Lunedì , 20 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Il “vade retro” di Benedetto XVI
16 Gennaio 2008
 

Appena arrivata in Senato la notizia, che il papa aveva rinunciato all'inaugurazione dell'anno accademico alla “Sapienza”, alcuni e alcune hanno preso la parola in modo molto retorico, stracciandosi le vesti, D'Onofrio e Fisichella persino minacciando di dimettersi dall'Ateneo (dove hanno cattedre) se la loro Facoltà non avesse chiesto scusa al papa. Ho preso la parola io pure, dicendo che se il papa rinunciava alla visita alla “Sapienza”, ritiravo la mia proposta, che era la seguente: per mantenere un certo equilibrio tra i due poteri che per Costituzione sono ciascuno nel suo ordine indipendenti e sovrani, il presidente Napolitano doveva essere invitato a inaugurare l'anno accademico alla Gregoriana, la più famosa e importante tra le università pontificie esistenti.

Qualcuno avrà pensato che fosse una battuta, in parte lo era, ma soprattutto intendevo e intendo dire che nel Parlamento non è necessario sottoscrivere documenti altrui, bisogna muoversi e decidere secondo la propria competenza e funzione, quella, in primis, di osservare e far osservare la legge fondamentale della Repubblica.

Noto che con le università questo papa sembra non avere un buon rapporto, si ricorderà la famosa gaffe di Ratisbona appena eletto: resto dell'opinione che oggi ha un ufficio stampa non così eccellente come quando lo dirigeva Navarro Bals.

Comincio a ragionare dagli argomenti proposti: il papa voleva parlare sulla moratoria della pena di morte. Giusto, la Chiesa cattolica la considera lecita, a certe condizioni e non l'ha abrogata, che io sappia, nel suo stato, anche se da molto tempo applica la moratoria: ma non chiese mai che fosse sospesa in Cile o in Argentina. È stata molto defilata nella lunga vicenda e può voler rimediare. Perché da una università italiana? tra le glorie del nostro paese c'è il Granducato di Toscana, il primo stato al mondo ad abrogare la pena di morte, c'è Beccaria e davvero in materia non avremmo bisogno di lezioni. Forse a una moratoria avrebbe voluto legare un'altra, quella dell'aborto? Qui sarebbe entrato nella legislazione vigente e davvero la lesione del Concordato sarebbe stata palese e indifendibile. Anche perché nessuno avrebbe potuto prendere la parola per difendere la legge che il papa attacca sotto un profilo teologico e nelle università italiane non si insegna teologia nelle facoltà di filosofia.

Sembra che Benedetto XVI non ami il Concordato che invero non c'è né in Austria né in Germania. Se è così inizi le procedure per la sua denuncia e troverà alleati in buon numero.

Nelle università dei paesi nordici le facoltà di Filosofia comprendono anche cattedre di teologia (non necessariamente cattolica ma anche evangelica ecc.), e quindi vi è un intreccio e un dialogo alla pari e anzi le Facoltà pubbliche sono servite più d'una volta per mettere al riparo teologi scomodi dalle condanne ecclesiastiche. È successo a teologi sudamericani della liberazione e ad Hans Kueng.

Durante la formazione dello stato italiano la teologia fu scartata dalle università per il sommarsi di due opposti pregiudizi, quello del nascente stato italiano, di osservanza soprattutto francese e quindi accesamente laicista, anche per la Questione romana aperta e pesantissima. Sicché i ministri dell'istruzione dissero che la teologia non è una scienza, perché l'oggetto delle sue ricerche non esiste: come se una scienza si giudicasse dall'oggetto e non dal metodo, e nessuno può mettere in discussione il rigore e la precisione filologica della teologia. Ma allora le fu negato l'ingresso nelle università. La Chiesa a sua volta non insistette molto. Vi era il pericolo modernista, l'evoluzionismo, Darwin e Malthus, si temeva il confronto, Buonaiuti poteva essere ospitato, come fu, in una università pubblica e avere ancora una cattedra senza che potesse essere ridotto al silenzio come la Chiesa avrebbe voluto. La quale Chiesa, per tenere al sicuro le sue pecorelle rinunciò a chiedere cattedre di teologia nelle facoltà di filosofia e mise la teologia solo nei seminari, come materia specifica dei preti. Di conseguenza i fedeli potevano e possono essere molto ignoranti, basta che siano docili e obbedienti. Un bel guaio da ambedue le parti, come sempre, quando si ha paura della libertà.

Resta l'argomento che il papa è il vescovo di Roma e infatti nessuno pone il minimo ostacolo al dispiegarsi della sua azione pastorale nella capitale, come nessuno ne pone ad altri meno famosi vescovi. Ma se il vescovo di Torino volesse inaugurare l'anno a palazzo Campana, credo che ci sarebbero proteste. Proteste comunque ci sono state all'università di Palermo, dato che l'arcivescovo voleva inaugurare l'anno accademico con una messa in Facoltà. C'è un piano vaticano ben congegnato per prendersi la cultura? non faccio mai dietrologie, ma durante un pontificato neotemporalista come il presente, ci si può aspettare questo e altro. Il culto mediatico della superstizione per i popolo e i cenacoli accademici per chi conta. Per ora nelle università e nelle assemblee solenni sembra che abbia messo insieme solo laici teneri e atei devoti: ma non mettiamo limiti alla provvidenza. 

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy