzini. Sondrio. Dopo la decisione di tagliare il cedro e stop
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy