Sabato , 27 Febbraio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Franco Patruno. "I Cavalieri che fecero l'impresa": il film di Pupi Avati ambientato nel Medioevo (2001)
20 Aprile 2015
 

Con l’ostensione della Santa Sindone dal 19 aprile al 24 giugno a Torino, come non ricordare uno dei film più coraggiosi di Pupi Avati I Cavalieri che fecero l’impresa (2001), dove cinque ragazzi che nulla hanno in comune si mettono alla ricerca della Sacra reliquia. Riproponiamo la bella recensione di Franco Patrono per L'Osservatore Romano. (M.P. Forlani)

 

 

Il ritmo incalzante dell'intreccio
esalta il dinamismo della grazia

 

La lingua inglese distingue accuratamente la storia raccontata dalla storia vera e propria: story e history. Il primo termine può includere ogni modalità letteraria, teatrale o cinematografica che, pur partendo da un fatto o un avvenimento documentato, ne amplifica i contorni attraverso ogni possibile genere linguistico. Non è detto che i due termini siano alternativi, perché all'interno di una narrazione a carattere simbolico o desunto da antiche leggende, può essere individuato l'evento effettivamente avvenuto. Nelle opere a forte intenzionalità poetica, quella che ho chiamato amplificazione può essere non solo una modalità accattivante o una cornice decorativa, ma una necessità dell'autore per riesprimere, attraverso una personale visione del periodo storico, il proprio mondo poetico. I cavalieri che fecero l'impresa di Pupi Avati sceglie, dopo l'anticipo di Magnificat, il Medioevo come orizzonte di senso. In che modo? Il Romanticismo ci ha consegnato un quadro ideale di questo amplissimo periodo, un quadro che sfocerà nell'olegrafia e che non potrà riscattare le demonizzazioni che dal Seicento in poi ne avevano deformato quasi totalmente sia la realtà storica che la splendida cultura nata nel suo seno. Avati compie una scelta apparentemente paradossale: recuperare i generi cinematografici che lo avevano affascinato sin dall'infanzia, soprattutto americani, con l'urgenza di interiorizzare persone e situazioni oltre gli stereotipi, affascinanti sicuramente, che, tipicizzando il personaggio, ne nascondevano costantemente i tratti personali. Se Bergman, per portare un esempio che non è retorico definire sommo, rielabora il "suo" medioevo seguendo le istanze esistenziali, i dubbi, le incertezze e le grandi domande metafisiche sul possibile silenzio di Dio, Avati è invece attento alla singolarità feriale dei personaggi. Se ama inserirli come tali, cioè personaggi, sa valutarne gli aspetti più legati alla cronaca individuale, non temendo di renderli crepuscolari, una volta liberato il termine da quei tratti di intimismo senza nerbo che purtroppo ancora lo penalizza negli anfratti dell'odierno linguaggio pseudoculturale.

I Cavalieri che fecero l'impresa si inserisce nella grande tradizione della "Cerca" che, lo ricordo, ha specifiche connotazioni cristologiche. Infatti il film narra dei cavalieri che, di ritorno dalla settima crociata, decidono di compiere l'impresa: recuperare la Sacra Sindone. Mi sembra che Pupi abbia fatto una scelta specifica e coraggiosa, quasi una personale impresa cinematografica, inconsueta nel panorama del cinema italiano: costruire e seguire l'azione come configuratrice del senso sia della narrazione che di ogni singolo intreccio che la definisce e, per consequenzialità di ritmo, la porta a compimento. In questo senso, ripeto, è un'impresa ardua e non scontata neppure seguendo i canoni della sceneggiatura "di ferro", come un tempo si diceva. L'azione nel film è non solo tesa ma protesa, cioè scandita da una velocità che muove verso un punto o un centro che è oltre il tessuto delle singole esistenze. In altre parole: l'ansia verso la riuscita (che i narratologi chiamano "sbocco" e che muove le singole volontà) è trascendente, anche se concretizzata in una sacra immagine o, per dirla con Avati e con non pochi sindonologi, una reliquia, un'impronta vera e propria delle spoglie mortali di Gesù. Non è la stupita ed adorante preghiera davanti al sacro drappo il punto qualificante di tale trascendenza. Avati è attento a far si che sia la Cerca stessa a proiettare insospettate luci di redenzione negli spazi più oscuri, spesso orridi e terrificanti, che incontra sul proprio cammino. Se si dovesse utilizzare una terminologia vicina alla sensibilità della letteratura cattolica francese tra le due guerre, si potrebbe dire che "tutto è Grazia", dalle parole del curato di Bernanos. Tutto è Grazia: oltre, e dentro, ogni contorsione della tenebra di coscienza che può portare allo smacco e alla disperazione. Oltre anche le turpidudini spesso giustificate istituzionalmente. Sembra che Pupi rifletta su un inciso comprensibile solo alla luce della Rivelazione: Dio scrive diritto su delle righe storte.

L'inquadramento medievale dei Cavalieri che fecero l'impresa, portando alle estreme conseguenze i contrasti tra luce e tenebre nel tessuto degli avvenimenti narrati (e inserendo quindi l'impresa come movente di ogni azione), evita la platealità di un intervento trascendente che d'improvviso scenda dall'alto. È nell'energia della Cerca stessa il dinamismo di grazia: lo sbocco non è solo nello stupore commosso di fronte all'icona, o impronta, del corpo di Cristo, ma nella grazia che muove senza esitazioni all'azione. L'elemento elettivo che domina la signoria dei cavalieri, ben oltre ogni bozzettismo eroico di maniera, li individua nella loro singolarità e nelle loro specifiche storie. È molto bravo Pupi nel tenere i cinque personaggi senza disperderl; si potrebbe dire i "quattro più uno" valutando l'investitura di Giacomo di Altogiovanni (Raul Bova) dopo un tenebroso passaggio di purificazione in una delle sequenze più pregnanti del film. Certo, Pupi Avati, pur affascinato dalla dialettica dei contrasti, non può dimenticare la tenerezza degli accenti per ogni singola coscienza, perchè questa è una nota ormai specifica del suo mondo poetico. Se Magnificat è assai più contenuto nel lasciare ampie pause per la contemplazione silenziosa dei volti, nei Cavalieri che fecero l'impresa anche gli aspetti della messa in scena, prima solo visti quasi in penombra, ora si caratterizzano per una più ampia dilatazione spaziale; senza, però, presentarsi come dominanti, perché è il ritmo incalzante dell'intreccio giocato sull'azione che sempre realizza la configurazione, cioè il senso e lo scopo di un'azione non lasciata a se stessa. Ed è per questo ritmo, splendido nella prima parte dell'opera, che si notano alcuni punti non riusciti sul piano della consequenzialità. Ho avvertito, nella seconda parte, una sorta di contrazione temporale che impedisce la fluidità non più dell'intreccio, ma della narrazione vera e propria. Se Pupi Avati è maestro nel non lasciare alcuni personaggi "in cerca d'autore", alcune figure, come quella femminile ambientata nell'"orto del Paradiso", non trovano sbocco significativo. È una regola ormai implicita nell'estetica cinematografica: quando il regista inserisce un personaggio e lo caratterizza, si sente l'urgenza che, anche se con pochi tratti, tale personaggio trovi compimento. Si pensi alla figura del grande Carlo Delle Piane, plausibilissima nell'incipit della storia, è recuperata nel finale in modo insolito e, mio avviso, non concluso. In parole povere: sembra che manchi un tratto di percorso narrativo. È chiaro che Delle Piane sempre domina la scena, perché occupa immediatamente lo spazio senza invaderlo; ma è proprio questa sua splendida capacità di calarsi in un personaggio che rende ancora più avvertiti delle assenze della storia.

Non basta a colmare questo frammento mancante un montaggio sempre serrato, tra i più riusciti del cinema italiano. A tal punto riuscito che, ben accompagnato dalle musiche di Riz Ortolani, fa anche perdonare la scelta scenografica dell'incredibile cappella del ritrovamento della Sindone: un biancore da simil medioevo che infastidisce, soprattutto dopo le felicissime atmosfere di penombra, vicine a quelle de L'arcano incantatore, nelle quali si erano svolte molte azioni del film. Molto riuscite le interpretazioni dei cinque cavalieri, calati in modo emozionato nella parte, soprattutto nell'evidenziare la comunione nelle diversità. La messa in scena è "tenuta" anche nelle sequenze più eclatanti e di grande respiro. Ma, ripeto, è il ritmo dell'azione la costante esteticamente più efficace del film, quel ritmo che esalta alcune pause non solo come sospensione dell'ansia, ma perché già lascia intravedere il senso dell'impresa.

 

Franco Patruno

(L'Osservatore romano, 19/04/2001)


Foto allegate

Articoli correlati

  Maria Paola Forlani. Il cinema cristologico
  Gianfranco Cercone. “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini
  Gordiano Lupi. Quattro consigli di lettura
  Franco Patruno. Una favola ben riuscita dove tutto è semplice, anche la sorpresa
  Gordiano Lupi. “Pupi Avati - Sotto le stelle di un film” di Paolo Ghezzi
  Maria Paola Forlani. Il Signor Diavolo di Pupi Avati
  Pupi Avati. Parenti, amici e altri estranei
  Ciack si trema
  Alberto Figliolia. "Una sconfinata giovinezza" di Pupi Avati
  Alberto Figliolia. Il figlio più piccolo di Pupi Avati
  Maria Paola Forlani. Le Stanze delle Muse
  Carlo Mazzacurati. Quell'inalterata purezza sul volto dei “perdenti”
  Maria Paola Forlani. I predatori dei ‘Beni artistici’, dei ‘Beni della comunità’
  Andrea Nascimbeni. “Vivere nello sguardo”
  Franco Patruno. Vangelo di Pasqua (2005)
  Carlo Bassi: Un grande architetto milanese, sempre, col cuore verso la sua Ferrara
  Gianni Cestari. Antologia
  Ricordando Ezio Raimondi con Franco Patruno
  “Purtroppo oggi ci compiaciamo di essere artisti più che uomini”
  Gian Luigi Zucchini. “Per una teologia dall’opera d’arte” di Franco Patruno
  Franco Patruno. La povertà del Golgota è la regalità (Pasqua, 2004)
  Maria Paola Forlani. NUOVI MONDI
  Ferrara. Videoarte a Palazzo dei Diamanti 1973-1979. Reenactment
  Natale Tf2015/ La notte della redenzione (2005)
  Lucio Dalla. Nell'intervista di Franco Patruno (2002)
  Gianni Cerioli. Altre promesse di segni
  Il Padiglione della Santa Sede. Il Papa alla Biennale
  Franco Patruno. Il corpo risorto, presenza reale e quotidiana
  Le donne nella Bibbia
  Andrea Nascimbeni. Andar per giardini, d’inverno
  Natale Tf2014/ Don Franco Patruno: “L'arte riflette il destino dell'uomo” (1999)
  Franco Patruno. Quel volto è la nostra storia (Speciale Pasqua, 2003)
  L’uomo Bartali nella riduzione tv di Alberto Negrin
  Palazzo Cini, La Galleria. Capolavori toscani e ferraresi dalla collezione di Vittorio Cini
  Don Franco Patruno. La libertà di dire, la verità di fare
  Premiazione Biennale d'Arte “don Franco Patruno”
  Ferrara. Concerto per Franco di Miotto e Rosini
  Patrizia Garofalo intervista Paola Sarcià
  Chagall, una retrospettiva 1908 – 1985
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy