Giovedì , 18 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nicola Falcinella: "Salecinema", Olmi 'Val di Lei', 'Gente così' Guareschi. Fotogrammi
13 Novembre 2008
 

Ritorna dopo dieci anni la rassegna “Salecinema”, promossa dalla Fondazione Salecina di Maloja per valorizzare i film di qualsiasi durata girati in Engadina, val Poschiavo, val Bregaglia e valle Monastero. La manifestazione si svolgerà da sabato 15 a sabato 22 novembre coinvolgendo Salecina, St. Moritz, Pontresina e Bondo. La novità dell’edizione 2008 è l’apertura alla Valchiavenna con un appuntamento a Chiavenna venerdì 21 novembre alle 15 al Cinema “Victoria”, con ingresso libero. In quell’occasione saranno proiettati, introdotti dal critico cinematografico valchiavennasco Nicola Falcinella, il documentario La costruzione della grande diga in Val di Lei (1961, 13 minuti) di Ermanno Olmi e il film Gente così (1949) di Fernando Cerchio da una storia di Giovanni Guareschi.

 

Gente così è stato girato tra Pianazzo e Madesimo, con alcune scene a Milano: si tratta del primo lungometraggio ambientato in provincia di Sondrio, anche se nella finzione si parla del paese di Trebiglie. Guareschi l’aveva pensato a Trepalle, non a caso uno dei personaggi principali è il prete don Candido che è un po’ un precursore del don Camillo che avrebbe fatto la fortuna dello scrittore emiliano. Il film fu girato a Pianazzo e non nella località livignasca perché non c’era corrente elettrica sufficiente.

Gente così fu sceneggiato da Leo Benvenuti, Fernando Cerchio, Giovanni Guareschi, Giorgio Venturini e Giancarlo Vigorelli, le musiche furono di Giovanni Fusco (uno dei maggiori compositori di colonne sonore dell’epoca). Gli interpreti principali furono Vivi Gioi (attrice nelle commedia dei “telefoni bianchi” degli anni ’30 a fianco di De Sica, ma anche Donna Rachele ne Il processo di Verona (1963) di Carlo Lizzani), Adriano Rimoldi e Saro Urzì (interpretò anche Il padrino, Serafino, Sedotta e abbandonata, Divorzio alla siciliana, In nome della legge e i film di Don Camillo). I ragazzi fra i banchi di scuola erano i veri scolari delle elementari di Madesimo, le comparse furono prese fra gli abitanti di Pianazzo e Madesimo. La troupe era alloggiata al Grande Albergo e buona parte degli interni furono girati dentro l’Albergo Emet e lo Chalet Svizzero, una scena fu girata all’interno della vecchia Chiesa parrocchiale di Madesimo. Cerchio fu regista di una trentina di film, tra questi Aldo dice 26x1 sulla Liberazione dal nazifascismo e vari film con Totò (Totò contro Maciste, Totò e Cleopatra, Totò e il pirata nero).

È la storia dell’arrivo di una giovane maestra progressista in un paesino alpino dove l’attività principale è il contrabbando e si sta per costruire una diga (nella realtà si stava realizzando l’invaso di Isola a pochi chilometri da Pianazzo). La maestrina si mette contro il paese con i suoi metodi nuovi ma riesce a spingere i paesani a protestare contro i tecnici che stanno facendo i rilievi per la diga e succede il finimondo. Nel frattempo la giovane si è innamorata di un contrabbandiere e, quando lui è costretto a fuggire a Milano, lei lo segue.

La copia del film proviene dalla Fondazione Cineteca Nazionale di Roma.

 

Il documentario di Olmi fa parte della quarantina di filmati che il grande regista bergamasco realizzò per conto della Edison fra il 1953 e il 1961. La costruzione della grande diga della Val di Lei (1961) segue l'edificazione dello sbarramento sul basso Reno iniziata nel '57 / 58. In 13 minuti di immagini in bianco e nero il regista bergamasco mostrò la valle durante e dopo i lavori, la funicolare impiantata per trasportare il materiale dalla Valle Spluga al bacino raggiungibile solo dal versante elvetico. La diga fu realizzata da oltre 1500 lavoratori provenienti da tutta Italia che per tre anni vissero nelle baracche della Val di Lei.

 

I film saranno preceduti da brevissime proiezioni del Cinegiornale svizzero: “Contrabbando in Val Poschiavo”, “Corsa automobilistica al Maloja”, “Giro d'Italia dalla Valle Monastero a Chiavenna”.

Il pomeriggio chiavennasco è possibile grazie anche al contributo del Comune di Chiavenna.

 

Salecinema” è organizzata con il sostegno di: Fondazione svizzera per la cultura ProHelvetia, Promozione della Cultura Canton Grigioni, Regione Bregaglia, Televisione Svizzera Romancia e Biblioteca di St. Moritz.

Il ciclo è curato da Jurg Frischknecht e Werner Schweizer che già dopo “Salecinema” 1998 pubblicarono, nel 2003 con Thomas Kramer, il volume Filmlandschaft che cataloga tutti i film e i documentari realizzati fino a quel momento nei territori coinvolti.

Tra i film della rassegna Eternal Love (1929) di Ernst Lubitsch, Il ribelle (1933) di Luis Trenker e un cortometraggio di Alberto Cavalcanti del 1936.

In programma anche un omaggio al regista engadinese Urs Frey morto nel giugno scorso con la proiezione, lunedì 17 novembre, dei suoi Aria (2000) e Revoluziun (2005). Da segnalare la presenza di molti film su artisti come Varlin, Segantini e Giacometti.

Infine il 21 sera a Bondo sarà mostrato il making of di Bärenstarke Liebe, il film tedesco girato nella primavera - estate scorsa in Val Bregaglia.

 

 

Rassegna cinematografica SALECINEMA

dal 15 al 22 novembre 2008

a Maloja, St. Moritz, Pontresina, Bondo e Chiavenna

 

Per informazioni:

www.filmlandschaft.ch, info@salecina.ch, +41 81 8243239

per la giornata a Chiavenna:

Nicola Falcinella 348 4431398, nicola.falcinella@tin.it


Foto allegate

Articoli correlati

  In vista dell’Expo 2015
  “Milano e il cinema” a palazzo Morando
  Al via la Decima Edizione del Premio Giornalistico “Gaspare Barbiellini Amidei”
  Pinacoteca di Brera. Secondo dialogo “Attorno a Mantegna”
  “Purtroppo oggi ci compiaciamo di essere artisti più che uomini”
  Ermanno Olmi. Intreccio di cinema, storia e geografia
  Alberto Cesare Ambesi: Manifesto per le arti. Contro i cattolici come Ermanno Olmi
  Mauro Raimondi e Marco Palazzini. Milano Films 1896-2009
  Il regista Olmi ribadisce la volontà di raccontare le vigne e i viticoltori della Valtellina
  ProVinea. 26 e 27 marzo: la Valtellina si presenta in Francia
  Zoran il mio nipote scemo
  Nicola Falcinella: Il giorno della Bagüta. Nota di Claudio Di Scalzo
  Radioattività con Stefano Scherini, il teatro, la tv, il web e il cinema
  Radioattività on the road, tra l’America, Torino e Cannes
  Radioattività riparte su RadioStella con Daniela Castelli e la tv di ieri e oggi
  Nicola Falcinella. Omaggio ad Alida Valli
  Echi delle Alpi: ambiente e tradizioni
  radioattiVità
  Nicola Falcinella: Intervista a Viggo Mortensen sul film Appaloosa
  Radioattività con il poeta Silver e gli ultimi bagliori di Cannes
  Nicola Falcinella: Laurent Cantet e il suo film “La classe”
  Nicola Falcinella: Intervista a Charles Burnett (su Obama) e piccola scheda sul suo cinema
  “Echi delle Alpi” a Campodolcino
  Nicola Falcinella. Les plages d’Agnès, un’autobiografia filmata
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy