Venerdì , 16 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Pannella inizia oggi 2 ottobre lo sciopero della fame 
Per superare i segnali di possibile altra Shoah, un'iniziativa nonviolenta con obiettivi di giustizia e verità
02 Ottobre 2010
 

Dalla mezzanotte di questo 2 ottobre, “Giornata della nonviolenza” voluta dalle Nazioni Unite, Marco Pannella ha iniziato uno sciopero della fame. Ne ha dato notizia lui stesso con questo intervento di ieri ai lavori del Comitato nazionale di Radicali Italiani, nel quale presenta in modo conciso gli obiettivi dell'iniziativa radicale nonviolenta.

 

 

Intervento di Marco Pannella

al Comitato di Radicali Italiani

 

Questa sera, a mezzanotte, inizierò il mio Satyagraha, con uno sciopero della fame, anche per celebrare così, e dar corpo, volto, mano, voce alla solenne “Giornata internazionale della nonviolenza” proclamata dall’ONU. Non a caso giornata ignorata da tutte le Istituzioni e la partitocrazia del Regime, ex-repubblicano ed ex-democratico, italiano che ci opprimono. Spes contra spem. Essere speranza, se non se ne ha!

Come preannunciato, la mia iniziativa Radicale nonviolenta avrà come obiettivi due temi:

1. La Giustizia e le carceri italiane, diretta riproposizione sociale, morale, istituzionale della Shoah. Riproposizione, anche formale, di una orrenda verità letteralmente accecante, totalmente cieca. Fu (e minaccia di essere) il prevalere storico di un istinto bestiale, assassino e suicida, nella specie umana. Oggi, in un nuovo contesto planetario, scienza e coscienza ci indicano che torniamo a viverlo come evento incredibile, impossibile; un incubo riuscito, dal quale sembrerebbe impossibile svegliare l’umanità, la comunità internazionale.

2. La ricerca della conoscenza su una tremenda, “incredibile” verità storica, nascosta e negata in primo luogo proprio – oggi – nel e dal nostro mondo libero, “occidentale”, “civile”, dei “diritti umani”.

Accadde, il 18/19 marzo 2003, che Bush e Blair fecero letteralmente scoppiare la guerra sol perché non scoppiassero in Iraq la libertà e la pace; con l’esilio, oramai accettato, da Saddam.

Oggi dobbiamo ambire, purtroppo – come Nonviolent Radical Party transnational and transparty – ad aiutare per primo Obama, la bandiera, l’onore, il popolo americano a uscire dalla scelta di protrarre l’impero della menzogna bushana, storica, civile, morale, ai danni di tutti i popoli oggi viventi: ai danni in primo luogo di quei repubblicani che l’avevano eletto e che più di altri – quindi – sono stati vittime di un tradimento blasfemo, che ha provocato e provoca l’eccidio di milioni fra americani e altri popoli.

Per questo l’obiettivo di una Commissione italiana di inchiesta sulla verità di quegli eventi, è quello di aiutare in primo luogo Governo e Parlamento italiani, la Giurisdizione internazionale, le persone tutte di buona volontà a dare il loro contributo, perché la verità si affermi e ci mondi.

 

Temo che questo Satyagraha, questo sciopero della fame possa rivelarsi il più duro, il più lungo, fra quanti ne ho praticati, se saprò sostenerlo innanzitutto moralmente. Per questo ho voluto scegliere questa pena, che valga anche per i tanti che l’avvertiranno, perché anch’essi possano farne alimento scegliendo di nuovo di essere speranza, lì dove sembrerebbe che non sia più possibile averne.

Spes contra spem

 

Marco Pannella


Articoli correlati

  Matteo Angioli, Claudio Radaelli. Le “confessioni” di Blair
  Marco Pannella ha chiesto l'istituzione di una commissione d'inchiesta sulla guerra in Iraq
  Matteo Angioli. Fumo di Londra
  “Ma Bush e Blair scelsero la guerra...”
  Marco Lombardi. La guerra dei pazzi e quella dei savi
  Milano. Domenica ore 17 presidio davanti alla sede RAI di Corso Sempione
  Milano. Veglia per la verità sulla guerra in Iraq
  Mao Valpiana. 2 ottobre, il natale della nonviolenza
  Andrea Maori. Da Capitini a Sharp: Noncollaborazione, liberalismo e democrazia
  Maria G. Di Rienzo. Innamorarsi del mondo
  Invitiamo comuni e scuole a celebrare la giornata internazionale della nonviolenza istituita dall'Onu
  Gianni Sofri. Gandhi
  Domenico Gallo. Il canone fondamentale della nonviolenza
  Antonio Parisella. Un maggiore impegno educativo in direzione della nonviolenza
  Annamaria Rivera. Dialogo fra un anarchico e una gattara
  Incontro su Capitini e nonviolenza. A Perugia il 1° ottobre
  Nanni Salio. Persuasi, dubbiosi, scettici e oppositori della nonviolenza
  Laura Boella. Una politica e un'arte della nonviolenza?
  GandhiDay a Torino il 2 ottobre
  Maria G. Di Rienzo. Per la giornata internazionale della nonviolenza
  Giorgio Nebbia. Ecologia come nonviolenza nei confronti della natura
  Yoani Sánchez. Nonviolenza arma della ragione
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Giancarla Codrignani. Per la salvezza del futuro
  Lorenzo Porta. Da un ambito locale con lo sguardo al mondo
  Valter Vecellio. Il ministro conferma: giustizia allo sfascio. Pannella ha ragione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy