Domenica , 03 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Massimo Scrignòli. Apocalypse Now: un viaggio letterario tra poesia, arte, cinema 
Al Castello di Belriguardo di Voghiera, domenica 21 ottobre
18 Ottobre 2012
 


COMUNE DI VOGHIERA

in collaborazione con

Associazione Cultura e Ambiente Voghiera

 

“INCONTRI CON AUTORI FERRARESI 2012”

 


Domenica 21 Ottobre 2012, ore 16:30

Castello di Belriguardo (Sala delle Bifore)

Voghiera (FE)

 

Massimo Scrignòli
presenta

Apocalypse Now: un viaggio letterario
tra poesia, arte, cinema

 

 

Può sembrare inusuale l’accostamento tra la poesia di T.S. Eliot (poeta tra i più importanti del Novecento, Premio Nobel nel 1948) e un film cult come Apocalypse Now di Francis Ford Coppola, pellicola del 1979 tanto affascinante quanto cruda per tematica e immagini. Eppure le relazioni sono molte, esplicite e implicite, alcune dichiarate altre tenute nascoste, fino a rivelare all’interno del film varii percorsi culturali, emotivi, letterari, psicologici, in quello che in realtà è un vero e proprio “viaggio all’interno dell’animo umano”.

E proprio seguendo le molte tracce disseminate nel film, si potrà così assistere ad un altro interessante e curioso viaggio, guidato da Massimo Scrignòli (poeta e editore), alla scoperta dei collegamenti tra cinema e letteratura nell’intreccio che lega fra loro Cuore di tenebra di J. Conrad, Apocalypse Now di F.F. Coppola e la poesia di T.S. Eliot. Un cammino intrigante con la proiezione di alcuni brevi spezzoni del film, in cui si incontrano anche Dante e Baudelaire, per mostrare il percorso parallelo Eliot/Apocalypse Now, ma pure per notare e confrontare la presenza nel film anche di alcune opere d’arte figurativa e molti rimandi a pittori di epoche diverse.

 

Il film Apocalypse Now di F.F. Coppola presenta infatti espliciti richiami al testo di Conrad, ma più ancora diversi rimandi e citazioni nascoste della poesia di Eliot; tutte connessioni affascinanti che, una volta svelate, mostrano come Coppola abbia realizzato non un film “di guerra” o “sulla guerra”, ma abbia in realtà raccontato la guerra come un eterno caos interiore dell’uomo realizzando un’opera d’arte che è un’intensa metafora della condizione umana, in ogni tempo e luogo.

 

= Ingresso libero =


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy