Giovedì , 16 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mario Barrai. Mi nascondo dietro il mio fiore 
Notevole mostra/installazione di Barbarah Guglielmana contro la violenza sulle donne
06 Aprile 2020
 

La poetessa-artista veicola il messaggio attraverso i suoi “Aforismana”

 

 

Nata vicino alla Svizzera, la poetessa e artista chiavennasca Barbarah Guglielmana avrà forse visto le filiformi figure che l’elvetico Alberto Giacometti disegnava e scolpiva, dalle quali prorompe un silenzioso urlo di metallo... O forse avrà visitato il Museo Etrusco di Volterra, nel quale è conservata l’eccezionale “Ombra della sera”, così battezzata dall’immaginifico D’Annunzio, linea antropomorfa che anticipa di un paio di millenni l’Espressionismo internazionale. O forse né l’uno né l’altro, Barbarah avrà tratto dalla propria inquieta sensibilità l’ispirazione per disegnare esilissimi ometti, e donnine riconoscibili da un gomitolo arruffato che suggeriscono capelli femminili, che costituiscono la base grafica dei suoi “Aforismana”, gioco di parole fra il suo cognome e gli aforismi, di cui Oscar Wilde è il genio insuperato.

Barbarah non è affatto nuova ai giochi e ai tormenti delle parole. Esordisce in poesia una quindicina d’anni fa, con gli slam poetry e le fanzine che ruotavano intorno al movimento culturale del “Sottovento” di Pavia, città in cui lavora come medico, e fa volontariato; scopre si possedere un animo tormentato e generoso, che la porta a dare tutta sé stessa nelle cause umanitarie, dalla professione alle ore libere spese per il Centro Antiviolenza “LiberaMente”, da Emergency all’ambulatorio per i migranti privi di cure, che fonda al Policlinico “San Matteo” di Pavia, per il quale è stata insignita, col suo piccolo ma battagliero e instancabile staff, del “San Siro”, l’onorificenza che annualmente il Comune conferisce ai cittadini meritevoli. Tale animo generoso e tormentato, che la porta a sentire/vivere al massimo grado le proprie emozioni, e a empatizzare la sofferenza altrui ovunque si trovi, e a impegnarsi per sanarla o alleviarla, la portano a scrivere potentissime poesie che scaturiscono direttamente dalla sua vita: non solo le esperienze del privato, ma anche quelle, drammatiche, delle persone con cui entra a contatto, per lavoro o volontariato.

Vita e poesia diventano un tutt’uno, e dalle prime raccolte autoprodotte, in cui si sente il rombo del magma in fondo al vulcano, ecco uscire tre volumi, di progressiva crescita artistica, in cui l’autrice getta sulla tela gioie e dolori, senza risparmiarsi, con sincerità e sempre senza paura di mettersi a nudo. Da Rondini come formiche (O.M.P., Pavia, 2009), passando per Davanti alla tenda (LietoColle, Faloppio-CO, 2014), fino ad Andavo per nuvole e onde (con foto di Anna Venturini, La Vita Felice, Milano, 2017), l’amore e il sesso, i ricordi d’infanzia e l’amata città di elezione, le malattie e la guerra, la natura e l’incantesimo delle piccole e grandi cose, l’ospedale e le ingiustizie sociali, sono esplosi in versi viscerali, possenti e delicati, femminili e dirompenti, veri e tangibili. L’anima viene sbattuta sulla tela come un dripping di Pollock, o gioisce con fiori in mano.

Oltre alla scrittura e ai numerosi reading, inizialmente a Pavia e Milano, poi dal nord al sud della Penisola, molto graditi al pubblico per intensità e genuinità, ma anche per freschezza, umiltà e simpatia, la dottoressa-poetessa ha sentito l’esigenza di esprimersi anche con altri mezzi. Dalla penna è uscita la linea di cui parlavamo all’inizio, forse magra dal punto di vista esistenziale, forse rappresentativa di umiltà, forse della nudità di fronte alla vita che è spesso tipica delle persone di elevata sensibilità e intelligenza? Questa linea, che si vede meditabonda in una delle sue prime apparizioni, la copertina di Rondini come formiche, col tempo si è evoluta nel binomio immagine + parole, per veicolare un messaggio, spesso in cortocircuito di senso: un aforisma, anzi un “aforismana”. Nel 2018 ne ha esposti alcuni nella Galleria “Avart” di Camogli (GE), poi in altre città, fino all’odierna iniziativa. Ma, prima di parlarne, facciamo ancora un passo indietro.

Un mese fa, scoppiata l’emergenza Covid-19, Barbarah si reca ai margini stradali di Codogno, bel Comune del Lodigiano, purtroppo assurto alla cronaca per gli sfortunati che hanno contratto il virus, e ha fatto una performance: giunta al confine della “zona rossa”, davanti al cartello segnaletico del paese, sovrappone al medesimo alcuni “aforismani”. Con questo gesto fa riflettere su termini come isolamento, maschere, malattia, che oggi sono purtroppo connessi alla pandemia, ma che fanno parte del quotidiano anche in tempi normali, ma con differenti significati; tale performance è documentata in un’intervista di Radio Popolare all’artista-poetessa, nel programma “Girasoli” del 7 marzo, in apertura.

Tale vena sociale ha dato vita, nuovamente, a un’iniziativa artistica, comparsa il 5 aprile sulla pagina facebook “Non Una Di Meno Pavia”, dal titolo I panni si lavano in casa. Barbarah ha disegnato a colori su singoli fogli, e poi appeso nella propria casa con mollette, come panni del bucato, “aforismane” femmine che indossano ironicamente, col loro corpo filiforme, un capo d’abbigliamento, associato a un’emozione; l’obiettivo è denunciare la violenza sulle donne, e contemporaneamente mostrare lati autentici della femminilità, fuori dagli stereotipi. Ecco una “linea” minuscola distesa dentro un paio di mutande rosse (“la vergogna”), a gambe incrociate in uno sproporzionato reggiseno giallo (“il pudore”), col capo reclinato e sui talloni in un vestitone rosa (“la fragilità”), e così via, affrontando l’isolamento, la paura, il senso di colpa, il dubbio, i desideri, il bisogno di protezione e il coraggio.

Lodevole iniziativa dal punto di vista sociale, perché è sempre doveroso sollevare l’attenzione sulla piaga della violenza sulle donne, spesso subita in casa, come suggerisce il titolo della mostra/installazione. Ma notevole anche dal lato creativo: oltre all’originalità dell’idea dell’esposizione in casa, che appunto richiama il tragico tema, si nota la capacità di trattare un tema così drammatico non solo con sensibilità, ma anche con fantasia, ironia, giocosità, tripudio di colori: all’arcobaleno degli abiti disegnati si unisce quello delle mollette, e di autentici indumenti intimi. Reggiseni raffinati e body floreali sembrano suggerire agli uomini un modo diverso di vedere le donne fuori dagli stereotipi dei mass media e delle consuetudini maschiliste. L’artista sembra voler comunicare che l’identità e la sessualità femminile sono estremamente particolari, misteriose, allusive, nascoste, sofisticate, interiori, eleganti… Difficilmente esprimibili dalle donne, e spesso con imbarazzo, per i pregiudizi, che le costringono a nascondersi dietro al loro fiore, come nello splendido verso di emily dickinson (i hide myself behind my flower).

Siamo lieti di segnalare questa coraggiosa, bella e utile installazione, e di salutare questa nuova fase artistica di Barbarah. Tornando al campo letterario, a nostro parere è una delle migliori poetesse a livello nazionale; ci auguriamo pertanto di veder presto pubblicata una sua nuova raccolta, e di vederle riconosciute, da un’ampia critica, le qualità che possiede. Auspichiamo che editori nazionali si accorgano di lei, e le diano lo spazio che merita.

 

Mario Barrai



Foto allegate

Articoli correlati

  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Spropositato essere...
  Natural tribute
  Oltre le indicazioni
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Adoro il potere delle parole...
  In libreria/ Marcella Barbieri. Luce del faro
  Barbarah Guglielmana. Il piccolo longobardo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era un legno a fucile disteso a terra...
  Ilaria Francesca Martino. C'è chi scende e c'è chi sale
  Alberto Figliolia. In Aforismana con Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Erano candele caramellate...
  Alberto Figliolia alla mostra di Alberto Giacometti a Milano
  ‘Cercando l’anima nella materia’
  AmbriaJazz Festival 2016: conclusa la 8ª edizione
  Il Tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky
  Alberto Figliolia. Meret Oppenheim al LAC di Lugano
  Alberto Figliolia. The Desire for Freedom. Arte in Europa dal 1945
  Alberto Figliolia. Surrealismo Svizzera
  Alberto Figliolia: LAC. Orizzonte Nord-Sud
  Maria Paola Forlani: ALBERTO GIACOMETTI
  Hodler – Segantini – Giacometti. Capolavori della Fondazione Gottfried Keller
  Gino Songini. Io ti ricordo, caro professore
  Gianfranco Cercone. “Wilde Salomé” di Al Pacino: le ambiguità di Oscar Wilde
  Marco Amore. L’uomo, il suono, la natura
  Patrizia Garofalo. Appassionata arringa di un poeta sulla spiritualità dell’imperfezione
  Simone De Andreis. Il Nord Africa nella letteratura di fine Ottocento
  Il richiamo del Jobèl. La ballata del carcere di Reading
  Istituzioni/ Intervista ad Alessandra Borsetti Venier
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy